Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Esperto risponde

Fattura differita, ecco come indicare la data corretta

Le indicazioni per emettere e trasmettere in modo corretto la fattura differita, anche in presenza di numerosi DDT

12 Set 2019

Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Lavoro in una software house, i nostri clienti chiedono informazioni sulla data in cui fare fattura elettronica. Posso generare il file xml in data 02/09/2019 fatturando i D.D.T del mese di agosto in data 31/08/2019? Per esempio:

  • D.D.T N° 10 DEL 10/08/2019
  • D.D.T. N° 25 DEL 15/08/2019
  • D.D.T. N°50 DEL 28/08/2019
  • DATA Fattura 31/08/2019
  • File generato in data 02/09/2019
  • Spedito a SDI entro il 15/09/2019

Marco Bernardara

RISPOSTA

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare 14/E del 17/6/2019, in un caso simile a quello da lei rappresentato, ha affermato:

Volendo esemplificare, qualora per tre cessioni effettuate nei confronti dello stesso soggetto avvenute in data 2, 10 e 28 settembre 2019, con consegna al cessionario accompagnata dai rispettivi documenti di trasporto, si voglia emettere un’unica fattura ex articolo 21, comma 4, lettera a), del decreto IVA, si potrà generare ed inviare la stessa allo SdI in uno qualsiasi dei giorni intercorrenti tra il 1° ed il 15 ottobre 2019, valorizzando la data della fattura (campo “Data” della sezione “Dati Generali” del file) con la data dell’ultima operazione (28 settembre 2019).”.

La differenza tra quanto da lei esposto e quanto suggerito dall’Agenzia delle Entrate sta solo nella indicazione della data della fattura, da lei proposta a fine mese, e dall’Agenzia delle Entrate con la data dell’ultimo DDT.

Come ho avuto modo di confermare in un altro intervento, la indicazione dell’ultimo giorno del mese come data di emissione, anche se l’ultimo DDT è stato emesso in data antecedente, è coerente – ad avviso dello scrivente – col disposto dell’articolo 21, quarto comma, lettera a) del DPR 633/1972, e  non dovrebbe comunque essere considerato comportamento sanzionabile, in quanto – eventualmente – irregolarità meramente formale (art.6 comma 5-bis, decreto legislativo 472/1997).

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4