Esperto risponde

Oneri doganali, cosa succede in caso di vincite ai concorsi

Vediamo quando sono dovuti gli oneri doganali nel caso di vincite di concorsi a premio

15 Dic 2021
Salvatore De Benedictis

dottore commercialista

DOMANDA

Il 24 novembre ho ricevuto un pacco con un regalo vinto in un concorso, spedito dalla Corea e consegnato tramite corriere. Ieri ho ricevuto con posta ordinaria non tracciata una fattura dal corriere che mi chiede di pagare gli oneri doganali che lui ha anticipato. Tale fattura è una copia trasmessa al SDI, ma io ho controllato il mio cassetto fiscale sul sito AdE e non risulta nulla. La domanda è questa: può il corriere emettere una fattura elettronica a mio nome senza conoscere il mio codice fiscale? Ed ai fini fiscali è valida, ovvero sono costretta a pagare?

Silvia Lago

RISPOSTA

Il modo con cui il corriere è entrato in possesso del codice fiscale non è una indagine semplice e di non immediata soluzione. Il problema io lo porrei sotto diverso aspetto: Lei si è contrattualmente obbligata ad accettare il regalo vinto al concorso? oppure l’assegnazione è avvenuta in mancanza del suo consenso e Lei non ha mai partecipato ad alcun concorso o dato assensi di qualsiasi genere? Perché se Lei nel partecipare al concorso si fosse assunta gli oneri (tra i quali potrebbero rientrare gli oneri doganali) conseguenti l’eventuale trasferimento del premio dal paese di assegnazione all’Italia ritengo che, indipendentemente dalla modalità di acquisizione del codice fiscale, esiste un valido titolo perché gli oneri doganali siano da Lei dovuti.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile scrivere a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2