Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Esperto risponde

Prestazioni a soggetto estero e fatturazione elettronica: l’obbligo dipende dal possesso del codice fiscale

14 Mag 2019

DOMANDA

Un artigiano falegname ha effettuato una prestazione di servizi c/o il fabbricato sito sul territorio italiano di un suo cliente francese (soggetto privato) che non risiede in Italia ma in Francia. Nel redigere la fattura elettronica gli è stato consigliato di indicare l’IVA per la prestazione di servizi (fornitura di serramenti con le due aliquote 10% e 22%) come codice destinatario (0000000) compilando  il solo campo del C.F. (indicando quello Italiano di cui era in possesso fornito dallo stesso cliente con  Z110 finale) ed i dati della residenza Francese comprensivi del Cap nel caso specifico (78600). Nel caso specifico è soggetto all’Esterometro?

Roberto Vierin

RISPOSTA

Se il suo cliente le ha comunicato un codice fiscale Italiano vuol dire che è identificato  ed ha un domicilio in Italia, ed in questo caso Lei dovrebbe indicare questi riferimenti della fattura elettronica, inserendo come codice destinatario 0000000 e, come previsto dal provvedimento n. 89757 del 30 aprile 2018, al punto 3.4.c è tenuto   consegnare al destinatario  una copia informatica o analogica della fattura elettronica, e ad informare  contestualmente che il documento è messo a sua disposizione dal Sistema di Interscambio nell’area riservata del sito web dell’Agenzia delle entrate.

Se invece il suo cliente non avesse identificazione fiscale in Italia, Lei potrebbe emettere la fattura anche in formato cartaceo, ma in questo caso sarebbe tenuto alla compilazione dell’esterometro.

Lei comunque potrebbe optare per la emissione della fattura elettronica con:

  • codice destinatario XXXXXXX, non inserendo il codice fiscale;
  • cap 00000;
  • campo CodicePaese,  la sigla del paese di residenza del cessionario/committente;
  • campo idpartitaIVA, convenzionalmente valori numerici (per esempio, tutti 0).

La trasmissione della fattura elettronica siffatta al sistema di interscambio la esonera dalla compilazione dell’esterometro.

Per porre domande a Salvatore De Benedictis sul tema “Fatturazione Elettronica e Conservazione Digitale” è possibile inviare le proprie domande a: esperto@agendadigitale.eu

Potranno essere presi in esame solo i quesiti sottoscritti con cognome e nome

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4