scenari

Realtà virtuale: sfida e opportunità per l’editoria italiana

Gli editori italiani si sono mossi in ritardo e, per lo più, copiando modelli stranieri, ma c’è spazio per recuperare terreno. Non tanto nel settore dei videogame, dove si sconta la mancanza di un grande editore, quanto in aree come la formazione e il turismo

03 Mag 2017
Gualtiero Carraro

Founder and partner

social_304801595

Il digitale rappresenta da sempre una sfida strategica e ambivalente per l’editoria: mentre da una parte alimenta le più profonde minacce per il comparto, già colpito dall’erosione delle pubblicazioni cartacee a favore dei canali digitali, dall’altra può far nascere le eventuali opportunità future.

Tra le tendenze tecnologiche emergenti figura certamente la “Virtual Reality”, che insieme alla “Augmented Reality” concorre a definire la nuova industry dei media immersivi, fortemente finanziata dalle Global Internet Company, da Facebook a Google, da Samsung a Microsoft.

Il segmento editoriale che fin dall’inizio si è alimentato di contenuti virtuali è senza dubbio quello dei Videogame, che non a caso vengono indicati dalle ricerche di mercato come il principale ambito applicativo della realtà virtuale. Il comparto videoludico, uno dei più ricchi, remunerativi e 1anticiclici del digitale, sta già investendo notevolmente nello sviluppo di titoli dedicati ai visori di realtà virtuale, ad esempio Sony Playstation. Va tuttavia osservato che in Italia non esiste nessun grande editore di videogame. Le eventuali opportunità legate alla realtà virtuale per l’editoria italiana vanno quindi trovate in un contesto diverso da quello videoludico.

Le tecnologie di visualizzazione e i canali di pubblicazione sono molteplici: dai visori di realtà virtuale agli smartphone, dai web browser innovativi ai social media. Possono essere considerati media immersivi anche le proiezioni a 360 gradi e gli occhiali di realtà aumentata.

La chiave della realtà virtuale non risiede quindi in una singola tecnologia, ma piuttosto in una nuova esperienza del contenuto. Un aspetto interessante della VR Industry è appunto il ruolo centrale del contenuto, da sempre un asset cruciale per gli editori. I contenuti per la realtà virtuale sono costituiti da almeno 3 tipologie: immagini sferiche, video a 360 gradi, simulazioni 3D in realtime. Dopo secoli di cornici, pagine, schermi sempre bidimensionali e frontali, per la prima volta il pubblico si trova al centro di contenuti sferici, esplorabili in modalità immersiva, a 360 gradi.

La progettazione e produzione dei contenuti immersivi comporta logiche profondamente innovative: non a caso Spielberg considera la realtà virtuale una minaccia per il cinema, in quanto trasgredisce le regole fondamentali della inquadratura e della sceneggiatura lineare.

Siamo dunque di fronte ad uno scenario totalmente nuovo, un “blue ocean” che potrebbe diventare centrale nei media del XXI secolo.

Ma è possibile essere innovativi in Italia anche in un settore così avanzato come la realtà virtuale? Alcuni precedenti potrebbero deporre a favore di una risposta positiva. La più popolare e utilizzata applicazione di WEB VR del mondo è probabilmente Street View. Pochi sanno che la tecnologia Street View è stata introdotta per la prima volta in Italia nel 2006, grazie all’investimento di un editore italiano, Seat Pagine Gialle. Solo in seguito Google ha adottato questa soluzione e l’ha diffusa in tutto il mondo.  La prima applicazione immersiva per iPad – “Roma Virtual History” – è invece stata pubblicata da Mondadori, è divenuta un best seller globale ed è stata presentata da Steve Jobs nel 2011. L’editoria italiana è quindi già stata e può essere ancora innovativa nei media immersivi.

Escludendo i videogame, quali potrebbero essere le applicazioni editoriali della realtà virtuale?

La risposta non può prescindere dall’analisi delle fasi di mercato: siamo ancora in una fase preliminare, in attesa della definizione di standard internazionali, e dell’adozione di massa dei dispositivi hardware, due fattori abilitanti per la pubblicazione e distribuzione di opere editoriali.

Ma qual è il momento corretto per investire in una nuova tendenza tecnologica come la realtà virtuale?  Gli editori italiani non hanno certo brillato per le scelte di “time to market” nel digitale: in generale sono arrivati in ritardo, con un approccio nazionale e quindi limitato, copiando modelli stranieri.

In questa fase sarebbe importante sondare l’utilizzo dei media immersivi, sperimentare la produzione dei contenuti, analizzare il comportamento degli utenti.

Appare già evidente che la realtà virtuale può diventare rapidamente una esperienza di massa. Ad esempio, durante Expo 2015 almeno 1 milione di persone hanno sperimentato positivamente l’utilizzo dei visori VR. Su Youtube e Facebook si possono già vedere video a 360 gradi con molti milioni di visualizzazioni.

Va quindi seguita con interesse l’iniziativa “Corriere 360” con cui il quotidiano milanese si è gettato a sperimentare l’”immersive journalism” ad aprile 2017. Peraltro il primo video 360 del Corriere risale ad Expo 2015, ma allora gli editori italiani non disponevano di un proprio sistema di pubblicazione, e dovevano appoggiarsi su Youtube e Facebook. Le iniziative di giornalismo immersivo vanno monitorate, in particolare per capire se potranno essere sostenute da un business model remunerativo.

La realtà virtuale può essere utilizzata efficacemente anche per il lancio di opere editoriali. Sky Italia ad esempio ha utilizzato video 360 e applicazioni immersive su Facebook per il lancio della serie televisiva “Il trono di spade” nel 2017. Nel contesto di fiere ed eventi l’esperienza virtuale è molto attrattiva.

Un contesto promettente per l’applicazione editoriale della realtà virtuale è la formazione. Stanno già nascendo applicazioni educative e corsi di formazione in VR. Ad esempio, ci si aspetta che Google Expeditions abbia almeno un milione di utenti tra gli studenti nel Regno Unito nel 2017. In Italia uno dei primi operatori di formazione ad applicare la realtà virtuale nei corsi è SAEF, in particolare per l’antincendio.

Altro contesto favorevole sono le mostre e i centri-visita turistici. Gli editori impegnati nell’arte e nel turismo possono sin d’ora creare Oculus Room all’interno di grandi mostre oppure offrire contenuti immersivi nei punti informativi per i turisti. Skira ha ottenuto buoni risultati già nel 2015 dall’applicazione virtuale “Being Leonardo” nella mostra a Palazzo Reale. Nei paesi del nord Europa sono sorti diversi Cinema a 360 gradi (ad Amsterdam e Berlino, ad esempio) a pagamento, con una programmazione di film immersivi. Gli Oculus stanno diventando punti di attrazione all’interno delle librerie in Germania. In una strategia O2O (Online to Offline) la realtà virtuale può diventare un prodotto chiave per gli editori.

In prospettiva, quando saranno definiti gli standard e diffusi i dispositivi su larga scala, è possibile immaginare la produzione di opere editoriali virtuali. Nella prima stagione dell’editoria multimediale, la fase dei CD ROM negli anni ’90, le principali opere editoriali erano le enciclopedie. Tra queste, il maggior successo in Europa fu Omnia pubblicata DeAgostini, che aveva una struttura virtuale e conteneva un gioco del sapere ispirato a metafore 3D. Esistono quindi precedenti di successo – al di là della successiva estinzione tecnologica del supporto CD – che ci possono far immaginare opere editoriali in realtà virtuale.

Il controllo del canale distributivo potrebbe essere ottenuto dagli editori anche con una strategia omni-channel, offrendo al pubblico diverse esperienze immersive sia On Line, che su visori in ambito domestico, che nelle librerie o in contesti espositivi dedicati.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link