le sfide

Gig economy, un nuovo Statuto dei Lavoratori contro il “caporalato degli algoritmi”

Le norme attualmente in vigore non sono adatte a tutelare i lavoratori della cosiddetta gig economy, in cui l’algoritmo si fa manager per rendere più efficiente il processo produttivo, ma può facilmente dare origine a un nuovo taylorismo 4.0. Ecco l’evoluzione necessaria

23 Set 2019
Domenico Marino

Università Degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria

intelligenza artificiale e lavoro

Nuovi paradigmi quali Industria 4.0 e intelligenza artificiale costituiscono oggi degli elementi del processo produttivo che rendono obsoleti alcuni degli strumenti di tutela del lavoro e rendono necessario un urgente aggiornamento.

La tutela della dignità del lavoro e il rispetto sostanziale dei diritti dei lavoratori diventano degli obiettivi da tutelare con nuovi strumenti. È il lavoro umano nel suo complesso che necessita quindi di nuovi strumenti di tutela.

In questo percorso di individuazione di nuovi strumenti di tutela del lavoro e del lavoratore il primo aspetto da considerare è quello della selezione iniziale del lavoratore.

Recruiting e monitoraggio, i rischi dell’intelligenza artificiale

L’utilizzo di strumenti di intelligenza artificiale nella selezione pone diversi problemi di tutela.

Affidare a un algoritmo la scelta del profilo migliore può essere una modalità rapida ed economica di selezionare, ma in primo luogo espone la selezione alla possibilità che l’intelligenza artificiale sviluppi dei bias che possono inficiare la correttezza del processo. L’altro aspetto importante è la trasparenza della procedura cioè il diritto del valutato di conoscere sia la base informativa, sia l’algoritmo sulla base dei quali gli individui vengono valutati.

WEBINAR
25 Ottobre 2022 - 12:00
Tutto quello che devi sapere per sbloccare il potere del Digital Manufacturing
Acquisti/Procurement
Automotive

Un altro aspetto interessante è quello legato al miglioramento dei processi produttivi ottenuto attraverso il monitoraggio delle attività lavorative. Un principio generale è che non è lecito il controllo dell’essere umano da parte di una macchina o di un sistema di controllo remoto. Tuttavia, nell’organizzazione del lavoro 4.0 è quasi impossibile separare il monitoraggio dei processi dal controllo del lavoratore. I device indossabili, gli smartphone o gli altri strumenti di monitoraggio del processo raccolgono tutta una serie di dati non solo sulla produttività del processo, ma anche sulla produttività del lavoratore e sul suo comportamento durante il processo produttivo. Potrebbero anche in linea di principio essere utilizzati per avere informazioni sulla salute del lavoratore. I sistemi di controllo in un certo senso diventano parte del processo produttivo e la differenza sta solo nella tipologia di dati che vengono rilevati ed elaborati. La tutela del lavoratore, della sua privacy e il divieto di controllo remoto diventano quindi quasi impossibili perché è impossibile discriminare fra sistema di produzione e sistema di controllo.

Algoritmi e nuovo taylorismo 4.0

Il famoso film di Charlie Chaplin “Tempi Moderni” segna una critica molto forte al paradigma organizzativo imperante all’epoca, costituito dal cosiddetto taylorismo e che consisteva nel tentativo di standardizzare i processi, trattando i lavoratori come delle macchine con l’obiettivo di aumentare la produttività del lavoro. Nel tempo la legislazione giuslavoristica ha trovato forme e modalità per tutelare e difendere la dignità dei lavoratori dagli eccessi del taylorismo.

Oggi, tuttavia, chiaro quindi che gli strumenti di tutela devono essere innovati e raffinati. Probabilmente lo stesso concetto di lavoro va cambiato perché la crescente interconnessione fra lavoro umano e lavoro delle macchine rende difficilmente distinguibile il singolo contributo.

La cosiddetta gig economy è un’economia in cui il rapporto di lavoro viene riorganizzato per essere messo al servizio dell’economia digitale. L’algoritmo può non limitarsi a monitorare il lavoratore, ma può essere trasformato in un manager e istruito per organizzare il lavoro, utilizzando la gran mole di dati che riesce a raccogliere. Lo stesso algoritmo potrebbe anche facilmente sviluppare dei bias discriminatori e tendere a sfruttare o emarginare alcuni lavoratori.

L’algoritmo manager può sicuramente rendere più efficiente il processo produttivo, ma può facilmente dare origine ad un nuovo taylorismo 4.0.

Il rischio di sfruttamento e il rischio di discriminazione del lavoratore appare significativamente più elevato.

Ripensare lo Statuto dei Lavoratori in ottica 4.0

Questo scenario comporta la necessità di rivedere anche gli strumenti di tutela dei lavoratori. La definizione di uno Statuto dei Lavoratori 4.0 comincia a mostrarsi necessario e questa necessità diventerà sempre più cogente nei prossimi anni.

Occorre quindi ripensare nel quadro di uno Statuto dei Lavoratori 4.0 le libertà sindacali e la contrattazione collettiva, la lotta alle discriminazioni dirette e indirette, il contrasto alle forme di lavoro sommerso e la nuova regolamentazione del lavoro informale, la progettazione di strumenti per il controllo degli orari lavorativi e per evitare forme di “lavoro forzato”.

Rischiamo di cadere in una sorta di “caporalato degli algoritmi” e per difenderci da questo le norme attualmente in vigore sono poco efficaci. Oggi è possibile con delle app contrattare una prestazione lavorativa di pochi minuti, con modalità che assicurano una competizione verso il basso della remunerazione di quel lavoro e, soprattutto, senza alcun vincolo contrattuale o di sicurezza. Da un lato si può parcellizzare la domanda e sottopagare la prestazione, dall’altro si ha l’interesse a svolgere il maggior numero di prestazioni possibili tralasciando tutte le forme di tutela del lavoro. L’algoritmo che sovraintende questo processo sistematico di sfruttamento del lavoro e che ne garantisce l’efficienza dal punto di vista economico altro non è che un caporale digitale che tratta il lavoro come una merce e che tenta di trarre il massimo profitto a dispetto di tutte le norme di tutela. Scrivere un nuovo Statuto dei Lavoratori 4.0 per renderlo in grado di governare l’economia digitale e la Gig economy è un obiettivo sicuramente difficile e sfidante, ma necessario.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati