Psicologia digitale

Social e salute mentale: gli studiosi scrivono a Meta per tutelare bambini e adolescenti

La comunità scientifica ha scritto a Mark Zuckerberg una lettera aperta per una maggiore trasparenza sul metodo delle ricerche dedicate al rapporto tra social e salute mentale dei più giovani. Il dibattito aperto, lo scoop del Wall Street Journal, le richieste degli studiosi

02 Feb 2022
Lucia Musmeci

psicologa digitale

selfie - dismorfia digitale

L’accademia scrive a Meta per la salute mentale di bambini e adolescenti: in una lettera aperta indirizzata direttamente a Mark Zuckerberg, diversi studiosi di psicologia, tecnologia online e salute si sono espressi per chiedere un maggiore impegno a rispettare gli standard scientifici di realizzazione delle ricerche.

Pur esprimendo esplicitamente il proprio apprezzamento per la volontà di Meta di acquisire informazioni sugli effetti dei social network sulla salute mentale degli adolescenti, gli studiosi provenienti da tutto il mondo hanno così evidenziato pubblicamente l’inadeguatezza della metodologia adottata finora a tale scopo, che non prevede supervisione indipendente.

Instagram (Facebook) tossico per le teenager: se il profitto social vince su tutto

Con questa lettera è stato dunque richiesto a Zuckerberg di impegnarsi a rispettare gli standard stabiliti dalla comunità scientifica per la realizzazione di ricerche valide sulla salute mentale di bambini ed adolescenti: il suggerimento è stato quello di rendere pubblici i dati a disposizione della corporation, oltre che di rendere trasparenti le proprie ricerche passate, presenti e future in tale ambito, così da poter fare accedere chiunque ad un quadro completo, accurato e verificato di quanto riscontrato.

Di tale trasparenza, come sottolineato dagli studiosi, potrebbero usufruire tutti: i bambini e gli adolescenti, gli scienziati indipendenti che potrebbero trarre molte informazioni utili da quanto fornito dall’azienda, e la stessa Meta che, così facendo, verrebbe percepita dall’opinione pubblica come maggiormente degna di fiducia rispetto a ciò che avviene attualmente.

Social e salute mentale: il dibattito aperto

Negli ultimi anni è stata sempre più evidente la grandissima ascesa di TikTok tra le preferenze degli adolescenti. Tuttavia, tra i social network appartenenti all’azienda Meta (l’ex Facebook Inc.),ce n’è uno in particolare che continua ad appassionarli: Instagram.

WHITEPAPER
Data Quality, come ottenere dati affidabili per il Marketing e le Vendite
Big Data
Marketing

Con la sua spiccata predilezione per foto e video, questa piattaforma risulta infatti ancora molto interessante agli occhi di ragazze e ragazzi che devono fare i conti con i compiti evolutivi tipici dell’adolescenza, che riguardano principalmente immagine corporea e relazioni con i coetanei, questioni estremamente rilevanti anche su social network come Instagram.

Una coincidenza che rappresenta uno dei motivi principali per cui, nella contemporanea società onlife, buona parte della quotidianità degli adolescenti si svolge proprio all’interno di questi ambienti digitali.

Interrogarsi sugli effetti che le esperienze vissute al loro interno possono avere sulla salute mentale di ragazzi e ragazze in via di sviluppo è, dunque, certamente lecito e persino doveroso. Altrettanto necessario è, però, che le risposte a tali interrogativi vengano cercate nel totale rispetto di determinate condizioni stabilite dalla comunità scientifica come imprescindibili per una ricerca di qualità.

Solo una ricerca di qualità può, infatti, fornire informazioni corrette riguardo ai fenomeni oggetto di indagine, e dunque dar vita ad interventi realmente efficaci. Nonostante ciò, spesso tali condizioni non vengono tenute adeguatamente in considerazione, con preoccupanti ricadute sul benessere psicofisico degli adolescenti che si intende tutelare, e delle loro famiglie.

Social e salute mentale: lo scoop del Wall Street Journal sulle ricerche di Meta

Qualche mese fa è stato pubblicato un articolo sul Wall Street Journal (WSJ) in cui sono stati riportati e discussi alcuni dei risultati ottenuti da una serie di ricerche condotte da Meta relativamente ad Instagram: l’obiettivo dell’azienda era stato proprio quello di analizzare gli effetti di questa piattaforma sulla salute mentale dei suoi utenti più giovani.

I dati ricavati a tal proposito non erano però stati resi pubblici, perché frutto di indagini interne che l’azienda ha ritenuto essere riservate, destinate solo a guidarne le decisioni future a tutela degli adolescenti.

Le rivelazioni esposte dall’articolo hanno suscitato un grande scalpore in tutto il mondo. La motivazione principale di tanto scalpore può essere facilmente rintracciata nell’enfasi posta dal WSJ sugli effetti negativi denunciati in particolar modo da diverse adolescenti coinvolte nelle indagini: da quanto riferito è emerso infatti che Instagram sia stata identificata come la causa dell’incremento, o addirittura dell’insorgenza, di problematiche con l’immagine corporea, a causa del confronto sociale che sarebbe provocato, o comunque intensificato, dalle funzionalità della piattaforma stessa.

All’interno dell’articolo, inoltre, Meta è stata accusata in modo specifico di minimizzare in pubblico l’esistenza di questi effetti – che sarebbero appunto, secondo il WJS, confermati dai dati a sua disposizione – e di non impegnarsi seriamente al fine di prevenirli e contrastarli efficacemente.

Social e salute mentale: la reazione di Meta alle accuse del WSJ

Qualche giorno dopo la pubblicazione dell’articolo, nel tentativo di correggere e chiarire quanto riportato, Meta ha rilasciato delle dichiarazioni e fornito nuove informazioni sulle indagini interne realizzate negli ultimi anni, sottolineando il riscontro, da parte degli adolescenti, anche di vari effetti positivi sulla propria salute mentale derivanti proprio dalla frequentazione di Instagram. Dichiarazioni che sono state accolte da molti con grande diffidenza.

È un’opinione molto diffusa che non sia una semplice coincidenza l’annuncio, divulgato il 27 settembre 2021, della sospensione del progetto “Instagram Kids”, progettato da Meta come social network appositamente destinato ai minori di 13 anni. È stato comunemente percepito allo stesso modo anche l’annuncio del 7 dicembre 2021 sull’introduzione su Instagram di diverse misure per tutelare gli adolescenti sulla piattaforma e supportare i genitori.

Non c’è comunque da stupirsi che le rivelazioni del Wall Street Journal abbiano avuto un’accoglienza di gran lunga migliore rispetto alle dichiarazioni rilasciate da Meta: in fondo era tutto estremamente prevedibile.

Il “quadro” delineato dall’articolo del WSJ era infatti decisamente “a tinte fosche”, e dunque, del tutto in linea con le preoccupazioni condivise ancora oggi da tantissimi adulti – genitori, educatori ed esperti – in relazione alla diffusione delle cosiddette “nuove tecnologie” tra bambini e adolescenti.

Il panico morale, cioè quell’insieme di preoccupazioni non confermate da validi studi scientifici riguardanti le conseguenze per la società delle più recenti innovazioni, è alla costante ricerca di facili conferme: almeno apparentemente, l’articolo pubblicato sul WSJ ne forniva parecchie.

Social e salute mentale: i dubbi sul metodo delle ricerche di Meta

Le conferme al panico morale, fornite dall’articolo del Wall Street Journal, erano soltanto apparenti: all’interno dell’articolo è stato riservato ben poco spazio all’analisi critica ed obiettiva della metodologia adottata dall’azienda di Mark Zuckerberg per ottenere i dati oggetto di discussione – analisi fondamentale quando si parla di ricerca.

È interessante ricordare che sia il Wall Street Journal che Meta abbiano spiegato come le suddette indagini siano state realizzate chiedendo direttamente a ragazze e ragazzi di esprimersi in relazione agli effetti di Instagram sulla propria salute mentale.

Ciò vuol dire che l’insieme dei dati ottenuti su questi effetti fa riferimento solo alle percezioni di tali adolescenti in relazione alle proprie esperienze e ai propri vissuti: questa evidenza fa sì che qualsiasi conclusione sia possibile trarre dagli studi interni di Meta si riveli in realtà inaffidabile perché basata su misure soggettive, le autovalutazioni dei partecipanti alle ricerche.

Tale inaffidabilità riguarda dunque, ovviamente, sia i risultati “negativi” riportati dal WSJ che quelli “positivi” riferiti dall’azienda di Zuckerberg.

In generale, comunque, trattandosi di indagini interne all’azienda, condotte senza supervisione indipendente, non c’è ancora una reale chiarezza sull’effettivo rispetto, da parte di Meta, di tutte le condizioni riconosciute dalla comunità scientifica come fondamentali per poter definire come validi ed affidabili i risultati di una qualsiasi ricerca.

Ecco perché gli studiosi hanno redatto la lettera aperta.

Conclusioni

Come già osservato, interrogarsi sugli effetti che le esperienze vissute all’interno delle varie piattaforme social possano avere sulla salute mentale di ragazze e ragazzi in via di sviluppo è certamente lecito e doveroso, ma per ottenere risposte davvero valide e affidabili, gli studi in merito devono essere condotti in modo rigoroso, nel pieno rispetto di quanto stabilito dalla comunità scientifica.

Fino a quando Meta non agirà in tale direzione in relazione alle proprie piattaforme, dunque, il rischio concreto è che continuino a mancare i dati necessari ad informare aziende e governi in merito agli interventi più appropriati da mettere in atto per prendersi cura della salute mentale degli adolescenti; o, ancora peggio, che gli interventi realizzati vengano fondati su dati confusi e fallaci, rendendo in tal modo tali interventi, in parte o del tutto, inefficaci se non, addirittura, dannosi.

La speranza di chi scrive è, perciò, che l’invito rivolto dagli studiosi a Mark Zuckerberg all’interno della suddetta lettera aperta, possa essere da lui, e dalla sua intera azienda, accolto favorevolmente, contribuendo in modo decisivo ad un importante miglioramento della qualità della ricerca in tale ambito.

WHITEPAPER
Monitora meglio la CX: avvia un progetto strategico sulla Voice of the Customer
Automotive
Dematerializzazione
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4