Lo scenario

Lotta ai furbetti del Fisco, l’Agenzia delle entrate punta su banche dati e servizi online semplici: ecco come

Per prevenire e contrastare il fenomeno dell’evasione fiscale, l’Agenzia delle entrate ha intrapreso due indirizzi operativi, uno che contempla l’impiego delle banche dati e l’altro che punta a semplificare i servizi online dell’amministrazione: vediamo i dettagli

22 Giu 2022
Alessandro Mastromatteo

Avvocato, Studio Legale Tributario Santacroce & Partners

scene-gb155b5cc1_1920

L’Agenzia delle entrate per le azioni di prevenzione e contrasto all’evasione fiscale punta al potenziamento delle infrastrutture tecnologiche e degli algoritmi di selezione dei contribuenti da accertare, incrementando l’interoperabilità delle banche dati con le informazioni ritraibili dai flussi informativi con l’estero, da quelli della fatturazione elettronica integrati con quelli generati dalla trasmissione telematica dei corrispettivi relativi alle transazioni verso i consumatori finali.

Parallelamente, si provvederà a semplificare gli adempimenti fiscali e a favorire la tax compliance, sviluppando nuovi servizi telematici on-line più semplici e intuitivi, riducendo progressivamente la necessità di recarsi fisicamente presso gli Uffici dell’amministrazione finanziaria. Queste due architravi operative che caratterizzeranno gli indirizzi operativi e le linee guida, per il 2022, seguiti dall’Agenzia delle entrate sono stati evidenziati nella circolare n. 21/E del 20 giugno 2022.

Decreto Semplificazioni fiscali, cosa cambia: esterometro, fattura elettronica e bollo, le novità

Caccia ai furbetti, cosa dice la circolare dell’Agenzia delle entrate

La circolare è un documento di prassi di assoluto interesse perché permette a contribuenti e consulenti di comprendere quali saranno le aree maggiormente controllate ai fini dell’accertamento e quali gli strumenti utilizzati con finalità preventiva e di contrasto.

WHITEPAPER
IoT e MES: quanto ne sai? Approfondisci le tecnologie per un futuro data-driven
ERP
IoT

Da rilevare infine che le direttrici di intervento individuate dall’Agenzia delle entrate sono coerenti con quanto richiesto dal PNRR per la riduzione del tax gap, da perseguire da un lato rafforzando i meccanismi di incentivazione alla compliance basati sull’invio delle comunicazioni ai contribuenti e, dall’altro, potenziando l’attività di controllo, aumentandone l’efficacia, anche mediante una migliore selezione preventiva delle posizioni da sottoporre ad accertamento.

Utilizzo delle banche dati

Per potenziare l’attività di controllo anti-evasione, uno degli strumenti cui le Entrate intendono con sempre maggiore efficacia e frequenza valersi risiede nell’utilizzo delle informazioni ritraibili da banche dati, al fine di migliorare la selezione dei contribuenti oggetto di verifica. La strategia del controllo viene infatti caratterizzata, con riguardo ai grandi contribuenti, dal potenziamento delle modalità di individuazione delle forme più insidiose di frodi ed evasioni, attraverso la selezione più puntuale delle posizioni da assoggettare a controllo. Si tratta delle attività di analisi del rischio e selezione, strutturate in ragione di due variabili principali: da un lato l’individuazione dei soggetti che presentano un maggior rischio fiscale, dall’altro la selezione di coloro che non hanno comportamenti collaborativi e trasparenti.

Quanto invece alle imprese di medie e piccole dimensioni, si incrementeranno, anche nell’ottica di dare attuazione al PNRR, le attività di supporto ai fini del corretto adempimento degli obblighi fiscali.

Le comunicazioni preventive

Sono stati così affinati gli strumenti che permettono di inviare comunicazioni ai contribuenti le quali, tramite gli incroci centralizzati basati sull’utilizzo dei dati delle fatture elettroniche e dei corrispettivi telematici, individuano potenziali maggiori imponibili da sottoporre a tassazione.

Tali comunicazioni preventive consentono al contribuente di regolarizzare la propria posizione attraverso il ricorso all’istituto del ravvedimento operoso. In particolare, le comunicazioni saranno innanzitutto trasmesse a coloro che, in base ai dati delle fatture elettroniche, dell’esterometro e dei corrispettivi telematici, non risultino ancora aver presentato la dichiarazione, ovvero l’abbiano presentata con dati incompleti, stimolando così il corretto adempimento dichiarativo. Nel quarto trimestre dell’anno, l’invio di analoghe comunicazioni sarà destinato ai soggetti che non risultino aver presentato le comunicazioni delle liquidazioni periodiche IVA per i primi trimestri del 2022. Nel mese di aprile 2022 sono state inviate comunicazioni a coloro che presentano potenziali infedeltà dichiarative in materia di IVA per l’annualità d’imposta 2018. Nel terzo trimestre del 2022 è previsto inoltre l’invio di comunicazioni ai contribuenti che risultino aver dichiarato, nella dichiarazione annuale IVA per l’annualità d’imposta 2019, un ammontare di IVA portata in detrazione superiore a quello ricostruito dai dati desunti dalla fatturazione elettronica e, se presenti, dalle bollette doganali di importazione.

È inoltre previsto, nel quarto trimestre del 2022, l’invio di comunicazioni ai contribuenti per i quali sono state riscontrate anomalie in fase di registrazione degli aiuti individuali nel Registro Nazionale aiuti di Stato. E’ chiara ed evidente la strategia del fisco, di incrociare i dati disponibili sollecitando i contribuenti a regolarizzare la propria posizione fiscale e attivando eventuali attività di verifica e controllo.

Verso servizi on-line più semplici

La seconda direttrice di intervento ai fini del contrasto all’evasione, funzionale soprattutto a favorire la compliance, consiste nella previsione di servizi on-line nuovi ovvero nel potenziamento di quelli esistenti così da ridurre progressivamente l’esigenza di recarsi presso gli uffici. È stato per questo previsto un nuovo modello di accoglienza: nel 2021, oltre allo sviluppo di nuovi servizi web, è stata completata l’adozione del nuovo modello di accoglienza dell’utenza secondo il quale gli Uffici ricevono per accesso programmato. Gli utenti accedono in Ufficio solo se effettivamente necessario e, comunque, dopo aver prenotato un appuntamento o un web ticket, ottenendo il servizio desiderato, all’orario concordato e senza generare code.

I contribuenti possono prenotare gli appuntamenti online, direttamente dalla home page del sito Internet, tramite il numero verde (servizio automatico) o, tramite smartphone con l’apposita App. Con riguardo al modello di accoglienza, si caratterizza non solo per l’accesso programmato all’orario concordato e senza code, ma anche per il nuovo servizio di video-call, che consente di dialogare con un esperto dell’Agenzia direttamente dal proprio smartphone, tablet o pc. In quest’ottica, i servizi “agili”, ovvero quelli erogati via email o pec, messi in campo durante il periodo dell’emergenza epidemiologica, saranno gradualmente rimpiazzati da servizi online e videocall. È infine pienamente operativo l’applicativo “Consegna documenti e istanze”, che consente di inviare documentazione agli uffici dell’Agenzia via internet, in maniera semplice e veloce tramite un canale aperto h24.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4