Numeri e giustizia

Tradurre il processo in una formula matematica: è possibile, ecco come

L’istruttoria giudiziaria può essere tradotta in una formula matematica: un esperimento, per conferire maggiore certezza sul procedimento e l’esito. Tuttavia, non bisogna trascurare variabili fondamentali come la prudenza del giudice

03 Dic 2020
Luigi Viola

avvocato

Nell’ambito di un procedimento giudiziario, l’istruttoria può essere tradotta anche in una formula. Questa ha il pregio di assicurare maggiore certezza, pur lasciando rilievo decisivo al prudente apprezzamento del giudice come previsto dall’articolo 116 del Codice di procedura penale. Vediamo come funziona: si precisa che tale contributo è di natura sperimentale, vuole solo mettere la lente d’ingrandimento su una possibilità, lungi da volersi accreditare come dogma.

Matematica e giustizia

La formula che andiamo a esporre rappresenta un primissimo studio sperimentale (e come tale va considerato), ma serve ad evidenziare la sequenza logica e procedimentale imposta dal codice di rito. La formula non tiene ancora conto del dictum dell’art. 116 comma 1 c.p.c., che attribuisce al giudice il potere/dovere/diritto di pesare le prove secondo il proprio prudente apprezzamento; la prudenza è un concetto relativo (quasi valoriale), da individuare caso per caso rispetto al fine. Ciò rende ancor più difficile la modellizzazione effettiva dell’iter processuale. Attenzione però: più difficile, ma non impossibile.

Se si riuscisse in quest’intento, il grado di certezza dell’esito processuale e la sua prevedibilità sarebbero innalzati notevolmente, con beneficio di tutti i cittadini che potrebbero fruire di una maggiore parità di trattamento processuale.

Le variabili

Il provvedimento giudiziale finale è una composizione di fatto e diritto: il fatto esiste nella misura in cui viene provato, mentre il diritto che rileva è dato dalla sua interpretazione. Per iniziare, assegniamo le seguenti variabili:

PG = provvedimento giudiziale

FP = fatto provato

IP = interpretazione della legge[1]

Avremo, dunque:

PG= FP ∧ IP

Questo simbolo “∧ “ indica “and”, da intendere qui come una “e” congiunzione tra dati non omogenei.

Formula sperimentale per il processo civile 

La formula del processo civile potrebbe essere la seguente:

Assegnate queste variabili:

PP = prove precostituite;

FN= fatto narrato (può essere neutralizzato da un fatto narrato diverso, oppure tramite contestazione specifica ex art. 115 c.p.c.);

GD = giuramento decisorio;

PC = tutte le prove costituende ad eccezione del giuramento decisorio;

AP = argomenti di prova, ex art. 116 comma 2 c.p.c.;

n = variabile del numero di prove o interpretazioni;

∘ = composizione.

In base all’iter procedimentale dell’istruttoria, le prove precostituite precedono la contestazione dei fatti, che a sua volta precede le prove costituende.

FP = {(PP ± PPn) ∘ (FN ± FNn) ∘ [∀FN – FN = 0 => (GD ± GD)] ∘ [∀GD – GD = 0 => (PC ± PCn)] ∘ (AP ± APn)}

Si precisa che:

-∀ vuol dire “per ogni”;

-= 0 => vuol dire “se è uguale a 0, allora ne segue che”.

Facciamo un esempio. Tizio lancia dal balcone una chiave inglese, colpendo e così cagionando lesioni per colpa al signor Caio. Assistono all’evento Sempronia e Sempronio.

Caio agirà ex art. 2043 c.c., dovendo provare:

-colpa o dolo (a);

-causalità (b);

-danno (c).

Il processo viene attivato con atto di citazione, in cui Caio espone il fatto enunciando anche la presenza di colpa o dolo, causalità, danno (a+b+c). Tizio contesta la causalità (-b). Sempronio e Sempronia confermano la causalità (+b). Il giudice dovrà decidere: vediamo che succede utilizzando la formula ipotizzata. Questa è la formula:

FP = {(PP ± PPn) ∘ (FN ± FNn) ∘ [∀FN – FN = 0 => (GD ± GD)] ∘ [∀GD – GD = 0 => (PC ± PCn)] ∘ (AP ± APn)}

Non abbiamo PP, per cui attribuiamo il valore 0.

Non abbiamo GD, per cui attribuiamo il valore 0.

Non abbiamo AP, per cui attribuiamo il valore 0.

Ora inseriamo le variabili:

FP = {(0 ± 0) ∘ (a + b + c – b) ∘ [∀b – b = 0 => (0 ± 0)] ∘ [∀0 – 0 = 0 => (+b ± 0)] ∘ (0 ± 0)}

Ora eliminiamo i dati “neutralizzati” (b-b), così da avere:

FP = {(0 ± 0) ∘ (a +b+ c – b) ∘ [∀b – b = 0 => (0 ± 0)] ∘ [∀0 – 0 = 0 => (+b ± 0)] ∘ (0 ± 0)}

Da cui ne segue:

FP = a + c + b

Caio ha provato il fatto rilevante ex art. 2043 c.c.

La formula non tiene conto del diverso peso delle prove ex art. 116 comma 1 c.p.c.

Facciamo un altro esempio: Tizio lancia dal balcone una chiave inglese, colpendo e così cagionando lesioni per colpa al sig. Caio. Assistono all’evento Sempronia e Sempronio.

Caio agirà ex art. 2043 c.c., dovendo provare:

-colpa o dolo (a);

-causalità (b);

-danno (c).

Il processo viene attivato con atto di citazione, in cui Caio espone il fatto enunciando anche la presenza di colpa o dolo, causalità, danno (a + b + c), allegando un referto medico dimostrativo del danno (+ c ). Tizio contesta la presenza di un danno (- c). Sempronio e Sempronia confermano la causalità (+b). Il giudice dovrà decidere: vediamo che succede utilizzando la formula ipotizzata. Questa è la formula:

FP = {(PP ± PPn) ∘ (FN ± FNn) ∘ [∀FN – FN = 0 => (GD ± GD)] ∘ [∀GD – GD = 0 => (PC ± PCn)] ∘ (AP ± APn)}

Si precisa che:

non abbiamo GD, per cui attribuiamo il valore 0;

non abbiamo AP, per cui attribuiamo il valore 0.

Ora inseriamo le variabili:

FP = {( c ± 0) ∘ ( a + b+ c – c) ∘ [∀c – c = 0 => (0 ± 0)] ∘ [∀0 – 0 = 0 => (b ± 0)] ∘ (0 ± 0)}

Ora eliminiamo i dati “neutralizzati” (b-b), così da avere (c-c):

FP = {( c ± 0) ∘ ( a + b + c – c) ∘ [∀c – c = 0 => (0 ± 0)] ∘ [∀0 – 0 = 0 => (b ± 0)] ∘ (0 ± 0)}

Da cui ne segue:

FP = c + a + b ∘ b

Il fatto a + b + c è provato.

La formula non tiene conto del diverso peso delle prove ex art. 116 comma 1 c.p.c.

Conclusione

Si vive un momento di incertezza enorme, anche sul piano della giustizia: bisognerà trovare il giusto equilibrio tra oggettività e soggettività. Solo il primo non va bene in quanto si rischia di non tenere in considerazione le singole specificità del caso, in uno con le argomentazioni delle parti processuali. Neanche solo il secondo va bene perché rischia di creare incertezza, finendo per trattare in modo diverso situazioni giuridiche uguali.

Non c’è dubbio, però, che la sentenza deve essere sempre più verificabile, in modo tale che la decisione appaia la logica conseguenza (conclusione) di elementi di fatto (premessa minore) ed elementi di diritto (premessa maggiore).

_

Note

  1. Per questo, si rinvia integralmente a Viola, Interpretazione della legge con modelli matematici, Milano, 2018.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati