Contributo a fondo perduto, come fare rettifica | Agenda Digitale

Esperto risponde

Contributo a fondo perduto, come fare rettifica

Vediamo in che modo rettificare l’istanza per richiedere il contributo a fondo perduto del Decreto Sostegni

21 Apr 2021
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista

DOMANDA

Si può rettificare l’istanza contributo fondo perduto decreto sostegni art.1 DL 41/2022 ? romeoconsul62@gmail.com

RISPOSTA

La guida predisposta dall’Agenzia delle Entrate, prevede: “… all’interno della sezione “Contributo a fondo perduto” presente nel portale “Fatture e Corrispettivi”, il richiedente e l’eventuale intermediario delegato (al cassetto fiscale o alla consultazione delle fatture elettroniche) hanno accesso ai dati relativi alle istanze presentate:

  • al link “Consultazione esito”, il richiedente e l’intermediario delegato possono consultare, per ogni istanza presentata, l’esito finale di elaborazione. * al link “Invii effettuati”, il solo soggetto che ha trasmesso le istanze può consultare l’elenco dei file trasmessi e delle relative ricevute, contrassegnate dalle sigle “ICF21” (ricevuta di presa in carico o scarto in prima ricevuta) e “ICG21” (ricevuta di riconoscimento del contributo o scarto in seconda ricevuta). … successivamente all’invio dell’istanza di richiesta del contributo, il soggetto richiedente può:
  • prima che al link “Consultazione esito” risulti esposto l’esito finale di riconoscimento del contributo (l’istanza deve quindi risultare “in lavorazione” o “sospesa”) * inviare un’istanza sostitutiva, valida per correggere errori contenuti nella prima istanza, inclusa l’indicazione di diversa modalità di erogazione (accredito in conto corrente o attribuzione di credito d’imposta); * inviare un’istanza di rinuncia, valida per esprimere la rinuncia totale e definitiva al contributo.
  • successivamente al momento in cui al link “Consultazione esito” è esposto l’esito finale di riconoscimento del contributo, inviare esclusivamente l’eventuale istanza di rinuncia. Tuttavia, anche se dal tenore letterale delle indicazioni fornite dall’Agenzia potrebbe ricavarsi che l’invio della istanza di rinuncia comporti la “rinuncia totale e definitiva al contributo”, mi risulta che alcuni contribuenti hanno ricevuto il contributo dopo aver trasmesso istanza di rinuncia di una precedentemente inviata con dati errati ed aver ripresentato una nuova istanza ex novo.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile scrivere a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4