Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Esperto risponde

Gli obblighi informativi  nel caso di emissione di fattura elettronica a privati

29 Apr 2019

Salvatore De Benedictis

dottore commercialista


DOMANDA

È obbligatoria una dicitura sulla copia fattura cartacea inviata ai clienti per cortesia? Se sì, esattamente come deve essere impostata?

Andrea Bechelli

RISPOSTA
La copia cartacea della fattura, definita “di cortesia”, è la riproduzione del contenuto della fattura elettronica. Le regole per la emissione e la ricezione delle fatture elettroniche, emanate con provvedimento n. 89757 del 30 aprile 2018, al punto 3.4.c prevedono che, nel caso in cui il soggetto cessionario / committente sia un consumatore finale, il cedente/prestatore debba consegnare “…direttamente …una copia informatica o analogica della fattura elettronica, comunicando contestualmente che il documento è messo a sua disposizione dal SdI nell’area riservata del sito web dell’Agenzia delle entrate”.

L’obbligo di informazione può essere quindi adempiuto

  • nel corpo della mail, o come oggetto, nel caso rilascio di copia informatica (per esempio se il cliente consumatore finale chiede che la consegna avvenga allegando la fattura elettronica ad un messaggio mail);
  • mediante una nota o un timbro da apporre sul documento cartaceo consegnato al cliente consumatore finale nel caso di rilascio di copia
    analogica.

La dicitura da apporre potrebbe essere del tipo “il presente documento (o il documento allegato alla presente mail, in caso di invio per posta elettronica) è la copia della fattura elettronica trasmessa al sistema di Interscambio e che verrà messa a sua disposizione nell’area riservata del sito web dell’Agenzia delle entrate”.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu
Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4