Assosoftware

Fattura elettronica: più che una proroga, serve flessibilità

Adesso evitiamo che si ripresenti il problema dei ritardi attuativi in gennaio con l’obbligo di fattura elettronica per tutti. Ecco di chi sono le responsabilità e come affrontarle, anche da parte delle imprese. Il punto di Assosoftware

29 Giu 2018
software fatturazione elettronica

In Italia una proroga non si nega mai a nessuno. Questa volta tocca ai benzinai, individuati dalla Legge di Bilancio come la prima categoria che doveva partire con la fatturazione elettronica dal primo luglio 2018 e che, invece, lo farà da gennaio 2019 allineandosi all’obbligo valido per tutte le imprese (leggi sulla proroga fattura elettronica ai benzinai). Si badi bene, non voglio esprimere giudizi sull’effettiva necessità di uno slittamento che, come sempre, spetta all’Esecutivo e al confronto con le parti, tuttavia, da osservatore interessato e conoscitore del tema, rilevo che, come spesso accade, anche in questo caso, dopo ben sei mesi dall’emanazione della norma, il Paese non è stato in grado di prepararsi adeguatamente alla scadenza e, sotto la minaccia di uno sciopero, il Governo si è trovato invitato a posticipare di ulteriori 6 mesi la partenza dell’obbligo.

Fattura elettronica benzinai, rinvio al 2019: che succede ora

Gli svantaggi della proroga

Le responsabilità sono variamente distribuite, a partire da quelle in conto al Legislatore e all’Amministrazione finanziaria, da cui ci si aspettavano norme più chiare e tempestive, a quelle a carico dell’Agenzia delle Entrate, che forse ha promesso funzionalità e strumenti anche aldilà dello stretto necessario, a quelle delle Associazioni di categoria e dei Professionisti, in ritardo nell’opera, fondamentale, di informazione capillare. Infine anche gli stessi provider e le software house solo ora sono pronti a consegnare i prodotti aggiornati. Il risultato è che il provvedimento di proroga sposterebbe di sei mesi il problema senza dare la possibilità di testare sul campo la tenuta delle infrastrutture tecniche e tutti gli strumenti necessari per gestire correttamente l’adempimento.

Una soluzione alternativa AssoSoftware l’aveva proposta suggerendo un avvio senza sanzioni per un certo periodo per togliere la pressione e la preoccupazione di un adeguamento in ritardo o per qualche errore formale, ma che nella sostanza mantenesse ferma la data del primo luglio e quindi la necessità per tutti gli operatori coinvolti di accelerare sul completamento delle attività e sul tempestivo avvio della fatturazione elettronica. La cosa singolare è che perfino all’interno della stessa categoria le voci sono diverse tanto che l’Unione Petrolifera si è premurata di precisare che la proroga potrebbe riguardare solamente i soggetti che erogano carburante “in strada” con clienti finali titolari di partita IVA e non le cessioni a monte tra operatori del settore che già si scambiavano fatture, per i quali dovrebbe rimanere l’obbligo di fatturazione elettronica.

Quello che dovrebbe essere scongiurato è uno slittamento totale a gennaio 2019, con conseguente abbassamento della guardia da parte di tutti e il probabile risultato di trovarsi a ridosso della nuova scadenza con i compiti a casa ancora da fare e la necessità di ulteriori rinvii.

Fattura elettronica come opportunità

È opportuno ricordare che la Fatturazione elettronica è considerata da tutti un passo importante verso la digitalizzazione del Paese: non è in gioco solo la possibilità di recuperare gettito dalla lotta all’evasione (al capitolo Fe sono legati ben 2 mld di euro all’anno di maggiori entrate), ma soprattutto uno scatto in avanti dell’efficienza delle imprese nella gestione dei loro processi interni grazie all’elaborazione dei dati presenti nelle fatture e alla riconciliazione dei medesimi con le altre informazioni aziendali. Senza dimenticare i risparmi tangibili legati all’eliminazione della carta, alle spese di spedizione e alla riduzione degli spazi di archiviazione e di conservazione delle fatture.

Ma in realtà parliamo di vantaggi che solo l’azienda informatizzata può apprezzare e cioè solo quel 20 % degli operatori economici, poco più di un milione di imprese su un totale di 5 milioni e mezzo di partite IVA. Per il restante 80% (fatto principalmente di ditte individuali e lavoratori autonomi) il primo risultato dell’adozione della Fattura elettronica sarà un deciso passo verso l’informatizzazione dell’azienda, con l’adozione di un software, magari una semplice App, che permetterà di memorizzare clienti e fornitori, le prestazioni o i beni più venduti, la creazione di un preventivo o l’invio di un ordine e poi la conversione del medesimo in fattura. Ci sarà la possibilità di vedere le scadenze di incasso e pagamento, gestire la tesoreria e fare un minimo di pianificazione finanziaria, il tutto in modo integrato senza ridigitare dati o commettere errori.

La sfida per le piccole imprese

Per un’impresa che compilava i documenti con carta e penna o nella migliore delle ipotesi con word o excel, sarà un salto evolutivo importante, innanzitutto culturale e poi operativo, che, inizialmente, richiederà impegno e potrebbe presentare qualche difficoltà ma che nel giro di qualche anno renderà l’imprenditore consapevole delle potenzialità della digitalizzazione e pronto a sfruttarne i benefici fino in fondo.

Il numero enorme di piccole e piccolissime imprese, composte spesso da uno a tre persone, è un fattore di forza per la qualità e la fortuna del Made in Italy ma diventa un ostacolo, nel confronto con gli altri Paesi Europei, quando è il momento di fare innovazione (basti vedere l’indice DESI che misura il livello di digitalizzazione dove non ci schiodiamo dalle ultime posizioni). È infatti difficile far comprendere i vantaggi dell’adozione di una nuova tecnologia a chi, oberato dall’attività quotidiana, non ha il tempo di riflettere e valutarne i benefici. In questi casi ben venga anche l’obbligo normativo che ci impone un salto in avanti, magari inizialmente non compreso, ma che alla distanza si rivelerà prezioso per stimolare la crescita e per migliorare la competitività dell’intero tessuto economico.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati