responsabilità delle piattaforme

Contenuti d’odio dai social, Ziccardi: “I sei punti che domineranno il dibattito”

Non è facile prevedere il futuro sul tema della rimozione dei contenuti d’odio, ma certamente la discussione si sposterà, e in alcuni casi si è già spostata, su sei punti. Vediamo quali sono

20 Dic 2021
Giovanni Ziccardi

Information Society Law Center, Università degli Studi di Milano

hate_speech4

Il tema assai caldo, e spigoloso, della rimozione dei contenuti d’odio e illegali dalle piattaforme è ancora oggi al centro di un vivace dibattito che si è infiammato dopo la scelta dell’Unione Europea di accelerare – con diverse propose di Regolamenti – nella creazione del tanto atteso “mercato unico digitale” dei dati, dei servizi, delle piattaforme e dell’intelligenza artificiale.

Il dibattito, come è noto, è nato attorno al 2000, quando la scelta politica dell’Unione Europea di limitare la responsabilità delle piattaforme e dei fornitori di contenuti per stimolare lo sviluppo del mercato europeo del digitale (senza soffocare in partenza il futuro business delle piattaforme) ha condizionato pesantemente il futuro sino a oggi.

Moderazione dei contenuti social: cosa sappiamo sulle liste di “intoccabili”

Tre Paesi – la Germania, la Francia e l’Austria – hanno quindi deciso, tra il 2018 e il 2021, di prendere l’iniziativa con leggi statali miranti proprio alla limitazione di un asserito strapotere delle piattaforme nella gestione dei contenuti d’odio e una discrezionalità nelle scelte di cosa rimuovere.

Al contempo l’Unione Europea ha manifestato la volontà, con il Digital Service Act, di “centralizzare” il tema e di prevedere una disciplina uniforme per tutti gli Stati, criticando non velatamente l’azione dei tre Stati. Per di più, la normativa francese è incappata in un brutto giudizio di incostituzionalità.

Non è facile prevedere il futuro, sul tema, ma certamente il dibattito si sposterà, e in alcuni casi si è già spostato, su sei punti.

Vediamoli insieme.

Una definizione certa dei tempi di rimozione

Quali potrebbero essere dei tempi corretti, per le piattaforme, per la rimozione dei contenuti d’odio o illeciti?

Non è facile dare una risposta. Sinora le proposte normative, e le norme già vigenti, ruotano attorno a tre “scadenze”: 1 ora, 24 ore o 7 giorni.

WHITEPAPER
Contact Center, AI e Real Time Analytics: stai adottando l’innovazione in modo corretto?
Big Data
CRM

Il termine di 1 ora dalla segnalazione da parte dell’autorità è visto come congruo, da molti, per i contenuti correlati al terrorismo (propaganda, radicalizzazione, chiamata all’azione e attentati) e, in alcuni casi, anche per pedopornografia e tratta di minori.

Il termine di 24 ore si pensa congruo per contenuti d’istigazione all’odio, soprattutto razziale, religioso, omofobico e antisemita.

Il termine di 7 giorni sembra essere il più adatto per quei contenuti che hanno necessità di una review – o vaglio accurato che dir si voglia – in quanto potrebbero essere, seppur crudi, consentiti dai principi di libertà di manifestazione del pensiero.

Di certo, la scelta dei tempi deve anche tener conto della complessità della gestione dei contenuti, oggi, in piattaforme che hanno assunto ormai dimensioni enormi e che spesso hanno pochissimo personale deputato al primo intervento sulle segnalazioni.

Il tempo di reazione coinvolge anche un secondo dibattito circa le competenze specifiche che dovrebbero avere i dipendenti delle piattaforme deputati a tale scelta: non è assolutamente facile comprendere, nei casi concreti, se il contenuto sia meritevole di rimozione o di protezione in una attività che si riduce spesso a click in pochi secondi seguendo alla lettera griglie ed elenchi preparati dalle piattaforme stesse. L’oscurità di tali procedure è sicuramente un grande problema da risolvere.

La necessità di una maggiore trasparenza nelle procedure interne

Un secondo dibattito ha coinvolto, soprattutto in Germania, i cosiddetti “report di trasparenza”, ossia l’obbligo, per le piattaforme, di dettagliare almeno ogni sei mesi le azioni che compiono con riferimento ai contenuti rimossi.

Si tratta dell’unico modo per raggiungere l’obiettivo di evitare l’overblocking, ossia la censura causata dalla rimozione per pura opportunità (e timore di sanzioni) di contenuti che in realtà sarebbero ammessi dall’ordinamento.

Questi report dovrebbero essere estremamente dettagliati e apparire sin da subito non solo veritieri ma, anche, molto curati: numero di richieste, decisione, motivazione, percentuale di rimozioni in rapporto alle richieste, competenze di chi decide.

Il GDPR ci ha già abituato all’importanza della trasparenza nella protezione dei diritti, e la stessa cura è necessaria anche e soprattutto con riferimento a contenuti, ed equilibri, così delicati.

L’istituzionalizzazione di soggetti qualificati (o “trusted flaggers”)

Interessante, nel futuro, l’istituzionalizzazione (da parte degli Stati o del diritto dell’Unione) di soggetti qualificati che possano garantire segnalazioni per la rimozione di contenuti considerate in qualche modo “più affidabili” e più meditate (in un’ottica di competenza) delle semplici segnalazioni degli utenti.

Tali soggetti non lavorerebbero per le piattaforme, ma per migliorare il quadro della società digitale. Si pensi non soltanto ad autorità indipendenti ma, anche, ad organizzazioni non profit, o di attivisti, che potrebbero alzare il livello qualitativo delle segnalazioni togliendole da un dibattito incontrollato e da una lite ormai quotidiana degli utenti (che usano spesso il fenomeno della segnalazione come forma di bullismo). Si tratta di un aspetto delicatissimo soprattutto in un’ottica di garanzia di imparzialità – e di indipendenza dal contesto politico – di simili enti.

La possibilità, sempre e comunque, di un “appello” nei confronti della decisione

Da più parti si sostiene che un simile progetto di riforma della gestione dei contenuti d’odio e illegali da parte delle piattaforme debba sempre prevedere la possibilità per i produttori di simili contenuti di contestare la scelta della piattaforma e di poter attivare un meccanismo di appello rapido.

Un simile meccanismo presuppone, però, una informazione immediata e trasparente al soggetto stesso delle procedure che sono state seguite e una grande cura nelle motivazioni.

Negli ultimi anni è stato delegato alle piattaforme, in molti casi, il ruolo di “giudice di primo grado” (si pensi alla disciplina del diritto all’oblio), ma tale ruolo dovrebbe anche comportare obblighi precisi nel percorso motivazionale.

Che ruolo avrà il giudice?

Come entrerà, in questo sistema di riforma, la magistratura?

Le proposte di coinvolgere i giudici sin da subito, nella gestione dell’odio, con sezioni specializzate (o simili) è inapplicabile vista la mole di contenuti d’odio che girano ogni giorno e i conseguenti milioni di reclami.

Di certo, nei casi più delicati, o che hanno un forte impatto politico, il giudice potrebbe essere il soggetto più adatto per gestire un tema così complesso e per prendere decisioni ponderate. Il linguaggio d’odio è, infatti, uno dei più complessi da gestire e da comprendere anche per gli esperti di diritto.

L’Unione Europea come “unico regolatore”

Con il Digital Service Act, e la volontà di disciplinare anche i contenuti d’odio sulle piattaforme, ci sembra che l’Unione Europa abbia chiaramente reclamato per sé una buona parte di regolamentazione del tema.

Il passaggio a una co-regolamentazione basata sul principio dell’accountability (mutuato dal GDPR e presente anche nella proposta sull’intelligenza artificiale “all’europea”) è necessario dopo il fallimento delle proposte di autoregolamentazione e di codici di condotta.

Chi gestirà una piattaforma dovrà implementare un vero e proprio sistema di governance interna dei contenuti d’odio che porterà alla necessità di investimenti mirati e alla elaborazione di processi per le segnalazioni (e la loro gestione) e per una reazione immediata che non saranno assolutamente semplici da mettere in opera.

Conclusioni

I prossimi tre anni, terminata la discussione sugli emendamenti delle proposte di regolamento dell’Unione Europea, saranno decisivi per comprendere il ruolo che avrà il Vecchio Continente nel cercare una disciplina uniforme su un tema, quello dei contenuti d’odio, che per tradizione è molto sfuggente e complesso da regolamentare. Anche perché la nuova governance dei contenuti d’odio di cui parlavamo poco sopra potrà avere un impatto economico non indifferente sulla vita stessa delle piattaforme e sull’intero ecosistema digitale delle piattaforme soprattutto se inserita nel meccanismo dell’accountability e, quindi, della obbligatoria responsabilizzazione delle piattaforme sul punto (con relative sanzioni in caso di inottemperanza).

WHITEPAPER
Banking, come creare valore con l’AI conversazionale
CIO
Finanza/Assicurazioni
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4