Fattura elettronica, cosa succede in caso di assegni con date precedenti all'emissione | Agenda Digitale

Esperto risponde

Fattura elettronica, cosa succede in caso di assegni con date precedenti all’emissione

Ecco cosa dice la normativa relativamente alla data di effettuazione dell’operazione per i pagamenti ricevuti con assegni di conto corrente

05 Nov 2020
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Se un cliente  riceve il 29 ottobre 2020 un assegno datato 18 settembre 2020 deve emettere fattura elettronica al 29 ottobre e incassare l’assegno il 29 ottobre. Può essere questo considerato un ritardo di emissione fattura elettronica ed essere sanzionato?

Lucia Maramaldi

RISPOSTA

WHITEPAPER
Come migliorare la gestione dei documenti grazie a un ufficio digitalizzato?
Dematerializzazione

Se Lei riceve in data 29/10/2020 un assegno datato 18/9/2020 ed ha prova della data in cui l’ha ricevuto (per esempio, una lettera di accompagnamento o altra documentazione equivalente, l’operazione si considera effettuata il giorno in cui Lei è venuta in possesso dell’assegno. La circostanza che Lei abbia negoziato in data 29 ottobre 2020 l’assegno datato 18 settembre 2020 non mi sembra elemento sufficiente a costituire prova della data in cui Lei è entrata nella disponibilità dell’assegno.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile scrivere a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4