patologie digitali

Tecnostress: conoscerlo per combatterlo. Ecco come

Cos’è il tecnostress, quali sono i sintomi e le conseguenze, ma anche come prevenirlo e combatterlo nella vita di tutti i giorni. Tutto quello che c’è da sapere

27 Mar 2019
Gianluigi Bonanomi

Formatore sulla comunicazione digitale

stress-computer-laptop

Il tecnostress (o cyberstress) è un disturbo causato dall’incapacità di gestire le tecnologie informatiche, hardware e software, ma ultimamente è aggravato anche dalla frustrazione per l’overload informativo (noto anche come sovraccarico cognitivo) dovuto alle troppe informazioni da gestire.

I tempi imposti dalla tecnologia, sia in termini di (ab)uso che di continua innovazione, non si adattano ai percorsi degli individui: per questo si sviluppa una pressione psicologica che porta disagio e frustrazione, nonché conseguenze fisiche, a partire dalla sovrapproduzione di adrenalina per lo stato di stress. Capire come si manifesta è importante per prevenirlo e combatterlo.

L’origine del termine tecnostress

Il termine tecnostress, come si legge su Benessere.com, fu coniato dallo psicologo americano Craig Broad. Nel suo libro “Technostress: the human cost of computer revolution” del 1984 faceva riferimento allo “stress legato all’uso delle tecnologie e al loro impatto a livello psicologico”.

WHITEPAPER
Smart Working: lo stato dell’arte e cosa succede con la fine dello stato di emergenza
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Successivamente, nel 1987, due psicologi americani, Larry Rosen e Michelle M. Weil, nel libro “Technostress: coping With Technology @Work @Home @Play” indicarono il tecnostress come “ogni impatto o attitudine negativa, pensieri, comportamenti o disagi fisici e psicologici causati direttamente o indirettamente dalla tecnologia”.
Dal 2007, grazie a una sentenza del procuratore aggiunto del Tribunale di Torino, Raffaele Guariniello, il tecnostress è riconosciuto come malattia professionale. Da allora nei settori a rischio (per esempio le aziende informatiche e i call center) il documento della valutazione del rischio stress lavoro correlato deve tenere conto anche del tecnostress.

I sintomi del tecnostress

I sintomi noti del tecnostress sono diversi: vanno dall’ansia alla stanchezza (fisica e mentale), dalla depressione agli incubi. Si arriva anche ad attacchi di rabbia dovuti alla frustrazione.
Dal punto di vista fisico si parla di aumento della frequenza cardiaca, disturbi cardiocircolatori, disturbi gastrointestinali, dolori muscolo-tensivi, formicolii agli arti, ipertensione, insonnia e alterazioni del ritmo-sonno veglia, mal di testa, stanchezza cronica, sudorazione, dolore cervicale (il cosiddetto collo da tablet), disturbi ormonali e mestruali nella donna, disturbi della pelle causati dallo stress (psoriasi, dermatiti). A questi vanno aggiunti sintomi psichici come irritabilità, depressione, alterazioni comportamentali, calo del desiderio sessuale, crisi di pianto e apatia.

Quali i sintomi più riscontrati? Un’indagine su 1009 lavoratori digitali realizzata da Netdipendenza in collaborazione con l’Associazione italiana formatori salute e sicurezza sul lavoro, e riportata da Iobenessere.it, ha evidenziato questa “classifica” dei sintomi del tecnostress:

  1. mal di testa (44,5%)
  2. calo di concentrazione (35,4%)
  3. alterazione dell’umore (33,8%)
  4. tensioni neuromuscolari (28,5%)
  5. stanchezza cronica (23,3%)
  6. insonnia (22,9%)
  7. ansia (20,4%)
  8. disturbi all’apparato gastrointestinale (15,8%)
  9. dermatiti dovute a stress (6,9%)
  10. alterazioni comportamentali (7,1%)
  11. attacchi di panico (2,6%)
  12. depressione (2,1%)

Che cosa succede a un corpo sotto stress?

Lo stress è la risposta del corpo e della mente a una situazione di pericolo. Il corpo si adegua alla situazione, allo scopo di reagire per sopravvivere: il fegato produce zuccheri e quindi energia utili per reagire, il cuore e il sistema di circolazione sanguigna lavorano a pieno ritmo, il cervello gira a mille. La reazione d’allarme si attiva attraverso il rilascio di ormoni dalla corteccia surrenale, ovvero il cortisolo, e dal midollo surrenale l’adrenalina. Infatti cortisolo e adrenalina sono detti “ormoni dello stress”. Il cortisolo, in particolare, è prodotto dal surrene su impulso del cervello: “nei momenti di maggior tensione determina l’aumento di glicemia e grassi nel sangue, mettendo a disposizione l’energia di cui il corpo ha bisogno”.
Lo stress, va detto, può essere sano: una botta di adrenalina, si dice, prima di un esame o uno spettacolo, è fondamentale. Diventa patologico quando, invece di manifestarsi in modo acuto ma in occasioni isolate, si soffre di stress cronico. Non si tratta più di un’emergenza, ma della regola. Questo porta a conseguenze fisiche, dal rischio diabete alla spossatezza cronica, dall’ulcera per via della digestione perennemente bloccata al nanismo psicogeno causato dal rallentamento della crescita, dall’impotenza all’alterazione dei cicli mestruali.

Lo stress è dovuto alla mancanza di controllo

Secondo Manfred Spitzer, autore di “Solitudine digitale”, la sensazione di non essere più padroni del nostro destino è alimentata dalle tecnologie informatiche e digitali, fino a raggiungere proporzioni finora mai sperimentate. Come conseguenza della vita digitale, l’uomo moderno soffre di solitudine, stati d’ansia e, appunto, stress.
La rivoluzione industriale aveva modificato il modo di lavorare, influenzando però in minima parte il comportamento dell’uomo nel tempo libero. Anzi, aveva portato un aumento del tempo libero. La rivoluzione digitale, invece, vede la tecnologia pervadere qualsiasi aspetto e momento della nostra vita, anche nell’intimità. Le persone percepiscono una fondamentale perdita di controllo.

Per Spitzer lo stress non è avere troppe cose da fare: in quel caso si è stanchi; anzi, quando si è sottoposti a grande fatica fisica e si suda, si scarica lo stress. Lo stress è un’altra cosa: vuol dire, appunto, perdita di controllo. Quello che sta avvenendo nel mondo digitale.

Come prevenire e combattere il tecnostress?

Nell’articolo “Benessere digitale: la soluzione è davvero il digital detox?” ci chiedevamo quali fossero le soluzioni per il tecnostress, individuandone quattro da attuare nelle aziende.
Ma come prevenire e combattere il cyberstress nella vita di tutti i giorni?

Le soluzioni sono varie:

  • momenti programmati di digiuno digitale (digital detox)
  • meditazione (ormai mindfullness è una buzzword),
  • attività sportiva (magari senza l’ansia di app e smartwatch che tracciano le performance)
  • contatto con la natura (qualcuno suggerisce l’ortoterapia),
  • protezione dai campi elettromagnetici
  • dieta (alcuni alimenti, come il cioccolato, abbassano il livello del cortisolo).

In ogni caso il rimedio numero uno è, come sempre, l’uso consapevole della tecnologia.

Per approfondire questi temi segui gratuitamente il podcast “Genitorialità e tecnologia”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4