Fattura e cessione di beni con prezzo da determinare: ecco le regole - Agenda Digitale

Esperto risponde

Fattura e cessione di beni con prezzo da determinare: ecco le regole

Nel caso di cessioni di beni con prezzo da determinare, ecco quali sono gli obblighi e a carico di chi sono

29 Set 2021
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista

DOMANDA

Ho dato del grano a un commerciante con prezzo da determinare, vorrei sapere come fa il commerciante a vendere un prodotto che non è suo: il sottoscritto non ha fatto mai fattura a favore del commerciante.

marioprimiani@yahoo.it

RISPOSTA

Le cessioni di beni con “prezzo da determinare” sono regolamentate dal DM 15/11/1975, che così dispone:

Articolo 1

“Per le cessioni di beni il cui prezzo, in base a disposizioni legislative, usi commerciali, accordi economici collettivi o clausole contrattuali, è commisurato ad elementi non ancora conosciuti alla data di effettuazione dell’operazione la fattura può essere emessa entro il mese successivo a quello in cui i suddetti elementi sono noti o il prezzo é stato comunque determinato”.

Articolo 2

“Le cessioni di cui all’articolo precedente devono risultare da annotazioni nei libri o registri previsti dall’art. 53, terzo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, ovvero dai documenti di trasporto o dagli altri idonei documenti di cui all’art. 21, quarto comma, i quali devono contenere anche il riferimento al presente decreto. Per le cessioni effettuate dai soggetti di cui all’art. 34, quarto comma, gli obblighi di cui al precedente comma devono essere adempiuti solo dall’altro contraente. Le fatture emesse a norma dell’art. 1 devono contenere anche l’indicazione dei libri o dei registri o dei documenti previsti nel primo comma”.

Le operazioni sono quindi scandite dai seguenti adempimenti:

  • Consegna dei beni con la specifica indicazione della natura della cessione e il riferimento al Decreto Ministeriale 15/11/1975;
  • Comunicazione da parte del commerciante al momento della vendita del prezzo realizzato;
  • Emissione da parte sua della fattura entro il mese successivo al ricevimento della comunicazione e con riferimento sia alla consegna dei beni sia al DM 15/11/1975.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile scrivere a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4