intelligenza artificiale

Dramma OpenAI, che significa per il futuro dell’IA



Indirizzo copiato

Lo scontro interno a OpenAI cambia i rapporti di forza nell’IA, favorendo Microsoft. Ma anche mette a nudole contraddizioni di una rivoluzione pressata tra la necessità di accelerare e quello di farlo in modo sicuro; tra esigenze profit e mire benefiche

Pubblicato il 21 nov 2023

Alessandro Longo

Direttore agendadigitale.eu

Andrea Viliotti

Innovation Strategist



openai_microsoft

Che sarà di OpenAi e dello sviluppo dell‘intelligenza artificiale in genere, ora che tutto è nella tempesta? Sembra che ogni eventualità sia possibile, ora che quasi tutti i dipendenti minacciano di andare da Microsoft, il suo ex ceo e figura di spicco nel settore Sam Altman ci è già andato, con l’ex presidente di OpenAi.

All’interno di quella che sembra essere una OpenAi in miniatura – unit per advanced AI – creata dall’oggi al domani da Microsoft, per proteggere il suo investimento – 13 miliardi di dollari in questi asset.

3 lezioni (per tutti!) da imparare da OpenAI

Da cui dipende anche il suo futuro.

La collaborazione, ora più intricata, con Microsoft e la dipendenza tecnologica che ne consegue, ridefiniscono i contorni di un’industria in continua evoluzione. Esploriamo le dinamiche interne di OpenAI, il ruolo cruciale di Microsoft e il futuro incerto dell’AI, ponendo una lente di ingrandimento sul tipo di governance che tali aziende innovative richiedono per navigare in un panorama tecnologico sempre più complesso e interconnesso.

La rivolta all’interno di OpenAI

Il recente tumulto in OpenAI, una delle principali aziende nel campo dell’intelligenza artificiale, ha rivelato non solo tensioni interne ma anche sfide strategiche e di governance all’interno del settore dell’AI, tra la natura profit e quella non-profit; tra il bisogno di accelerare e quello di essere safe e affidabili, per la tutela dai rischi dell’IA.

Un’insurrezione di proporzioni mai viste ha coinvolto più di 730 dei circa 770 dipendenti di OpenAI, compreso il Chief Scientist Ilya Sutskever, che hanno espresso il loro dissenso firmando una lettera aperta e minacciando di dimettersi. Questo movimento di protesta è stato scatenato dal licenziamento del CEO Sam Altman e dalla rimozione di Greg Brockman dal consiglio di amministrazione, eventi che i dipendenti hanno percepito come dannosi per l’etica e la missione aziendale​​​​.

Il consiglio di OpenAI ha rimosso Altman sostenendo problemi di sincerità nelle sue comunicazioni, una decisione che ha alimentato ulteriormente le tensioni. Il coinvolgimento di Sutskever (poi come si vede pentitosi), non solo come Chief Scientist ma anche come membro del consiglio di amministrazione accusato di aver orchestrato il colpo di stato contro Altman, ha aggiunto un ulteriore livello di complessità alla situazione​​.

Microsoft interviene

L’intervento di Microsoft, attraverso il suo CEO Satya Nadella, ha rappresentato una svolta significativa. Nadella ha annunciato che Altman e Brockman si sarebbero uniti a Microsoft per guidare una nuova unità di ricerca avanzata sull’AI, offrendo anche opportunità di lavoro ai dipendenti OpenAI. Questa mossa ha suggerito una potenziale acquisizione di fatto di OpenAI da parte di Microsoft, con un trasferimento di competenze e risorse che potrebbe riplasmare il panorama dell’AI​​.

La reazione del personale di OpenAI a queste dinamiche è stata marcata da frustrazione e incertezza. Molti dipendenti si sono sentiti lasciati nel buio riguardo alle decisioni prese dal consiglio e hanno manifestato la loro delusione e la volontà di seguire Altman e Brockman in Microsoft. Questa situazione ha portato a un rapido rimpasto della leadership in OpenAI, con l’incarico di CEO ad interim assegnato a Emmett Shear, ex CEO di Twitch. Questi sviluppi hanno sollevato domande importanti sulla comunicazione interna, la fiducia e la cultura aziendale all’interno di OpenAI​​.

Le tensioni interne, le manovre strategiche e i cambiamenti di leadership hanno implicazioni profonde sia per il futuro di OpenAI che per la direzione complessiva del settore. La capacità di OpenAI di mantenere la sua posizione di leadership nel campo dell’AI e la sua stabilità interna sono ora questioni di interesse primario. La perdita di personale chiave e l’eventuale esodo verso Microsoft potrebbero rallentare significativamente i progressi nel campo dell’intelligenza artificiale, sollevando interrogativi su come queste dinamiche influenzeranno il futuro dell’industria​​.

Le questioni di Governance in OpenAI

La situazione attuale di OpenAI evidenzia le peculiarità della sua struttura organizzativa, distinguendosi dalle convenzionali startup nel campo dell’IA. Il consiglio di amministrazione include personalità di spicco come Ilya Sutskever, ricercatore di fama mondiale in apprendimento profondo e co-fondatore di OpenAI; Adam D’Angelo, noto per aver fondato Quora e per essere stato CTO di Facebook; Tasha McCauley, CEO di GeoSim Systems e figura chiave nel settore della robotica; e Helen Toner, Direttrice della Strategia presso il Center for Security and Emerging Technology. Questa composizione riflette una varietà di esperienze e competenze, oltre a un notevole accumulo di potere.

La transizione di OpenAI da un’organizzazione no-profit a una società “a profitto limitato” nel 2019 ha mantenuto una struttura di governance atipica. Questa struttura, limitando i rendimenti degli investitori e ponendo l’accento sulla missione di raggiungere l’AGI (Artificial General Intelligence) affidabile e sicura, piuttosto che sulla generazione di profitto, ha delineato un percorso distinto per l’azienda. Gli investitori, accettando di aderire a questa missione, hanno implicitamente riconosciuto la priorità degli obiettivi umanistici di OpenAI sulla generazione di profitto​​.

Questa configurazione è stata ispirata dall’altruismo efficace, un movimento filosofico e sociale che sostiene l’uso dell’evidenza e della ragione per capire come beneficiare gli altri il più possibile, e agire su questa base”. Il timore è che un’AGI alimentata dal profitto possa essere dannosa l’umanità.

Di qui l’obiettivo di separare nettamente gli sforzi profittevoli dell’azienda dai suoi obiettivi più ambiziosi e umanistici.

Al tempo stesso, OpenAI sotto Altman si è resa conto che non era possibile agire in modo non-profit se aveva bisogno di miliardi a fondo perduto per funzionare. Così è nato il “mostro” unico: una società for profit controllata da una società (e da un board) non-profit.

Alcuni chiamano OpenAi l’inceneritore di dollari. Prima di andarsene Altman stava appunto per chiedere a Microsoft altri soldi da buttare in questo inceneritore.

La contraddizione è venuta al pettine quando consiglio ha esercitato il suo potere in modi inaspettati anche se previsti dalla struttura societaria, causando tensioni sia tra gli investitori che tra i dipendenti. La recente crisi ha dimostrato che, mentre questa struttura unica potrebbe aver fornito una chiara direzione mission-driven, ha anche portato a sfide inattese, comprese quelle relative alla fiducia e alla trasparenza​​.

La situazione di OpenAI evidenzia una tensione fondamentale nel settore dell’AI: come bilanciare gli obiettivi umanistici e di lungo termine con le esigenze commerciali e di breve termine. Altman aveva cercato questo equilibrio, dichiarandosi ottimista sul valore dell’IA pur consapevole dei rischi. Ottimismo che non è risultato gradito ad alcuni del board. Shearman risulta, da dichiarazioni fatte, più pessimista.

La struttura di governance di OpenAI, pur essendo unica, potrebbe non essere completamente attrezzata per gestire le dinamiche di un’industria in rapida evoluzione e altamente competitiva. Le decisioni prese dal consiglio di OpenAI e le sue risposte alle sfide interne avranno un impatto duraturo non solo sull’azienda stessa, ma anche sullo sviluppo complessivo del settore dell’intelligenza artificiale.

Microsoft e gli altri

Il ruolo di Microsoft nelle recenti vicende di OpenAI è cruciale. L’annuncio di Satya Nadella, CEO di Microsoft, dell’assunzione di Altman e Brockman per guidare una nuova divisione di ricerca sull’AI ha segnato un punto di svolta strategico. Microsoft, che ha investito $13 miliardi in OpenAI, ora potrebbe sfruttare gli sviluppi dell’AI di OpenAI per potenziare i propri prodotti, beneficiando a breve termine dell’esperienza di OpenAI mentre costruisce nuovi modelli di AI proprietari a lungo termine​​.

Ci può essere un ulteriore accentramento di questa rivoluzione nelle mani di una big tech, tema già analizzato dall’antitrust USA (Ftc) in base al recente executive order del presidente Joe Biden.

La recente evoluzione della situazione ha portato OpenAI, riconosciuta come pioniera nel campo dell’intelligenza artificiale con creazioni innovative quali ChatGPT e il modello GPT-4, a un punto di svolta dove la sua indipendenza sembra quindi essere minacciata dalla crescente influenza di Microsoft, dalla cui potenza di calcolo in cloud e soldi già in effetti in larga parte dipendeva.

Questo cambiamento, accentuato dalla partenza di figure di spicco della leadership e dal potenziale esodo di numerosi membri del team, nonché da un calo del morale interno, lascia in sospeso il destino di OpenAI, sollevando interrogativi sulle sue prospettive future e sulla capacità di mantenere lo stesso livello di innovazione.

La dinamica tra OpenAI e Microsoft evidenzia anche le complesse relazioni tra grandi corporazioni e startup innovative nel settore dell’AI. Mentre gli investitori e i capitalisti di rischio che hanno sostenuto OpenAI potrebbero subire perdite, Microsoft si posiziona come un potenziale vincitore, rafforzando la propria presenza nel campo dell’AI e attirando talenti da OpenAI​​.

Le conseguenze per i concorrenti di OpenAI sono ancora da definire. Da una parte, società come Google, Anthropic e Meta potrebbero beneficiare di una posizione meno dominante di OpenAI, avendo l’opportunità di guadagnare terreno o di ingaggiare talenti chiave. D’altro canto, si trovano ad affrontare una Microsoft potenziata nel settore dello sviluppo dell’intelligenza artificiale, libera dalle restrizioni di una struttura di governance senza scopo di lucro come quella di OpenAI, il che potrebbe permetterle di agire con maggiore rapidità.

Scenari futuri per OpenAI e l’IA

L’attuale scenario potrebbe proiettare Microsoft in una posizione di rilievo, offrendole l’opportunità di diventare un punto di riferimento nell’innovazione in campo di intelligenza artificiale. Questa prospettiva è supportata non solo dalle significative risorse economiche di Microsoft, ma anche dalle sue eccezionali competenze tecnologiche e infrastrutturali, indispensabili per il progresso nell’ambito dell’AI.

In contrasto, le turbolenze interne di OpenAI, caratterizzate da una leadership incerta e da strategie in continua evoluzione, potrebbero tradursi in un rallentamento nel progresso delle nuove tecnologie AI.

Questo scenario lascia un vuoto che potrebbe essere colmato da altri giganti tecnologici come Google e Meta, permettendo loro di recuperare il terreno perduto rispetto ai progressi di OpenAI. Allo stesso tempo, il trasferimento di competenze e personale da OpenAI a Microsoft introduce nuove e intricate variabili nel contesto competitivo, complicando ulteriormente il quadro per tutti i principali protagonisti del settore.

La situazione di OpenAI rappresenta un caso di studio interessante in termini di gestione aziendale e innovazione tecnologica. La rimozione di Altman e la risposta dei dipendenti, molti dei quali pronti a seguirlo nel suo nuovo progetto presso Microsoft, evidenziano l’importanza della leadership e della fiducia all’interno delle organizzazioni tecnologiche.

Questi eventi sollevano interrogativi significativi sul futuro di OpenAI e sul suo ruolo nel settore dell’intelligenza artificiale.

  • Come reagiranno gli investitori e gli stakeholder a questa nuova dinamica?
  • Quali saranno le strategie di OpenAI per mantenere la sua posizione di leader nel campo dell’AI?
  • E come influenzeranno questi eventi l’innovazione e la concorrenza nel più ampio ecosistema dell’intelligenza artificiale?

Mentre il settore dell’intelligenza artificiale continua a evolversi a un ritmo frenetico, gli sviluppi in OpenAI offrono un esempio emblematico di come i cambiamenti all’interno di un’azienda leader possano avere un impatto significativo sul panorama tecnologico globale. Sarà fondamentale tenere d’occhio come queste dinamiche si svilupperanno nei prossimi mesi e anni, poiché potrebbero definire il corso futuro dell’innovazione nell’intelligenza artificiale.

La crisi in OpenAI evidenzia non solo le tensioni interne ma anche le sfide più ampie nell’industria dell’AI. Mentre Microsoft emerge come un attore chiave, questioni di etica e sicurezza nell’AI rimangono aperte. Il futuro di OpenAI, profondamente legato a Microsoft, solleva dubbi sulla sua autonomia e indipendenza. Questa situazione sottolinea l’importanza di una governance adeguata in aziende innovative come OpenAI.

Le aziende all’avanguardia nell’AI necessitano di una struttura di governance che bilanci l’innovazione con la responsabilità etica. Una governance efficace deve includere trasparenza, responsabilità e un orientamento etico che va oltre la mera ricerca del profitto. Inoltre, deve essere flessibile per adattarsi a cambiamenti rapidi e imprevedibili nel campo tecnologico, garantendo al contempo che le decisioni prese siano nel miglior interesse non solo dell’azienda ma anche della società nel suo complesso.

In conclusione, il futuro di OpenAI e il suo impatto sul campo dell’AI rimangono incerti, con potenziali ripercussioni significative per il settore tecnologico nel suo complesso. La risposta di OpenAI a queste sfide di governance determinerà la sua traiettoria futura e quella dell’intero settore

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4