Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Esperto risponde

Fattura elettronica d’acquisto, ecco perché non è giusto registrarle con data anteriore al recapito

Le fatture di acquisto non possono essere registrate con data anteriore al loro ricevimento. Bisogna infatti deve rispettare la norma dell’articolo 2216 del Codice Civile, per cui il libro giornale deve indicare giorno per giorno le operazioni relative all’esercizio dell’impresa

29 Lug 2019
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Se ci arriva una fattura elettronica di acquisto ad esempio datata 31/07/19 e recapitata tramite SDI in data 05/08/19 in che data la possiamo registrare nella nostra contabilità? Abbiamo sempre considerato di far rientrare competenza Iva e anche competenza costo per l’elaborazione di nostre situazioni contabili interne, nel mese di datazione della fattura, quindi registrandola in data 31/07/19. Qualcuno fa notare che se la fattura ci è stata recapitata il 5/08/19 noi non potremmo registrarla prima, poiché al 31/07/19 non ne saremmo ancora venuti a conoscenza.

Se non potessimo più operare in tale modo si aprirebbero varie casistiche di criticità per la nostra gestione interna poiché, laddove il gestionale ci permette di gestire l’Iva imputandola come competenza luglio anche se dovessi registrare l’acquisto in agosto, lo stesso non riusciamo a fare con la competenza dei costi, che se registrati in data 5/08/19 rientrano per forza nella competenza di agosto quando invece sarebbe di luglio, sballando tutte le nostre valutazioni.

In virtù di quanto da lei fatto presente in una precedente risposta: “Mi permetto di suggerire di dare rilevanza alla sostanza dei comportamenti, e considerare che eventuali condotte, anche formalmente non corrette, che non arrechino danno all’Erario o ostacolo all’attività di accertamento non sono sanzionabili a norma dell’articolo 6, comma 5-bis, Decreto legislativo 472/1997”. Considerando che l’Iva è da noi liquidata sempre correttamente, e che non ci sembra di arrecare nessun danno all’erario con la nostra condotta, secondo lei possiamo continuare come abbiamo sempre fatto?

Decoratori Bassanesi Srl

RISPOSTA

Sotto il profilo sostanziale confermo quello che ho già detto in altre occasioni e che lei ha richiamato, ma sotto il profilo formale non posso dirle che il comportamento è corretto. Ricordo anche che a norma dell’articolo 2216 del Codice Civile, “il libro giornale deve indicare giorno per giorno le operazioni relative all’esercizio dell’impresa”.

La giustificazione da lei addotta potrebbe essere congrua in sede di prima applicazione delle norme sulla fatturazione elettronica – periodo in cui potrà essere attribuita enfasi e rilevanza, come circostanze attenuanti o esimenti, alla esigenza di adattamento del software e delle procedure – ma le suggerisco di adeguarsi al più presto.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4