Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

esperto risponde

Come si emette fattura elettronica verso privati cittadini

04 Ott 2018

Salvatore De Benedictis

dottore commercialista

fattura elettronica

DOMANDA

Vorrei avere alcune delucidazioni riguardo l’emissione di fatture verso il privato cittadino (in particolare le fatture di prestazioni sanitarie) sono soggette al formato elettronico? In questo caso, come si inoltrano allo Sdi non avendo a disposizione codice/Pec ?

Grazie dell’attenzione

Claudio Barsotti

RISPOSTA

Il provvedimento 89757 del Direttore dell’Agenzia delle Entrate, al punto 3,4 lettera c) prevede che l’emissione della fattura elettronica nei confronti di un consumatore finale si effettua  “inserendo solo il codice convenzionale “0000000” nel caso in cui il soggetto cessionario/committente sia un consumatore finale” e, nella sezione delle informazioni anagrafiche del file della fattura elettronica, non vadano compilati i campi “IdFiscaleIVA” e sia  compilato solo il campo “CodiceFiscale” del cessionario/committente. “…. In tal caso, il SdI recapita la fattura elettronica al cessionario/committente mettendola a  disposizione nella sua area riservata del sito web dell’Agenzia delle entrate, oltre che rendere disponibile al cedente/prestatore – nella sua area riservata – un duplicato informatico di cui alla lettera a). Comunque, il cedente/prestatore consegna direttamente al cliente consumatore finale una copia informatica o analogica della fattura elettronica, comunicando contestualmente che il documento è messo a sua disposizione dal SdI nell’area riservata del sito web dell’Agenzia delle entrate”.

In questa ipotesi, la PEC del destinatario non è quindi obbligatoria.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4