Giustizia digitale

Arbitrato telematico: cosa dice la normativa, vantaggi e criticità

L’arbitrato telematico non è solo lo scambio di documenti con mezzi informatici ma anche l’intera procedura a distanza. Infatti, la normativa ha reso meno cogente l’obbligo di indicare una sede arbitrale fisica e non impone più la riunione di persona per la pronuncia del lodo. I dettagli e i punti critici

08 Set 2022
Marco Sergio Catalano

Avvocato, Studio Irrera

- arbitrato telematico - ho mobile risarcimento utenti attacco hacker

Da tempo, l’arbitrato conosce forme più o meno avanzate di informatizzazione, che riguardano tanto la fase di conclusione del patto di arbitrato, quanto lo svolgimento della procedura arbitrale e l’emanazione del lodo.

Infatti, la libertà sui requisiti procedurali del giudizio arbitrale ha costituito terreno fertile per la sperimentazione di modelli di gestione informatizzata delle liti, prima ancora dell’introduzione del processo telematico e prima che la pandemia da Covid-19 costringesse il legislatore a individuare soluzioni per consentire lo svolgimento da remoto dei procedimenti innanzi al giudice statale.

Mediazione civile: cos’è, come funziona, vantaggi e obblighi

La giustizia arbitrale è senza dubbio fra i principali strumenti deflattivi del contenzioso davanti al giudice togato. Si tratta, come noto, di una forma di giustizia privata, in forza delle quale i litiganti – in via preventiva o in occasione dell’insorgere di una specifica vertenza – stabiliscono di far decidere le liti fra loro intercorse ad uno o più arbitri, attribuendo alla decisione gli effetti di una sentenza (nel caso di arbitrato rituale) o di un contratto (in ipotesi di arbitrato irrituale).

Le caratteristiche peculiari dell’istituto sono date dalla maggiore riservatezza, rispetto ai procedimenti innanzi al giudice statale; dall’almeno tendenziale maggiore rapidità decisoria che, a propria volta, dipende anche da un terzo elemento distintivo dell’arbitrato, ossia la completa libertà di forme.

Infatti, salvo il rispetto del principio del contraddittorio, costituzionalmente tutelato dall’art. 111, Cost., nonché delle norme di dettaglio dettate dagli artt. 806 ss., Cod. proc. civ., è integralmente rimessa alla volontà delle parti ogni scelta in merito ai requisiti procedurali del giudizio arbitrale.

Quando è valida la convenzione arbitrale telematica

Affinché la lite venga devoluta ad arbitri, è necessario che le parti sottoscrivano un’apposita convenzione d’arbitrato. Questa convenzione – ai sensi degli artt. 807, 808 e 808 bis C.p.c.[1] – deve rivestire forma scritta, che si ritiene integrata ove l’accordo arbitrale risulti da telegrafo, telescrivente, telefax o messaggio telematico, a condizione che sia rispettata la normativa concernente la trasmissione e ricezione dei documenti teletrasmessi.

WHITEPAPER
Tutto quello che c'è da sapere oggi per la collaboration nella PA

Tale normativa è oggi integrata dal Codice dell’Amministrazione Digitale (D. Lgs. n. 82/2005 s.m.i.), che assicura il rispetto della forma scritta, senza alcun dubbio, allorché la convenzione arbitrale sia inserita nel testo di una PEC[2]. Ma non è tutto.

Sebbene il Codice di procedura civile, nel disciplinare i requisiti di forma del patto arbitrale, si riferisca ai soli “documenti teletrasmessi”, dal Codice dell’Amministrazione Digitale sembrano potersi rinvenire indicazioni relative alla validità della convenzione arbitrale contenuta in un documento informatico non trasmesso telematicamente fra le parti.

Ai sensi dell’art. 20, comma 1 bis, C.A.D., infatti, il documento informatico sottoscritto con firma elettronica avanzata, qualificata o digitale, tale da garantire l’identificabilità dell’autore, l’integrità e l’immodificabilità del documento, ha la stessa efficacia della scrittura privata. Ciò significa, in altri termini, che anche la convenzione arbitrale contenuta in un documento informatico munito di firma digitale “forte” sarà del tutto valida ed efficace, analogamente a quella sottoscritta di pugno su supporto cartaceo[3].

Le forme dell’arbitrato telematico

Tanto premesso in relazione alla possibilità di concludere telematicamente il patto compromissorio, è ora possibile soffermarsi sullo svolgimento concreto dell’arbitrato con modalità telematiche, con una avvertenza: allorché si parla di arbitrato telematico, generalmente si intende sia l’arbitrato nel quale le parti e gli arbitri possano scambiare e depositare gli atti e i documenti mediante strumenti telematici, sia l’arbitrato che si svolga – almeno in linea tendenziale – integralmente a distanza.

Entrambe le tipologie di arbitrato telematico, nonostante la mancanza di previsioni esplicite quali quelle previste per lo svolgimento dei processi telematici innanzi al giudice ordinario, paiono essere pienamente ammissibili ai sensi degli artt. 816, ultimo comma e 816 bis, C.p.c.[4].

La prima norma consente agli arbitri di compiere gli atti di tenere udienza, compiere atti istruttori, deliberare e sottoscrivere il lodo anche in luoghi diversi dalla sede dell’arbitrato (ed anche all’estero); dal che deriva, ad esempio, la piena legittimità dello svolgimento di riunioni in videoconferenza, anche in difetto di specifiche indicazioni ad opera delle parti.

Alle parti – ai sensi dell’art. 816 bis, C.p.c. – è altresì attribuito il potere di stabilire, prima dell’inizio dell’arbitrato, le norme da seguire nel corso del procedimento, salvo (come si è anticipato) il rispetto del principio del contraddittorio e degli ulteriori principi di rango costituzionale applicabili in materia[5] (quale, ad esempio, il diritto di difesa di cui all’art. 24 Cost.). Ove le parti non provvedano preventivamente a fissare le “regole del gioco”, peraltro, potranno essere gli arbitri stessi a fissarle, sempre entro i limiti attribuiti alle parti.

In simile cornice normativa, non vi sono quindi ostacoli ad ammettere la possibilità di utilizzare sistemi di comunicazione telematica per la nomina degli arbitri, la trasmissione della domanda arbitrale e degli ulteriori atti del procedimento[6].

Sede fisica e riunioni per il lodo: cosa dice la normativa vigente

Se dunque, è pienamente ammissibile un arbitrato che si avvalga degli strumenti informatici per lo scambio degli atti, per riconoscere la possibilità di svolgere il giudizio arbitrale interamente in ambito telematico è necessario superare un lieve ostacolo normativo.

Si è detto, infatti, che le parti (e, in subordine, gli arbitri) godono di ampia libertà nel fissare le regole da applicare nel procedimento; il che parrebbe consentire tout court l’arbitrato integralmente telematico, con udienze e riunioni arbitrali svolti “a distanza”; memorie scambiate e depositate solo su apposite piattaforme informatiche a disposizione dei litiganti; lodo emesso senza riunione personale degli arbitri e comunicato esclusivamente in forma telematica.

Tale possibilità, quantomeno prima della riforma operata dal D. Lgs. n. 40/2006, secondo alcuni interpreti sembrava trovare un limite nelle previsioni che, da un lato, imponevano l’individuazione della sede dell’arbitrato e, dall’altro, richiedevano che almeno il lodo venisse deliberato dagli arbitri in conferenza personale.

La lettura congiunta delle disposizioni, infatti, induceva alcuni operatori a ritenere che fosse necessario individuare una sede fisica dell’arbitrato – evidentemente non rinvenibile in ambito telematico – ove svolgere almeno le riunioni deliberative del lodo.

Contro tale tesi si obiettava, fondatamente, che l’individuazione della sede era esclusivamente funzionale a determinare il Foro competente per risolvere le questioni connesse con l’arbitrato (ad esempio, per decidere sulla ricusazione degli arbitri o sull’impugnazione del lodo) e che, dunque, fosse possibile svolgere il procedimento anche con modalità telematiche, salvo il rispetto delle prescrizioni formali in materia di pronuncia del lodo[7] (su cui si tornerà nel prosieguo).

Qualsiasi dubbio, peraltro, si deve intendere dissipato alla luce della vigente normativa che, per un verso, non impone più la riunione personale degli arbitri ai fini della pronuncia del lodo e, per altro verso, ha anche reso meno cogente l’obbligo di indicare una sede arbitrale, individuando nell’art. 816, C.p.c., chiari criteri suppletivi in caso di inerzia delle parti e degli arbitri[8].

La norma stessa, inoltre, oggi espressamente stabilisce che, in difetto di espressa previsione del patto compromissorio, udienze, atti istruttori, deliberazioni e sottoscrizioni dei provvedimenti arbitrali possano intervenire in luoghi differenti dalla sede.

Viene dunque espressamente confermata l’assenza di qualsivoglia necessità di determinare una sede fisica per lo svolgimento della procedura arbitrale, rendendo così pienamente legittimo lo svolgimento di procedimenti arbitrali interamente informatizzati, nei quali le udienze siano tenute “a distanza” ed atti e provvedimenti vengano scambiati esclusivamente con modalità informatiche.

Non è un caso, pertanto, che numerosi organismi arbitrali privati si siano muniti di forme di arbitrato online, soprattutto per quelle ipotesi in cui l’arbitrato sia fondato prevalentemente su documenti e richieda attività istruttorie semplificate[9]. Il tutto in conformità all’esperienza internazionale, che già da tempo conosce forme di arbitrato esclusivamente online, quali l’Expedited arbitration previsto dal WIPO – World Intellectual Property Organization per dirimere le liti relative ai nomi di dominio[10].

Validità lodo telematico: basta sottoscriverlo in digitale

Se è vero che, alla luce della vigente disciplina, non sembrano sussistere ostacoli allo svolgimento di un procedimento arbitrale completamente informatizzato, occorre ora verificare se le medesime considerazioni si possano applicare al lodo arbitrale, ossia se la pronuncia arbitrale possa avere esclusivamente formato telematico o necessiti, per la sua validità, di una copia cartacea.

Se è vero, infatti, che l’art. 823 C.p.c. consente agli arbitri di deliberare anche “a distanza”, non è chiaro se essi debbano comunque sottoscriverne di pugno un originale cartaceo del lodo.

Il dubbio potrebbe insorgere, quantomeno per l’arbitrato rituale, giacché l’art. 824 C.p.c. prescrive che gli arbitri predispongano almeno un originale del lodo e lo comunichino alle parti; il che potrebbe indurre a ritenere la necessità di avere quantomeno un originale “fisico” della pronuncia arbitrale.

Mi sembra peraltro che, anche in questa ipotesi, i dubbi siano più ipotetici che reali. Ed infatti, anche in questo caso sembra soccorrere l’art. 20, comma 1 bis, C.A.D., che parrebbe conferire piena validità ed efficacia anche al lodo sottoscritto digitalmente, con firma qualificata, ad opera degli arbitri, essendo tale lodo immodificabile e inequivocabilmente riconducibile agli arbitri che lo hanno sottoscritto.

Ai fini della comunicazione, peraltro, il lodo così formato potrebbe essere messo a disposizione delle parti sia sulla piattaforma telematica eventualmente impiegata per lo svolgimento del procedimento arbitrale, oppure – per ragioni di maggiore certezza – comunicato a mezzo PEC alle stesse.

Il medesimo documento informatico contenente il lodo, poi, potrebbe agevolmente essere depositato telematicamente presso il Tribunale competente ad omologarlo, ad opera della parte che abbia interesse a portarlo ad esecuzione, come previsto dall’art. 825 C.p.c.

Sicché, anche sotto questo profilo, non paiono sussistere ostacoli alla redazione di un lodo che, al pari delle sentenze, sia redatto esclusivamente sotto forma di documento informatico e sia comunicato alle parti con modalità telematiche.

Vantaggi e criticità dell’arbitrato telematico

Alla luce della vigente disciplina sembra dunque possibile prevedere che l’arbitrato si svolga con modalità integralmente telematiche, dalla sottoscrizione della convenzione arbitrale all’emanazione del lodo.

Si tratta, anzi, di una fattispecie che potrebbe dare nuovo slancio allo strumento arbitrale, giacché presenterebbe il duplice vantaggio di: ridurre i tempi morti giocoforza necessari per organizzare riunioni arbitrali in presenza (soprattutto nell’ipotesi in cui l’arbitrato si svolga fra più parti); e di adattarsi particolarmente bene ai casi di controversie internazionali, consentendo lo svolgimento dell’arbitrato mediante l’accesso a piattaforme telematiche facilmente raggiungibili da tutti i litiganti, a prescindere dalla loro nazionalità e sede.

Se questi sono gli indubbi vantaggi di un arbitrato telematico, è anche vero che lo stesso potrebbe prestare il fianco ad alcune criticità, quantomeno in merito alla certezza in merito alla provenienza degli atti, nonché alla riservatezza e sicurezza degli stessi.

Quanto al primo profilo, che si declina nella garanzia della riconducibilità degli atti alle parti o agli arbitri che li hanno sottoscritti, mi pare che gli strumenti informatici comunemente in uso anche nel processo telematico – vale a dire firma digitale “qualificata” e PEC – possano essere sufficienti a garantire tanto la provenienza, quanto l’immodificabilità degli atti e dei documenti trasmessi dalle parti.

Relativamente ai profili di riservatezza e sicurezza dei dati, soprattutto ove l’arbitrato venga svolto su piattaforma telematica ad hoc, ritengo che i presidi minimi debbano consistere nella predisposizione di ambienti protetti e criptati, sui quali far confluire gli atti e i documenti procedurali, in modo da assicurarne l’accesso solo a chi sia munito delle chiavi d’accesso a tali ambienti.

Un ulteriore elemento di certezza, inoltre, potrebbe essere costituito dall’impiego di tecnologie di blockchain che possano registrare il deposito degli atti e dei documenti procedimentali e garantirne l’immodificabilità nel tempo[11]. Le modalità di implementazione di tale tecnologia nell’ambito della procedura arbitrale, tuttavia, sono ancora da esplorare, sicché – allo stato – non è ancora possibile prevedere in quale modo possano evolvere, e a quali risultati possano condurre, i rapporti tra blockchain e arbitrato telematico.

_______________________________________________________________________

Note

  1. I quali si riferiscono, rispettivamente, al “compromesso”, ossia l’accordo a deferire in arbitrato una lite già insorta fra le parti; alla “clausola compromissoria”, vale a dire la clausola contrattuale diretta a sottoporre alla giurisdizione arbitrale, in tutto o in parte, le liti relative al contratto a cui essa si riferisce; la “convenzione di arbitrato in materia non contrattuale”, mediante la quale le parti possono stabilire di far decidere controversie future relative a rapporti non contrattuali determinati.
  2. Mentre qualche dubbio si potrebbe avere nell’ipotesi dell’accordo arbitrale trasmesso semplicemente via e-mail non certificata. Sul punto, v. Zucconi Galli Fonseca, “La convenzione d’arbitrato”, in “L’arbitrato”, a cura di Salvaneschi e Graziosi, Milano 2020, 133, la quale condivisibilmente reputa che sia rimessa alla discrezionalità del giudice ogni valutazione in merito a validità ed efficacia del patto compromissorio concluso via e-mail.
  3. Laddove, invece, la convenzione arbitrale non sia stata sottoscritta con firma digitale “forte”, ma con altri segni grafici (ad esempio, apponendo un’immagine della firma dei litiganti), l’idoneità ad integrare la forma scritta ed il valore probatorio della convenzione stessa saranno liberamente valutabili dal giudicante (cfr. art. 20, comma 1 bis, C.A.D.).
  4. Per analoghe riflessioni, v. Guadalupi, “L’arbitrato telematico”, in “Il diritto dell’arbitrato: Disciplina comune e regimi speciali”, a cura di M. Rubino-Sammartano, Padova 2010, I, 1659 s.
  5. Cfr. Danovi, “Arbitrato on line”, in Arbitrato, ADR conciliazione, opera diretta da Rubino-Sammartano, Padova, 2009, 452.
  6. Nello stesso senso, Danovi, Op. cit., 454.
  7. Per una ricostruzione del dibattito, v. Sarzana Di Ippolito, “L’arbitrato nelle reti telematiche e il commercio elettronico: un rapido strumento di risoluzione delle controversie sorte nella ‘Rete delle reti’”, in Documento informatico, firma digitale e commercio elettronico, Napoli 2000, 274 ss.
  8. La norma prevede, infatti, che ove le parti o gli arbitri non indichino la sede dell’arbitrato, questa vada individuata nel luogo di sottoscrizione della convenzione d’arbitrato oppure, ove questa non sia stata stipulata sul territorio nazionale, in Roma.
  9. Si veda, ad esempio, il Regolamento arbitrale per “arbitrato semplificato” previsto dalla Camera Arbitrale di Milano, disponibile al sito www.camera-arbitrale.it.
  10. Su cui v. succintamente Sarzana Di Ippolito, Op. cit., p. 280. Il regolamento arbitrale del WIPO è visibile al link: https://www.wipo.int/amc/en/arbitration/expedited-rules
  11. Per spunti in tal senso v. Trevisan, “Arbitrato telematico e intelligenza artificiale, la nuova frontiera”, in www.studiomainini.com, da leggere anche per ulteriori riflessioni e riferimenti.

17 novembre, milano
Spalanca le porte all’innovazione digitale! Partecipa a MADE IN DIGItaly
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4