Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

garante tedesco

Privacy a rischio con l’assistente vocale Google: stop ad ascolto utenti Ue per tre mesi

In un comunicato del primo agosto, il Garante privacy tedesco ha dichiarato che la Germania sta indagando sull’assistente vocale di Google. Quest’ultimo, dal canto suo, interromperà l’ascolto e la trascrizione delle registrazioni per almeno tre mesi in tutta l’Ue, mentre il regolatore esamina il caso

02 Ago 2019

Nicola Vanin

Data Governance and Information security Senior manager TIM


L’autorità tedesca ha ordinato a Google di interrompere la raccolta dei dati degli smart speaker intelligenti.

La richiesta arriva dopo che il colosso americano ha confermato che alcuni dei suoi dipendenti avevano ascoltato le conversazioni delle persone senza il loro consenso.

In un comunicato rilasciato il primo agosto, il commissario tedesco per la protezione dei dati ha dichiarato che la Germania sta indagando sull’assistente vocale di Google, basato sull’intelligenza artificiale.

Stop ad ascolto e trascrizione delle registrazioni

“L’uso di assistenti vocali automatici di fornitori come Google, Apple e Amazon si sta dimostrando altamente rischioso per la privacy delle persone colpite”, afferma il commissario tedesco, indicando preoccupazioni per la privacy non solo dei proprietari di dispositivi, ma anche delle persone che fanno loro visita.

Google, secondo la dichiarazione, interromperà la pratica dell’ascolto e della trascrizione delle registrazioni per almeno tre mesi in tutta l’Unione europea, mentre il regolatore esamina il problema.

“L’uso dei sistemi di assistenza linguistica nell’UE deve essere conforme ai requisiti di protezione dei dati previsti dal GDPR”, ha dichiarato Johannes Caspar, commissario di Amburgo per la protezione dei dati e la libertà di informazione.

“Nel caso dell’Assistente Google, ci sono attualmente dubbi significativi”.

L’art. 22 del GDPR

Va detto che non vi è alcuna menzione esplicita di altoparlanti intelligenti nella documentazione GDPR.

Tuttavia, l’intelligenza artificiale è indirizzata in una certa misura all’articolo 22 (“Processo decisionale individuale automatizzato, compresa la profilazione”), che dice:

“L’interessato ha diritto di non essere soggetto a una decisione basata esclusivamente sul trattamento automatizzato, compresa la profilazione, che produce effetti legali che lo riguardano o che influiscono in modo significativo anche su di lui (a meno che non sia fornito il consenso esplicito).”

La maggior parte delle tecnologie di intelligenza artificiale rivolte al consumatore, compresi altoparlanti intelligenti e auto a guida autonoma, richiederà un consenso esplicito all’adesione.

Attualmente non c’è chiarezza su ciò che sarà specificamente richiesto dai produttori di smart speaker intelligenti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4