scenari

Saremo lavoratori schiavi dei robot? Il problema sul tavolo della politica

I robot (intesi come sistemi semi autonomi guidati da umani) si sono già aggiudicati il mondo della produzione e stanno per fare lo stesso coi sistemi di trasporto. Il risultato, al momento, è quindi a favore delle macchine ma un gol a favore dei lavoratori può segnarlo la politica, come successo in California. Vediamo come

25 Set 2019
Enrico Verga

Senior strategist (consultant) & Member of Artificial Intelligence Task Force in AgID

robot partita

I robot ci schiavizzeranno tutti? Magari, spero io. Perché l’alternativa sarà essere disoccupati.

Lo so, ci sono un sacco di analisi e articoli (oltre a una pletora di lobbysti e Pr aziendali) che si spellano le dita a scrivere, urlano dai social, fanno interviste in tv (ma esiste ancora la tv? Pensavo fosse uno spinoff di YouTube). Tutti spiegano che il futuro sarà luminoso e automatizzato, e saremo tutti artisti, creativi, filosofi… ci mancano latte, miele e angeli e siamo già in paradiso.

Ora al netto delle posizioni, neutrali si intende, di chi vorrebbe una Intelligenza artificiale, un Big data o un automa (chiamatelo Robot, Droide, Bot tanto cambia poco) in ogni anfratto della vita umana (e perché no pure animale), esiste una chiara contrapposizione che emerge sempre più netta e violenta nel suo scontro: robot (intesi come sistemi semi autonomi guidati direttamente o indirettamente da umani) contro schiavi.

Schiavi “sporchi” e schiavi “puliti”

Se il termine robot è più o meno comprensibile il termine schiavi richiede, prima di iniziare l’analisi, una piccola descrizione.

Gli schiavi, a cui di solito facciamo riferimento, sono quelli dell’Impero Romano: sfruttati, abusati, un po’ di frustate quando serve e via.

INFOGRAFICA
Industry 5.0, guida per CFO: come valorizzare i dati di produzione
Big Data
Manifatturiero/Produzione

Quei tempi sono finiti, o meglio si sono evoluti. Ora abbiamo schiavi non schiavi. Formalmente ricevono un qualche tipo di contributo economico (cosa non nuova anche nell’Impero Romano), dimentichiamoci ovviamente i diritti sul lavoro, sicurezza sul lavoro, pensione etc. Abbiamo i nuovi schiavi “sporchi” quelli di cui fa brutto parlare (salvo quando non resta nulla da buttare in prima pagina nel tg dell’ora di pranzo) e quelli “puliti” (formalmente imprenditori “volontari”, più vendibili nei Tg, con l’aiuto di un buon Pr aziendale).

Una buona dose di schiavi sporchi li abbiamo nei lavori umili, dove il costo della manodopera è basso: estrazione di minerali strategici (cobalto, tantalio etc..), lavori di dis-assemblaggio di scarti del primo mondo (rifiuti hitech, navi etc..), abbigliamento (concia delle pelli? Oppure Rana Plaza qualcuno ricorda?).

Con loro ci si possono fare dei bellissimi servizi fotografici (sapete quelli con i bimbi sporchi che emergono dalla miniera con gli occhioni gonfi e il bel titolo click bait “loro fanno funzionare il tuo cellulare”), quando ci scappano i morti (ma devono essere tanti) ci si fa un bel servizio (tanto succede sempre in un paese del terzo mondo). L’ultima applicazione utile (ma si badi… questa è molto utile, come spiegherò tra un po’), sono i voti. Se sono minorenni servono a poco, pur se hanno delle madri, ma, se sono maggiorenni la cosa cambia. Durante le elezioni è tutto uno sgrufolare di politici di paesi del terzo mondo che si percuotono il petto con occhi lacrimosi, mentre sbraitano da qualche palco improvvisato che loro (il futuro politico che vuole essere votato) faranno di tutto per aiutare i poveri schiavi. Post elezioni ovviamente tutto cambia.

Poi abbiamo gli schiavi puliti. Non mi riferisco all’igiene personale ovvio, ma al fatto che possono essere macinati, riciclati e, una volta plasmati per bene, rivenduti agevolmente da Pr, lobbysti e giornalisti: i guidatori di Uber e Lyft, i pony express (ma rider fa più figo) di Foodora, Ubera eats, gente dei magazzini di e-commerce assunti dalle cooperative che li rinoleggiano ai grandi gruppi e tutte le altre categorie di “felici e indipendenti imprenditori” che hanno deciso di lavorare ed essere liberi, senza capi che li pressino.

Di questi schiavi puliti ovviamente si devono chiarire alcuni punti: nessuno li obbliga a fare questo lavoro (certo la mancanza di soldi potrebbe essere una ragione), non hanno copertura assicurativa dal datore di lavoro (sono felici imprenditori dopo tutto), non hanno ferie, malattia, e nessuno degli altri traguardi raggiunti in decenni di lotte per i diritti dei lavoratori.

La versione ufficiale, come vedremo tra poco, è che sono imprenditori. Dopo tutto un imprenditore ha diritto e dovere di pensare a sé stesso. Ma quando si parla di imprenditori (o nella recente semantica sole-preneur) comunque si parla di qualcuno che porta a casa qualche centinaio di migliaio di euro. Se sbarchi il lunario con 10-20 mila dollari/euro lordi (a cui togliamo le tasse che paghi e le altre spese per lavorare) non so quanto si possa parlare di imprenditori, quanto di sommerso o finte partite iva (se parliamo dell’Italia).

Con questo chiarimento vediamo come sta andando la partita tra Robot e schiavi.

Il primo gol dei robot (il mondo della produzione)

I robot segnano il primo gol. O meglio coloro che adorano i robot. Una percezione classica è che i robot (sistemi fisici con effettori abili a svolgere varie mansioni oppure programmi informatici) si sono aggiudicati il mondo della produzione. In particolare, parliamo di tutta quella fetta di produzione e attività che, appunto, riguarda gli schiavi (specialmente quelli sporchi).

I risultati finali del primo gol sono ancora complessi da calcolare correttamente ma vediamo alcuni esempi.

Rio Tinto si scava in giacca e cravatta: i bei vecchi tempi dei minatori sporchi di polvere ahimè son passati. Ora i minatori van nella loro bella torre di controllo e pilotano in remoto i sistemi di scavo. Rio tinto è la prima compagnia a testare questa soluzione. Bene inteso non è una sconfitta clamorosa. Al momento questo tipo di attività mineraria è capital intensive. In soldoni costa un occhio della testa. Ci vorranno ancora alcuni anni prima che i minatori siano rimossi del tutto. In vero i minatori su scavi di piccolo cabotaggio esisteranno ancora ma Rio tinto apre sicuramente la via a un mondo dove i lavori pericolosi li faranno i robot.

Ma non ci limitiamo a questo.

Nel mondo della moda (un settore altamente inquinante aggiungiamo) la Levis ha introdotto sistemi automatici al laser per “conciare” i propri jeans. Già ora il Pakistan (uno dei maggiori hub per la produzione di denim) ha dei seri problemi. Figuriamoci quando la produzione di una amplia fetta di jeans non sarà solo spostata oltre confine (come già sta succedendo) in altri paesi poveri. Ma addirittura potrebbe essere del tutto automatizzata. Ovviamente questo lavoro di fare i jeans è costoso e pericoloso per gli schiavi quindi tutti saranno contenti (soprattutto chi fa i conti a fine mese e risparmia).

E non dimentichiamoci il fantastico mondo dei magazzini e della logistica. Amazon non fa segreto di avere progetti per automatizzare il più possibile la sua forza lavoro nei magazzini. La no frill company rischia di diventare no human company (almeno se parliamo del lavoro di magazzini e consegne). Dopo tutto Amazon (ma come lei anche Walmart, anche se a un livello più contenuto) cosa se ne fa di scaffalisti e magazzinieri: protestano, si lamentano, è una vergogna.

Il secondo gol dei robot (auto e trasporti automatizzati)

È più recente ma andrà a dare un bel calcio alla partita.

Uber ha tracciato la via e Lyft gli è andata dietro subito. E zac. Tra poco avremo le auto automatiche. Certo i tempi non saranno domani ma è solo questione di sbatter dentro un po’ di soldi in ricerca e soprattutto in lobbysti che possono cambiare le leggi (prima di tutto in America). E cosi con questa uscita brillante Uber ha avuto la faccia di presentarsi in borsa con uno slogan che, semplificando un poco, può essere tipo “Ehy ragazzi adesso non facciamo un euro di guadagno, ma dateci il tempo di spazzar via i nostri autisti umani e metterci dei bei bot e vedrete che ci divertiamo”.

E non dimentichiamoci del fantastico mondo delle consegne. I pony express (nel mondo delle Pr “venduti” come felici imprenditori che si divertono a pedalare part-time mentre si tengono in forma) sono i prossimi a cadere. I casi di bot delivery company si stanno moltiplicando. Dopo tutto un robot non sciopera, non fa liste nere dei clienti taccagni, e sul lungo periodo costa meno. E uno dei grandi capisaldi della GIG economy crolla. Dall’essere stata venduta come l’economia dei lavoretti “cosi’”, un po’ buffi un po’ divertenti, si è semplicemente trasformata nella più grande presa in giro della storia recente: sfruttamento, mancanza di diritti etc..

Il primo gol degli schiavi

Anche gli schiavi hanno i loro protettori. Potrebbe suonare inusitato ma i politici, a volte, fan le cose giuste. Nello specifico sembrerebbe che i politici, per motivi civili (ed elettorali) stiano cominciando a comprendere che se togli lavoro alla gente, quelli – la gente – magari sono un poco turbati e diventano come cani pazzi, difficili da trascinare alle urne e, ancora peggio, difficili da predire chi voteranno.

In California è successa una cosa brutta: i politici han deciso di dare una zampata alla GIG economy, che in California ha visto la sua prima fioritura.

In pratica si sta cercando di trasformare i felici imprenditori (o schiavi) in dipendenti. La situazione è cosi grave che i due colossi del trasporto privato Uber e Lyft han preso carta e penna e terrorizzati ha scritto al legislatore una lettera aperta (finita sui giornali). Il contenuto totale lo si può leggere nel link ma i tratti più spassosi sono che il loro guidatori “prefer freedom and flexibility to the forced scheduled and rigid hourly shifts of traditional employment” (tradotto preferiscono essere liberi invece che fare noiosi turni al lavoro).

Al netto delle posizioni e della pesante ironia dei due Ceo, si va a creare un grave rischio: che la California faccia da scuola e le sue posizioni arrivino in Senato. Dopo tutto siamo sotto elezioni in Usa e i democratici o i Repubblicani potrebbero provare a cavalcare questa onda.

La partita potrebbe ancora riservare delle sorprese ma, dopo tutto, è meglio non farsi speranze. La resistenza è inutile.

WHITEPAPER
Cognitive Experience Center: ecco l'AI che può davvero supportare i tuoi operatori!
Intelligenza Artificiale
Networking
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati