ESPERTO RISPONDE

eFattura per lavorazione di beni di terzi: cosa indicare e allegare

19 Dic 2018
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Avrei una domanda da sottoporle per quanto riguarda la fattura elettronica in presenza di DDT. Siamo una ditta che lavora esclusivamente conto terzi e, una volta che il prodotto è stato lavorato, lo consegniamo al cliente finale con il DDT. Quindi a fine mese emetto fattura differita con tutti i riferimenti ai DDT. Con l’avvento della fattura elettronica è obbligatorio inserire tutti i dati dei DDT oppure si possono inserire solo le descrizioni dei prodotti consegnati con i pezzi totali e i prezzi unitari? Oppure ancora: si può fare una sola riga con descrizione “beni e servizi mese di xxx” con un unico totale?

Davide Comis

RISPOSTA

La domanda da Lei posta non riguarda tanto la fatturazione elettronica, quanto le regole per la emissione della fattura in senso ampio.

WEBINAR
Gestione documentale digitale di ultima generazione: opportunità e benefici
Dematerializzazione

L’oggetto del contratto che Lei esegue è una prestazione di servizi, non una cessione di beni. Per rispettare il precetto normativo, lei dovrebbe quindi indicare in fattura la “natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell’operazione”. Mi sento quindi di poter affermare che nel suo caso non è il documento di trasporto l’elemento caratterizzante la prestazione, ma piuttosto quali e quante tipologie di lavorazioni ha effettuato.

Ecco quindi che il riferimento al DDT non diventa essenziale ai sensi del comma 4, lettera a) del DPR 633/1972 (fatturazione differita “…per le cessioni di beni la cui consegna o spedizione risulta da documento di trasporto o da altro documento idoneo a identificare i soggetti tra i quali e’ effettuata l’operazione”), proprio perché Lei non effettua alcuna cessione di beni.

Quindi a mio avviso Lei potrebbe allegare alla fattura elettronica i DDT in cui sono indicati i beni su cui ha fatto la lavorazione, indicando una descrizione per ciascuna tipologia omogenea, per natura e valore, di prestazione, e inserendo una dicitura del tipo “… n. lavorazioni consistenti in… effettuate sui beni di cui ai ddt allegati a formare parte inscindibile e sostanziale della presente fattura.”

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati