Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Esperto risponde

Fattura elettronica ricevuta con codice fiscale e senza parita IVA: cosa fare

06 Feb 2019

Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

Un fornitore mi ha inviato una fattura elettronica, ma nel file (anche XML) non è riportata la mia partita IVA e solo il codice fiscale. Probabilmente nella sua anagrafica di fatturazione non l’aveva indicata.

Ho chiesto di emettere una nota di credito a storno della fattura con solo codice fiscale e contestuale emissione della fattura con partita IVA: è corretta la procedura, oppure posso contabilizzare la fattura con solo codice fiscale?

Alberto Nembrini

RISPOSTA

La fattura inviata con la compilazione del solo codice fiscale (persona fisica) fa sì che l’operazione si intenda effettuata al di fuori di attività rilevanti ai fini IVA. L’articolo 21, comma 2, lettera  f, del DPR 633/1972, prevede espressamente l’obbligo di indicazione della partita IVA del cessionario/committente.

Non mi sento di escludere che la fattura senza la indicazione della partita IVA le precluda il diritto alla detrazione, ma non c’è dubbio che la sua regolarizzazione, previo storno con nota di credito, potrebbe evitare problemi connessi alla corretta interpretazione dei dati in sede di controllo automatizzato sulla base delle informazioni esistenti nel database dell’Agenzia delle Entrate..

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4