videogame culture

Pentiment, cosa ci piace del narrative game con al centro la Storia

Chi ha detto che le avventure grafiche sono morte? Monkey Island, Broken Sword sono tra i capostipiti di questo filone che oggi accoglie titoli davvero interessanti e di successo: il caso di Pentiment, il videogame in cui gioco e informazioni colte sono bilanciate bene

Pubblicato il 06 Feb 2023

Lorenza Saettone

Filosofa specializzata in Epistemologia e Cognitivismo, PhD Student in Robotics and Intelligent Machines for Healthcare and Wellness of Persons

word-image-170721-6

I narrative games e le avventure grafiche sono essenzialmente videogiochi in cui il game play è minimo, per lasciare spazio alla trama. In titoli come Monkey Island, Broken Sword – tra i capostipiti di questo filone – i rompicapo la fanno da padroni, con grafiche cartoonesche e storie ingegnose. In altri, invece, non si trovano puzzle, mentre l’obiettivo è proseguire, leggere, scegliere percorsi ed opzioni di dialogo. Mi riferisco ad esempio a Kentucky Route Zero, Genesis Noir, Coffee Talk o Pentiment.

Se i videogiochi ci aiutano a conoscere la Storia: i casi di Venti Mesi e War of Heroes

In particolare è di quest’ultimo titolo che mi appresto a scrivere.

Pentiment, il videogame che ci riporta nella Germania del 1500

Pentiment è pubblicato da Xbox Studios, sviluppato da Obsidian Enterteinment ed è uno dei giochi rivelazione del Game Pass. Sì perché spesso la bellezza di questo abbonamento mensile è quella di poter scaricare e provare giochi a cui normalmente non avremmo mai dato una prima possibilità. Per lo più capita che si stia provando una “rumenta”, ma nel caso di Pentiment così non è.

Come esistono i romanzi storici, Umberto Eco con il Nome della Rosa è uno dei titoli più noti al mondo, esistono anche i videogame storici. Sì, quest’avventura grafica ci introduce in una cittadina tedesca del 1500, in piena rivoluzione luterana ed è doveroso che ci venga in mente proprio il grande filosofo alessandrino.

Da filosofa, gamer ed ex docente (per adesso) di storia e filosofia non posso che plaudere questo titolo. Si citano Ficino, storia antica e moderna, usanze, dettagli di cui anche io non ero a conoscenza e che mi ha fatto piacere approfondire. In effetti sono tutti ganci utili da portare in classe (e a casa!), tramite uno screenshot o una sessione di gioco, per parlarne o guidare ricerche ipertestuali su internet. Insomma diventa facile affrontare un laboratorio di storia e di filosofia con questo gioco. Il fine sarà risolvere un enigma, un omicidio misterioso, ma nel frattempo si possono discutere tanti dettagli storici di grande interesse, elementi letterari, filosofici, artistici e andropologici.

La grafica di Pentiment

Anche la grafica è oltremodo azzeccata. Il personaggio è un miniatore presso l’abazia di Tessing, in Baviera, perciò la scelta di rendere il tutto come se fossimo noi stessi disegni di un libro medievale è perfetta. L’arte degli amanuensi sta scomparendo anche nel gioco, al posto della più comoda e democratica stampa, che tra l’Umanesimo e la rivoluzione luterana porterà l’arte del manoscritto alla scomparsa. Anche nel videogame si legge spesso tirare in ballo la questione e lo stupore di nobili che percorrono la vicenda nel trovare un miniatore laico e giovane ancora in attività.

Gli altri dello scriptorium sono tutti monaci ormai anziani. Ognuno dedito a trascrivere e disegnare un libro. Andreas, il nostro protagonista, soggiorna presso una famiglia del villaggio. Spremuti dalle nuove tasse dovute all’abate, chiedono anticipi sull’affitto. Così il miniatore, grazie a scelte persuasive nei dialoghi, può ricevere un anticipo sul suo lavoro commissionatogli dai monaci stessi: un tipo di manoscritto miniato che contiene una forma abbreviata di preghiere e altri testi religiosi. La biblioteca dell’abazia è oltremodo ricca, contiene testi proibiti e occulti, poiché il vecchio abate era curioso e aveva fatto in modo di raccogliere testi di diversa specie. I monaci possono accedere al prestito grazie all’intercessione di Illuminata, una suora che vediamo attraverso delle grate. In un dialogo con lei si parla del ruolo delle donne e di Didone, condannate a essere strumenti nelle storie dei maschi. Come si capisce ogni elemento della vicenda può suggerire spunti di conversazione. In questo caso molto si può dire della rappresentazione femminile nei media, quasi sempre semplificazioni personologiche, o madri o streghe, tertium non datur.

Il gioco

Nel gioco si esplorano pascoli, cripte, villaggi, foreste, nelle quali si trovano i personaggi che davvero ai tempi venivano relegati ai margini, tra cui gli stranieri e i fabbri, questi ultimi tanto importanti quanto temuti, a causa del loro lavorare il fuoco, materia infernale. Nel libro Medioevo simbolico tra le altre cose si parla del significato che i medievali davano ai materiali e della maggiore o minore volontà di avere a che fare con legno, osso, metallo, tinture. A seconda di quanto si allontanasse dagli oggetti di origine vivi come piante o animali e di quanto gli artigiani permettessero alchimie e mutamenti, le persone tendevano a guardare con sospetto chi si occupava di tali arti.

Nel videogioco si legge delle origini di Tessing, di un passato pagano sia antico sia medievale, che infatti fino a tempo prima era tollerato dalla Chiesa, mentre adesso, mentre infuocano le eresie, gli ecclesiastici regolamentano ed impediscono agli abitanti abituati a parlare della “Dama Bianca mentre hanno nel cuore il Cristo” di mantenere questa tradizione ibrida. E’ proprio così. Il Medioevo non era oscuro e dogmatico come si può pensare. Al contrario mischiava stregoneria e guaritori al monoteismo. C’era tolleranza e nel confessionale, posto al centro della chiesa e non ai margini come dopo il concilio di Trento, non si discuteva di ciò che avveniva in camera da letto, o comunque molto poco. Più che altro la chiesa faceva da collante pubblico, comunitario, facendo le veci di uno Stato assente e nel confessionale, centrale e sotto gli occhi di tutti, si chiedeva perdono per ricucire relazioni e calmare dissapori pubblici. Nel Cinquecento le cose cambiarono. Mentre si diffusero, anche nella Chiesa stessa, lamentele e richieste riformistiche per lo strapotere, il concubinato, l’indulgenza, la risposta del clero divenne repressiva. Vennero codificati i dogmi in maniera più rigida, furono bruciate le streghe e venne operato un controllo serrato, al fine di impedire che le antiche tradizioni pagane miste al cristianesimo minassero una mai vista prima intransigenza cattolica, sperando così di frenare lo spandersi di gruppi eretici e di scissioni pericolosi per il potere accentrato. Tuttavia tale tentativo di controllo non è veramente riuscito, basti vedere le nostre campagne, in cui sopravvivono tutt’oggi riti pagani e credenze politeiste.

Se si fa un giro per TikTok abbondano video di stregoneria e occultismo, segno è che la Chiesa ha potuto far poco per impedire il culto dei morti o le pratiche pagane.

Nel gioco si fa spesso riferimento a Perchta, una divinità delle zone alpine, germaniche, legata alla caccia e probabilmente l’origine della Befana. Segno di nuovo che il concilio di Trento ha fallito. Pentiment è zeppo di riferimenti all’occultismo. Ci sono indizi disseminati nei libri miniati, in cui segni zodiacali e altri elementi si fanno indizi per la vicenda. Consiglio infatti di non lasciarsi sfuggire niente, perché, alla fine, Pentiment resta un gioco in cui c’è da risolvere un caso di omicidio.

La storia si fa utile allo scopo del gioco

Pentiment è bello anche perché il gioco non è secondario e la storia si fa utile allo scopo, non sembra che il videogame sia inserito in una lezione frontale al solo scopo di attirare i ragazzi con la promessa di videogiocare, per poi ritrovarsi a dormire su paragrafi semplicemente messi in bocca a un personaggio disegnato. Insomma, non c’è nulla di serioso benché resti tutto storicamente attendibile. Non è stato scritto da un intellettuale che pensa di aver fatto una furbata ingannando con uno zuccherino la medicina. Qui gioco e informazioni colte sono bilanciate bene, costruiti su più piani, sfogliabili a piacimento a seconda del tipo di gamer. Non scontato, Andreas Maler, il protagonista, è poi molto simpatico. Sta a noi scegliere il suo background e le sue fisse. Io l’ho fatto studiare presso le corti italiane del Rinascimento e l’ho pensato esperto di Magia, Dialettica, Teologia. Nelle scelte dialogiche è diventato (per mia colpa o merito) un dongiovanni cinico, insomma, un mezzo demonio.

Come il libro “Gaming. Saggi sulla cultura algoritmica” sostiene, la narrazione dei videogame è azione che avviene passo passo mentre il gamer gioca con la macchina. Ci sono elementi propri della diegetica che competono o al software o all’utente, altri che non riguardano il racconto, ma finiscono per farne parte. Insomma, i machinima o il personaggio che sbadiglia mentre lasciamo in sospeso il gameplay sono azioni narrative proprie della macchina, noi che colpiamo un nemico o risolviamo un rompicapo sono atti narrativi dell’utente. Quando il gioco crasha o otteniamo un bonus persuasione o quando consapevolmente mettiamo in pausa o lavoriamo sulle impostazioni dell’avatar, sono tutte azioni non diegetiche portate avanti dalla console o dagli utenti, che però finiscono per avere un peso sul racconto. Insomma, c’è una sostanziale differenza rispetto a un libro. Nel videogame si costruisce la storia, è qualcosa che accade, un avvenimento di cui per metà l’utente è libero e quindi responsabile. Insomma, sebbene il gameplay di Pentiment non preveda dinamiche complesse, la storia non è lineare. Le scelte hanno un peso, tutte, determinando per ciascun utente un’esperienza di gioco diversa.

Conclusioni

In conclusione, Pentiment è un videogame carino, per tutti, in cui la storia, le citazioni, arrivano in modo mai forzoso e pedante. Tutto è immerso in un’atmosfera simpatica e accattivante. C’è cura stilistica e scelte grafiche azzeccate. Insomma, un bel gioco a cui dedicarsi per rilassarsi e conoscere.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3