la lettura

Ecosistemi digitali e imprese: come coltivare la cultura dell’innovazione



Indirizzo copiato

Gli ecosistemi digitali sono una leva e un’occasione di innovazione sistemica che bisogna imparare a gestire. Vediamo come, in questo estratto di “Alla ricerca del buon management – Esperienze e metodi per una cultura dell’innovazione” di Alfonso Fuggetta

Pubblicato il 25 mar 2024

Alfonso Fuggetta

AD e direttore scientifico del Cefriel e professore ordinario di Informatica al PoliMI



Ecosistemi digitali: come rendere città e territori smart e sostenibili
Ecosistemi digitali: come rendere città e territori smart e sostenibili

Oggi si parla molto di ecosistemi digitali e di economie e modelli di business basati su piattaforme (da qui l’espressione platform economy). In effetti, si tratta di innovazioni tecnologiche e soprattutto organizzative e di business che sempre più hanno e avranno un impatto profondo sulle imprese, sull’economia e sulla società nel suo complesso. Per parlarne, è utile rivedere un po’ la cronistoria di quanto è stato fatto in Cefriel perché spiega, da un lato, l’evoluzione nel tempo di questi concetti e, dall’altro, sottolinea alcune importanti dinamiche dei processi di innovazione.  Prima però qualche semplice definizione.

Cos’è un ecosistema digitale

Un ecosistema è in senso generale un insieme di attori e fattori ambientali che coesistono e interagiscono in modo da creare un ambiente aperto e dinamico che permane nel tempo. Questo termine nasce nelle scienze biologiche ed è stato applicato in campo digitale per indicare una comunità di soggetti che collaborano e si sviluppano grazie ad interazioni digitali. Gli ecosistemi digitali hanno dato origine a modelli di business spesso identificati con l’espressione platform economy, studiata ormai da molti anni a cominciare dal lavoro di Michael Cusumano al MIT.

Fin dagli anni 2000, Cefriel partecipò a iniziative di ricerca su quelle che si chiamavano Service Oriented Architecture. Questa espressione si fonda sulla valorizzazione di componenti tecnologiche (per semplificare, ciò che oggi chiamiamo API, Application Programming Interface) che permettono a sistemi informatici distribuiti di interagire scambiandosi informazioni e servizi, cioè «parlare tra di loro, dialogare».

Per esempio, servono per far dialogare un operatore dei trasporti su gomma con un altro operatore che si occupa di spedizioni aeree per concordare come un pacco debba essere gestito; oppure, possono essere utilizzate per far interagire in modo diretto e digitale un comune (o l’Agenzia delle Entrate) che, in campo medico, voglia autorizzare un’azienda sanitaria a fornire in modo gratuito un servizio a un cittadino. Nel tempo,

queste attività di ricerca studiarono ed approfondirono non solo gli aspetti tecnologici dell’interazione, ma anche e soprattutto i metodi e i modelli di progettazione, sviluppo, gestione e valorizzazione economica dei sistemi costruiti secondo questo paradigma.

Ecosistemi digitali e platform economy: il caso di EO15

Nel 2009, Cefriel propose a Confindustria, a Confcommercio e alla società Expo 2015 di applicare i concetti di ecosistema digitale e platform economy allo sviluppo di una infrastruttura e, soprattutto, di un paradigma di collaborazione tra tutti gli attori che stavano partecipando, in varie forme, alla organizzazione di Expo 2015. Nel 2010 fu firmata la convenzione3 che segnò la nascita ufficiale di E015, oggi un servizio di Regione Lombardia. E015 è uno dei primi casi di ecosistema digitale aperto che abilita la collaborazione di soggetti pubblici e privati. È citato come best practice sia dal NIST che dall’Unione europea. Di fatto, E015 fu per Cefriel il progetto pilota per applicare su scala industriale le idee sviluppate a livello di ricerca anni addietro.

Nello specifico, E015 definisce standard, regole e componenti tecnologiche per abilitare una molteplicità di soggetti economici e istituzionali ad interagire e cooperare in un ecosistema digitale aperto e paritario. L’interazione è peer-to-peer, avviene cioè in modo diretto tra i diversi soggetti. Esiste un unico punto di accesso centralizzato che è il catalogo dei prodotti digitali (le API in particolare) che ciascun soggetto mette a disposizione degli altri partecipanti all’ecosistema. Il modello di collaborazione è quello della coopetition: si collabora nella definizione delle regole comuni; si compete negli aspetti di mercato e di fornitura di specifici servizi. Ogni attore dell’ecosistema definisce in quale modo i propri servizi e asset digitali devono essere offerti agli altri partecipanti all’ecosistema (costo, gestione della proprietà intellettuale, livelli di servizio ecc.).

Il toolkit Cefriel per gli ecosistemi digitali

[…] Per facilitare lo sviluppo di ecosistemi digitali secondo questo modello, Cefriel ha negli anni consolidato un toolkit (Digital Ecosystem Toolkit) che include componenti software riusabili, regole tecniche, best practice, esperienze maturate. È un toolkit non solo tecnologico, perché la vera sfida va ben oltre quella tecnologica e risiede nella logica che deve animare chi voglia costruire questo tipo di ecosistemi e nel consolidamento dei benefici organizzativi, economici e sociali che possono e devono derivare dall’adozione su larga scala di questo approccio. Sfruttando questo know-how, Cefriel ha sviluppato ecosistemi a diversi livelli: intranet, cioè all’interno di una stessa impresa; extranet, cioè all’interno di una filiera (come nel caso di Malpensa Cargo City o dell’ecosistema del distretto Mind di Milano); Internet, ovvero aperto a tutti i soggetti che rispettano le regole dell’ecosistema (il caso di E015).

Ecosistemi digitali e cloud: l’iniziativa europea Gaia-X

Recentemente, i principi e la logica degli ecosistemi digitali hanno trovato un luogo di valorizzazione e promozione a livello europeo e internazionale: Gaia-X. Questa iniziativa nasce proprio per promuovere su larga scala lo sviluppo e la valorizzazione dei principi degli ecosistemi digitali e del cloud.

In generale, oggi gli ecosistemi digitali e la platform economy costituiscono elementi irrinunciabili per imprese e amministrazioni pubbliche che vogliano creare nuovi e più evoluti modelli di servizio e di approccio al mercato e alla società nel suo complesso. Gli ecosistemi sono lo snodo attraverso il quale ottenere diversi benefici. In primo luogo, facilitano l’integrazione e la cooperazione tra diverse strutture all’interno della singola azienda. In secondo luogo, disaccoppiano il livello infrastrutturale e tecnologico (il reparto informatico in senso stretto dell’azienda) dalle unità di business che possono usare gli asset digitali dell’ecosistema per sviluppare in modo autonomo e agile le proprie soluzioni. In terzo luogo, gli ecosistemi digitali abilitano la cooperazione di soggetti all’interno di filiere, sia private (si pensi alle catene logistiche) sia pubbliche (la cooperazione tra le amministrazioni pubbliche del Paese). In senso lato, gli ecosistemi digitali creano la possibilità di riusare asset e disaccoppiare soggetti diversi, abilitandone la cooperazione e garantendone allo stesso tempo la piena autonomia.

L’importanza degli ecosistemi per uno sviluppo coordinato e strutturato

Da questa breve cronistoria emergono alcune considerazioni importanti:

gli ecosistemi digitali e la platform economy definiscono un paradigma centrale per le imprese e le filiere che vogliano svilupparsi e crescere nel moderno contesto competitivo, sviluppando nuove modalità di collaborazione B2B;

• l’esperienza fatta su questi temi dimostra ancora una volta che ci vuole tempo e molto lavoro per passare dalla ricerca all’innovazione. Idee sviluppate a livello di ricerca hanno bisogno di maturare per essere applicate nel concreto sia dal punto di vista tecnologico che metodologico-operativo che economico e di mercato;

• perché un ecosistema si sviluppi è necessario avere un fattore di convergenza o pivot (come nel caso di Expo 2015 o di leader di filiere che stanno realizzando ecosistemi produttivi e logistici) e incentivi che spingano i vari soggetti a partecipare.

Indubbiamente, per molti manager gli ecosistemi digitali sono una sfida e una minaccia. Gli ecosistemi digitali rompono silos organizzativi e tecnologici, abilitando la cooperazione orizzontale intra e inter-organizzazioni. Un sistema informatico non è più visto come un monolite, ma come un insieme di componenti in grado di interagire in modo coordinato e strutturato. In questo modo, è possibile che i diversi componenti possano essere sviluppati anche da fornitori diversi o da altri partner della filiera. Cambiano così le regole di business e della competizione e non solo quelle tecniche.

Ecosistemi digitali: cosa cambia per le imprese

Internamente all’impresa, il reparto IT (Information Technology) cambia ruolo e modalità di relazione con le altre strutture di business, passando dall’essere il geloso custode dei sistemi informatici all’abilitatore di un’informatica diffusa e comunque governata e quindi non soggetta al fenomeno dello shadow IT (cioè, le soluzioni informatiche sviluppate direttamente dalle unità di business quasi di nascosto o in contrapposizione con la struttura IT vera e propria).

Gli ecosistemi azzerano monopoli, consuetudini, approcci culturali e rendite di posizione. Al tempo stesso, sono una straordinaria leva di sviluppo specialmente per le piccole e medie imprese che possono finalmente dare sostanza e concretezza alla tanto abusata espressione «fare sistema», avendo a disposizione uno strumento per collegare processi e modelli di business tra aziende diverse. In questo modo possono «crescere» ed «espandersi» anche senza doversi fondere o essere acquisite da altre realtà più grandi.

Ecosistemi digitali e innovazione della PA

Similmente, gli ecosistemi digitali sono alla base dei processi di innovazione della pubblica amministrazione, in quanto abilitano la cooperazione tra amministrazioni diverse e quindi la fornitura di servizi a maggiore valore aggiunto per cittadini e imprese che non devono più girare per diversi uffici (ancorché digitali) per ottenere un servizio. Le pubbliche amministrazioni devono essere in grado di interoperare per risolvere i problemi dei cittadini senza nemmeno coinvolgerli: devono diventare «invisibili» ed essere presenti solo quando il cittadino e l’impresa hanno realmente bisogno del loro intervento. Inoltre, l’adozione di ecosistemi rende possibile per il pubblico concentrarsi maggiormente sulla gestione dei sistemi di back-end (archivi e basi di dati nazionali, processi di gestione nelle amministrazioni ecc.), lasciando ai privati la possibilità di costruire servizi per imprese e cittadini (frontend) che sfruttino al meglio (ancorché in modo controllato e regolato) i dati e le informazioni pubbliche insieme a quelle private.

Conclusioni

Siamo quindi in presenza di un paradigma (non si tratta «solo» di tecnologia!) che può avere un impatto estremamente importante per il tessuto economico, sociale e istituzionale del Paese, una leva e un’occasione di innovazione sistemica che non possiamo assolutamente sottovalutare o, peggio, lasciarci sfuggire di mano.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3