La normativa

Cura Italia, videoconferenza per le sedute collegiali degli enti pubblici: ecco come

Le regole previste dal Decreto Cura Italia per sostenere in videoconferenza le sedute collegiali degli enti pubblici, come i Comuni

27 Apr 2020
Michele Cozzio

Università di Trento

Vittorio Italia

Professore ordinario di diritto amministrativo nelle Università di Pavia e di Milano

bonus bancomat 2020

Tra le soluzioni emergenziali adottate dal Governo con il Decreto Cura Italia, viene stabilito che le sedute degli organi collegiali di Comuni ed enti pubblici avvengano mediante videoconferenza. Viene così garantito il proseguimento delle attività senza rischi per i partecipanti. Alcuni accorgimenti possono facilitare l’attuazione della misura, che potrebbe rivelarsi modalità utile anche nella fase post coronavirus.

L’emergenza coronavirus e la soluzione tecnologica

Il 31 gennaio 2020 con delibera del Consiglio dei ministri è stato dichiarato lo stato di emergenza per l’epidemia coronavirus, poi esteso a tutto il territorio nazionale. Il termine di durata delle misure adottate resta (per ora) fissato al 13 aprile 2020. Il decreto-legge 17 marzo 2020 n. 18, recante Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19, introduce nuove misure che riguardano il settore sanitario, i lavoratori, le banche, le imprese, le pubbliche amministrazioni. Tra le soluzioni adottate si segnala quella in tema di semplificazione degli organi collegiali (art. 73), segnatamente:

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati
  • dei Consigli dei Comuni, delle Province, delle Città metropolitane, delle Giunte comunali (co. 1);
  • degli enti pubblici nazionali anche articolati su base territoriale, degli enti e degli organismi del sistema camerale (co. 2);
  • delle associazioni private anche non riconosciute e delle fondazioni (co. 3).

Viene stabilito che le sedute di detti organi avvengano mediante videoconferenza. Questa soluzione si è resa necessaria per legittimare l’utilizzo di questa modalità anche per le realtà ove non sia già oggetto di specifiche previsioni statutarie o regolamentari. Viene così garantito il corretto e regolare svolgimento delle sedute, senza rischio per la salute dei partecipanti.

Le modalità di attuazione

Lo svolgimento delle sedute in videoconferenza viene subordinato al rispetto di alcune minime condizioni. Le riunioni devono avvenire nel rispetto di “criteri di trasparenza e tracciabilità previamente fissati” dal presidente del consiglio o dal sindaco (art. 73, co. 1). In tal senso è necessario rendere previamente note le modalità con le quali si svolgeranno gli incontri, che devono altresì garantire:

  • l’identificazione certa dei partecipanti;
  • il regolare dello svolgimento delle sedute;
  • la partecipazione e le funzioni dei segretari;
  • l’adeguata pubblicità delle sedute.

L’attuazione delle sedute in videoconferenza richiede quindi alcune minime accortezze che proviamo a sintetizzare. L’invio della convocazione, nei termini ordinariamente prescritti, può avvenire mediante posta elettronica, meglio se mediante posta elettronica certificata, recante l’indicazione che la riunione si svolgerà con collegamento in videoconferenza di tutti i componenti, specificando quale sarà la piattaforma tecnologica utilizzata (ve ne sono molte: skype, zoom, gotomeeting, hangouts, etc.) e le indicazioni ed eventuali credenziali per l’accesso (ad esempio nel caso di utilizzo della piattaforma Zoom verrà riportato il codice da utilizzare per accedere alla riunione).

La convocazione dovrebbe opportunamente riportare anche l’indicazione (ad esempio link web) per accedere alla cartella contenente l’ordine del giorno e la documentazione della riunione (accesso limitato ai componenti dell’organo collegiale); sarà onere dei partecipanti prendere visione della documentazione e, per il Presidente dell’organo, predisporla tempestivamente. Il collegamento in videoconferenza deve garantire la possibilità dell’identificazione certa dei partecipanti, sia nella fase iniziale dell’incontro allorché si debba verificare il quorum costitutivo (che può avvenire ad esempio mediante appello nominale ad opera del segretario) sia nella fase delle votazioni. Nel caso alcuni dei partecipanti si assentano dalla discussione se ne darà conto nel verbale.

Il regolare svolgimento delle sedute è condizione intesa a garantire a tutti i partecipanti di poter:

  • intervenire in modalità sincrona alla riunione e alla discussione sui singoli punti,
  • accedere ai documenti inerenti gli argomenti all’ordine del giorno,
  • votare sui singoli punti all’ordine del giorno.

La discussione può svolgersi ordinatamente se, a seguito della presentazione dei singoli argomenti, ciascuno dei partecipanti indica al Presidente l’intenzione di intervenire. È opportuno, in altri termini, che il Presidente o il segretario, anche sfruttando le soluzioni fornite dalle piattaforme tecnologiche, operino come moderatori. È opportuno, inoltre, che le modalità di intervento e votazione vengano rese note preliminarmente, in sede di convocazione ovvero al momento di apertura dell’incontro.

Pubblicità delle sedute e verbale

La pubblicità delle sedute costituisce requisito dai molteplici significati. In primo luogo, essa va intesa come possibilità di trasmissione in diretta dell’incontro, con possibilità quindi per qualsiasi cittadino di prenderne visione. Un secondo significato, qualora la trasmissione in diretta non fosse possibile, rinvia alla videoregistrazione dell’incontro (soluzione che le piattaforme tecnologiche rendono facilmente praticabile), che potrà essere archiviata e resa disponibile alla cittadinanza.

Allorché emergano questioni di riservatezza, vi potranno essere parti dell’incontro non rese disponibili pubblicamente. Ciò vale sia per le ipotesi della diretta che della videoregistrazione. Entrambe le soluzioni, per altro, non costituiscono l’elemento centrale, irrinunciabile, della pubblicità delle sedute, ravvisabile piuttosto nella pubblicazione del verbale della seduta, comprensivo dell’esito delle votazioni. Il file del verbale va archiviato in modo da rendere facile la sua individuazione e la presa visione in qualsiasi momento da parte della cittadinanza.

Il verbale costituisce elemento probatorio decisivo, strumentale alle menzionate esigenze di pubblicità e tracciabilità dell’azione decisionale dell’organo collegiale. Il verbale va reso disponibile ai partecipanti in forma provvisoria, in tempi brevi alla chiusura dell’incontro, permettendo di svolgere eventuali modifiche e correzioni entro un termine altrettanto breve. Seguirà un secondo invio, dopo il quale si intenderà formalmente approvato da tutti i partecipanti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati