Casi d'uso

Come blockchain può modernizzare la PA: trasparenza, identità digitale e appalti, ecco le applicazioni

Gli impieghi della blockchain per spingere l’innovazione della PA possono trovare applicazione in numerosi ambiti, per rendere più semplici e sicuri servizi e processi: il modello SSI, l’uso per l’anticorruzione e per l’aderenza al Codice dei contratti pubblici, oltre che l’e-voting sono esempi da approfondire

Pubblicato il 13 Dic 2022

Massimiliano Baroni

Avvocato e Ph.D. in Diritto costituzionale, si occupa di imprese, privacy e digital

blockchain

Da quando nel 2008 apparve per la prima volta al grande pubblico tramite il bitcoin, la blockchain si è evoluta e, superando il ruolo di enfant prodige delle nuove tecnologie, ha ben oltrepassato i confini della moneta digitale. Oggi, l’impiego della blockchain può fornire nuova linfa per la piena attuazione dei paradigmi regolatori dell’attività della Pubblica amministrazione (fissati innanzitutto dall’articolo 97 della Costituzione e storicamente difficoltosi: su tutti, buon andamento e imparzialità), coniugando tali principi con la sempre più forte esigenza di protezione dei dati.

Blockchain bridge, vantaggi pratici e rischi: ecco i consigli per gestirli e difendersi

Blockchain in Italia, i dati

Secondo l’Osservatorio Blockchain & Distributed Ledger del Politecnico di Milano sono 26 le iniziative attualmente in essere in Italia (erano 18 nel 2020), al pari della Francia e superando la Germania (rispettivamente, 26 e 22 progetti). Nello specifico, il mercato italiano del 2021 dimostra una flessione a livello di investimenti rispetto al 2019 (28 milioni contro i 30 del 2019, pur con un incremento rispetto ai 23 milioni del 2020), cui tuttavia sembrerebbe fare da contraltare una maggiore “maturità” dei progetti, la maggior parte dei quali avrebbe ormai superato la fase di mera start-up, divenendo operativa. Nel frattempo, il MISE ha annunciato – tramite il Decreto direttoriale 24 giugno 2022 – un fondo di 45 milioni di euro da destinarsi allo “sviluppo delle tecnologie e delle applicazioni di intelligenza artificiale, blockchain e internet of things”, chiarendo le modalità e i termini di presentazione delle domande.

WHITEPAPER
Industria 4.0: sono solo promesse? Scopri i benefici concreti di una IoT platform
IoT
Integrazione applicativa

Certamente l’Italia sconta, tutt’oggi, alcune criticità tipiche del sistema-Paese (in primis naturalmente un generale ritardo e una complessità – anche, e forse soprattutto, normativa – non indifferente), tuttavia vi sono – dall’altro lato – innegabili segnali di incoraggiamento per il futuro, a partire dalla Componente 1 della Missione 1 del PNRR, dedicata innanzitutto alla digitalizzazione della PA: in un periodo storico come quello presente, saper capitalizzare le opportunità d’investimento sarà la vera chiave per poter vincere la sfida dell’innovazione.

Le applicazioni del modello SSI

Tra le applicazioni più promettenti si segnala certamente la possibilità di innovare l’accesso ai servizi al cittadino tramite l’SSI – Self Sovereign Identity: una tecnologia (peraltro già apparsa nelle pagine di questo giornale) la cui diffusione – e accettazione – su larga scala permetterebbero agli utenti di riappropriarsi delle proprie “identità digitali” e delle informazioni collegate (compresa l’eventuale istruzione o l’eventuale carriera, o dati sanitari), lasciando che siano gli utenti stessi a poter decidere quante e quali informazioni condividere (a quali consentire accesso) di volta in volta, in base al servizio di cui si vuole usufruire.

Un modello, in poche parole, alternativo al necessario coinvolgimento di un provider esterno (come richiesto invece dal c.d. “modello federale” sul quale è costruita la SPID – che nel solo 2021, secondo i risultati dei Digital Maturity Indexes elaborati dall’Osservatorio Agenda Digitale del Politecnico di Milano, ha contato 580 milioni di accessi). Non a caso l’SSI – e le possibilità connesse – sono state oggetto di interesse da parte delle proposte elaborate dal gruppo di esperti nell’ambito della Strategia italiana in materia di tecnologie basate su registri condivisi e blockchain del MISE, che espressamente favorisce l’introduzione, l’impiego e l’utilizzo di identità decentralizzate; mentre un ulteriore esempio è dato dai progetti MHMD (MyHealthMyData) e DECODE, nati rispettivamente nel 2020 e nel 2018 in seno all’Unione, aventi l’obiettivo di “minimizzare il rischio di un utilizzo fraudolento dei dati sanitari” e di “garantire ai cittadini un maggiore controllo circa le operazioni di storage, management e uso dei propri dati personali”.

L’impiego dell’SSI nell’accesso ai servizi pubblici, insomma, potrebbe ragionevolmente costituire un ulteriore passo avanti nella realizzazione di un ammodernamento della PA coerente con i principi di efficienza e di sicurezza, conformemente a quanto richiesto dal Piano Triennale per l’ICT (alle cui linee guida sulla sicurezza – fin dalla sua prima formulazione, 2017-2019 – devono adeguarsi i servizi digitali e le applicazioni mobili della PA).

Blockchain per le norme anticorruzione

Il ricorso alla blockchain sembra poi particolarmente adatto a perseguire quegli specifici scopi istituzionali per cui la trasparenza ha assunto, negli ultimi tempi, un nuovo valore: il riferimento, ovviamente, è alla normativa volta a prevenire e contrastare fenomeni corruttivi, a partire dalla L. n. 190/2012 e dal D.Lgs. n. 33/2013, c.d. Testo Unico in materia di trasparenza (oltre che, successivamente, dal D.Lgs. n. 97/2016 – FOIA, oltre che dalle linee guida Anac sull’attuazione degli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni contenute nel D.Lgs. n. 33/2013, modificato dallo stesso D.Lgs. n. 97/2016): l’utilizzo di transazioni “chiuse”, non influenzabili o alterabili tramite soggetti esterni, rappresenterebbe una rivoluzione copernicana per la galassia dell’anticorruzione (già nel 2019 l’OECD Global Anti-corruption & Integrity forum individuava nell’accentramento di potere – e nelle possibilità di cattivo uso dello stesso – le precondizioni maggiormente favorevoli alla nascita e diffusione del fenomeno corruttivo).

I nodi decentralizzati consentirebbero di rendere il processo impermeabile a infiltrazioni esterne, oltre che certificato e ex post immutabile: tutte caratteristiche che hanno portato alcuni (tra cui Goldman Sachs) a ridenominare la blockchain come “Technology of Trust”. Naturale, allora, che tra i più promettenti impieghi della blockchain vi siano quelli connessi alla tutela della genuinità dei processi di certificazione e di tracciabilità della filiera, anche per quanto specificatamente riguarda la tutela del Made in Italy (dove il ruolo della fiducia del cittadino-consumatore è di estrema rilevanza): il primo progetto pilota inaugurato dal MISE – datato 2019 – specifica espressamente l’importanza della segregazione degli accessi e delle tecniche di crittografia per “impedire l’accesso non autorizzato alla rete” e contemporaneamente identificare la provenienza – e dunque la storia – dei vari asset, garantendo l’immutabilità e una Ground Truth all’intero processo.

Blockchain per l’aderenza al Codice appalti

Integrità e tracciabilità del trasferimento delle informazioni potrebbero trovare impiego anche per le procedure ad evidenza pubblica, come in quelle previste dal Codice dei contratti pubblici. La direzione intrapresa dal legislatore tramite il Codice Appalti è – in tutta evidenza – una sempre maggiore ricerca di trasparenza, proprio in funzione di argine e contrasto ad eventuali fenomeni corruttivi. I meccanismi della blockchain, tra cui il riconoscimento e l’obbligatoria validazione di ogni transazione, permetterebbero non solo un elevato grado di sicurezza – e dunque di fiducia, ndrex ante, potendo bensì anche assicurare, ex post, la tracciabilità e la verificabilità dei singoli atti e delle singole fasi della procedura pubblica, determinando istantaneamente, al momento stesso della realizzazione dell’operazione, l’immutabilità della medesima.

Ne guadagnerebbero, in misura certamente inedita rispetto al passato, la genuinità della procedure di scelta del contraente e di valutazione dell’offerta (che, ricordiamo, sarebbe incorruttibile e immodificabile), impattando quindi anche sulla discrezionalità della scelta (e, dunque, sulle possibili condotte concussive-corruttive dell’agente umano). Simili opportunità di sviluppo della blockchain fanno già parte, oltre ad altre – come la gestione digitale dei certificati pubblici – dell’infrastruttura IBSI, ed è dunque ragionevole attendersi uno sviluppo futuro più marcato e, soprattutto, diffuso su larga scala.

Conclusione del contratto pubblico e controversie: il ruolo degli smart contract

Ma l’utilizzo della tecnologia blockchain non è limitato al perseguimento degli interessi generali nella sola fase dell’individuazione del contraente, potendo anzi favorire la bontà dell’azione amministrativa anche nella successiva fase della conclusione del contratto con la P.A. attraverso gli smart contract (cui opera un puntuale riferimento anche la Strategia del MISE nella sezione dedicata all’SSI, sopracitata). L’espresso riconoscimento normativo degli smart contracts, inizialmente avvenuto ad opera dell’art. 8 ter co. 2 del D.l. 135/2018, ha costituito certamente una prima, importante manifestazione di apertura del legislatore alle nuove possibilità offerte dallo strumento tecnologico, ed ha ulteriormente confermato l’opportunità di un ricorso generalizzato: si pensi alla contrazione dei tempi di transazione, o alla rivisitazione del ruolo svolto dalle parti nell’elaborazione del contenuto del contratto.

O ancora, ad esempio, alle eventuali controversie nell’esecuzione del contratto, la cui – immediata – risoluzione sarebbe affidata al protocollo informatico e non (più) alla decisione delle parti o, addirittura, di un soggetto esterno (su tutti, un arbitrato o un Tribunale). Certo uno smart contract dovrebbe per sua natura includere anche clausole extra-informatiche, in grado di coprire l’imprevedibile (l’esigenza di un’interpretazione analogica, insomma, non verrebbe meno tout court), ma è pur vero che l’alea contrattuale verrebbe ridotta al minimo (a tutto beneficio della speditezza e della certezza dell’operazione, oltre che di una evidente riduzione dei costi anche nascosti della stessa).

Blockchain per la PA: come funziona l’e-voting

Infine, pur se con solo qualche accenno, deve ricordarsi il possibile binomio tra blockchain e partecipazione pubblica (in particolare, e-voting): se è vero che permangono alcune criticità di non poco conto, specie connesse alla gestione delle credenziali di accesso e autenticazione in capo ai singoli utenti (con evidenti rischi per la genuinità del voto), è altrettanto vero che alcuni esempi di Blockchain-enabled e-voting (c.d. BEV) sono già comparsi al di fuori dell’Italia: possono ricordarsi gli esempi della provincia sudcoreana di Gyeonggi-do, dell’e-voting estone (attenzionato anche dal Connecting Europe Facility program – CEF Digital), o – ancora – dal partito danese Alleanza Liberale, divenuto il primo partito ad utilizzare un sistema di votazione interna tramite blockchain. Casi pratici che dimostrano la fattibilità – non solo astratta – di una soluzione tecnica che potrebbe offrire non poche opportunità per il gioco democratico: si pensi solamente al voto per i fuorisede, divenuto argomento sempre più rilevante e sul quale già si concentrano alcune proposte apparse con l’inizio della XIX legislatura.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4