IA in azienda

Chief Artificial Intelligence Officer: cosa fa, perché assumerlo



Indirizzo copiato

Da quando l’IA generativa ha fatto il suo ingresso in azienda, i Chief Artificial Intelligence Officer stanno emergendo come un’opzione chiave da prendere in considerazione per gli AD. Ma dove dovrebbero collocarsi e cosa serve per garantire che un ruolo del genere abbia l’impatto desiderato? Ecco tutto quello che c’è da sapere

Pubblicato il 29 mar 2024

Fabio Moioli

Spencer Stuart Milan



deep fake_ intelligenza artificiale_5

“Davvero? È davvero necessario?”. Quando si tratta di assumere un altro leader tecnologico di alto livello, amministratori delegati e general manager possono essere perdonati se tirassero un sospiro di sollievo ed esprimessero un certo scetticismo iniziale.

Dopotutto, se si esaminasse la loro lista di dirigenti, quasi sicuramente troverebbero un Chief Digital Officer (CDO) e un Chief Information Officer (CIO) già in loco. È inoltre probabile che ci siano anche un chief data officer e un chief information security officer, per non parlare di una serie di senior manager IT già presenti ai tavoli decisionali. Quindi, alla luce di ciò, le organizzazioni hanno davvero bisogno di assumere anche un Chief Artificial Intelligence Officer?

In realtà sì. Prima è, meglio è. Ma solo dopo un’adeguata analisi e con il giusto supporto e la giusta struttura in atto.

Lo tsunami dell’IA generativa si abbatte sulle aziende

Torniamo indietro di circa 18 mesi. L’intelligenza artificiale (IA) aveva già da tempo messo radici nel panorama aziendale e veniva impiegata in aree quali la manutenzione predittiva, il monitoraggio del comportamento dei clienti e l’automazione dei processi manuali. Ma nel novembre 2022, l’arrivo dell’IA generativa (GenAI) ha scosso le organizzazioni grandi e piccole.

I leader aziendali si sono trovati improvvisamente di fronte alla prospettiva incombente che i loro settori venissero sconvolti da algoritmi in grado di generare nuovi contenuti e idee, progetti e processi. Questo cambiamento di passo significa che i modelli di business consolidati da tempo (per non parlare di numerose professioni) potrebbero avere i giorni contati.

Allo stesso tempo, anche le aziende vengono rimodellate dall’ubiquità dei dati. Se usati bene, i dati possono aiutare a prendere decisioni migliori e più informate, ad alimentare l’efficienza e a sostenere soluzioni scalabili che possono trasformare in meglio l’erogazione dei servizi. Ma non è garantito. Le organizzazioni devono disporre dei leader, dei team e delle strutture giuste per sfruttare questo potenziale, cosa che non è affatto garantita.

I Chief Artificial Intelligence Officer nuova figura chiave in azienda

In questo contesto, non c’è da stupirsi che i Chief Artificial Intelligence Officer stiano rapidamente emergendo come un’opzione chiave da prendere in considerazione per gli amministratori delegati. In effetti, questo processo è già in corso: secondo i dati di Foundry, l’11% delle organizzazioni medio-grandi ha già un Chief Artificial Intelligence Officer designato o un equivalente nel ruolo, e il 21% delle organizzazioni sta attivamente cercando di assumerne uno.

Ma dove dovrebbero collocarsi queste persone? Cosa serve per garantire che un ruolo del genere abbia l’impatto desiderato? E sono davvero necessarie queste posizioni?

Come opera un Chief Artificial Intelligence Officer in azienda

Esistono due opzioni principali per quanto riguarda la posizione e il modo in cui un Chief Artificial Intelligence Officer potrebbe operare all’interno di una determinata organizzazione. In entrambi gli scenari, il ruolo occupa un posto centrale e di alto livello nella struttura organizzativa, una posizione che riflette l’importanza di coniugare l’entusiasmo per le possibilità offerte dalla GenAI con i necessari controlli di conformità, etica e rischio.

La prima opzione è quella di un rapporto diretto con l’amministratore delegato. In questo caso, il Chief Artificial Intelligence Officer sarà in grado di svolgere un ruolo strategico e interfunzionale al di là della tecnologia e sarà in grado di collaborare con altri leader chiave per guidare e sfruttare le iniziative di IA, oltre a prendere decisioni strategiche sugli investimenti dell’azienda in IA e sull’allocazione delle risorse.

La seconda consiste nel riferire a un altro leader senior, come ad esempio il CIO. In questo scenario, il Chief Artificial Intelligence Officer può collaborare con altre unità aziendali per sviluppare e integrare la strategia di IA, oltre a svolgere un ruolo centrale nel team tecnologico e a lavorare a stretto contatto con ingegneri dei dati, scienziati e ricercatori.

Una figura chiave per le organizzazioni di tutti i tipi

I dati e l’AI sono entrati nel cuore dell’azienda, trasformando i modelli di business e gli assetti del settore. I Chief Artificial Intelligence Officer non sono più essenziali solo per le aziende tecnologiche, ma per le organizzazioni di tutti i tipi.

È importante notare, tuttavia, che considerare un Chief Artificial Intelligence Officer come una soluzione unica sarebbe sbagliato. Ci sono altri modi per affrontare queste sfide che le organizzazioni dovrebbero prendere in considerazione, come ad esempio la fusione del ruolo con il CDO. C’è anche il rischio che un Chief Artificial Intelligence Officer non sia sufficientemente legato all’azienda per avere l’impatto desiderato, o che non abbia il necessario senso commerciale per guidare una crescita redditizia.

Tutto ciò significa che, se un’azienda sceglie la strada del Chief Artificial Intelligence Officer, deve assicurarsi che la sua nomina sia molto più di un leader tecnologico di alto livello con competenze superiori nel campo dell’intelligenza artificiale. Dopo tutto, il loro compito sarà quello di sviluppare e integrare perfettamente la strategia globale di IA dell’azienda, dalla progettazione all’implementazione.

I Chief Artificial Intelligence Officer devono anche guidare la trasformazione, guidando gli sforzi per utilizzare l’IA per modernizzare i processi e promuovere una “cultura AI-first”. Anche il denaro è fondamentale: I Chief Artificial Intelligence Officer devono avere l’autorità finanziaria per gli investimenti interni nell’IA e per lo sviluppo di partnership esterne. Inoltre, devono essere veri e propri leader di pensiero, formando opinioni e adottando un approccio visionario alla trasformazione organizzativa guidata dall’IA.

Personalità e competenze del Chief Artificial Intelligence Officer

Fare tutto questo non è facile, ma si può fare se il Chief Artificial Intelligence Officer possiede la giusta miscela di tratti di personalità e competenze. Quali potrebbero essere?

Un punto di partenza importante per ogni aspirante Chief Artificial Intelligence Officer è la passione per la tecnologia stessa.

Senza un autentico entusiasmo e una vera e propria eccitazione, potrebbero faticare a superare gli inevitabili ostacoli che possono frenare qualsiasi programma di trasformazione importante: vengono in mente l’avversione al rischio, i silos organizzativi e una governance inefficace. Purtroppo si tratta di un rischio fin troppo comune: secondo McKinsey, circa il 70% delle trasformazioni fallisce.

Oltre alla passione, il Chief Artificial Intelligence Officer deve anche essere in grado di guidare l’innovazione e l’efficienza. Ciò richiede non solo la capacità di essere lungimiranti e la conoscenza di come questa tecnologia all’avanguardia possa essere utilizzata per creare nuove soluzioni, ma anche una serie di competenze umane.

Senza empatia, adattabilità e collaborazione, i Chief Artificial Intelligence Officer potrebbero avere difficoltà a guidare team composti da una miscela eclettica di data scientist, ingegneri e sviluppatori, solo per citarne alcuni. Se possiedono questo mix di caratteristiche e competenze, i Chief Artificial Intelligence Officer si troveranno nella posizione ideale per guidare un cambiamento e un’innovazione significativi attraverso questa tecnologia.

Nel breve termine, ciò si manifesterebbe con l’adozione dell’IA in tutta l’azienda e con il ruolo di leader strategico nel settore. Questo si evolverebbe poi in nuove opportunità di business e in una crescita della linea di business superiore e inferiore. I Chief Artificial Intelligence Officer stessi avrebbero inoltre rafforzato la loro posizione di leader nel settore tecnologico, un cambiamento che permetterebbe loro di influenzarne la direzione più ampia.

IA in azienda, le sfide da affrontare subito

È indubbio che l’insieme di tecnologie e capacità che compongono l’IA stia avanzando a velocità vertiginosa. Al lavoro o a casa, ciò a cui ci siamo abituati nel corso degli anni rischia di essere sradicato da quest’epoca di trasformazioni.

Certo, ci sono sfide da affrontare – l’etica, la governance e la conformità dovrebbero costituire una parte importante di qualsiasi conversazione sull’IA, data la sua mancanza di trasparenza e il pericolo di algoritmi distorti – ma resta il fatto che le organizzazioni che non si adattano a questa nuova realtà saranno rapidamente lasciate indietro dai loro concorrenti.

Conclusioni

Come per il digitale, anche per gli amministratori delegati ci sono molte opzioni su cui riflettere. Tutti dovrebbero valutare se la strada del Chief Artificial Intelligence Officer è quella da percorrere, e naturalmente riflettere sulle dinamiche relazionali legate alla creazione di questo ruolo. Ma se optano per questa strada, chi esita a dare il via a un processo di reclutamento non deve indugiare oltre. Non c’è tempo da perdere.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4