AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

Il lavoro del futuro: uno scenario al 2030

L’automazione industriale potrebbe eliminare fino al 50% di tutti i lavori attuali negli USA, nel breve periodo le nuove occupazioni non colmeranno il grado di distruzione della forza lavoro, ma lo scenario cambia analizzando tempi più lunghi

13 Set 2018
Enrico Martini

ministero dello Sviluppo Economico

robot-160918130541

Le nuove tecnologie e l’innovazione possono creare straordinari balzi nella ricchezza materiale e negli standard di vita e generare picchi di crescita della produttività. Tutti si aspettano che l’era dell’innovazione tecnologica nei prossimi decenni si traduca in un forte aumento della produttività, in quanto l’automazione industriale andrà a sostituire o estendere le potenzialità del lavoro umano.

Il gruppo BAIN Macro Trends ha analizzato una gamma di tecnologie già in fase di commercializzazione o prossime a tale fase, tra cui robot umanoidi di servizio, robot collaborativi (cobots), droni, intelligenza artificiale e algoritmi di apprendimento automatico. Queste tecnologie trasformeranno principalmente il settore dei servizi delle economie più avanzate e di alcune economie emergenti. Sulla base di tale analisi, la rapida diffusione dell’automazione si scontrerà nel prossimo decennio con i cambiamenti demografici (in particolare l’invecchiamento della popolazione), creando cambiamenti dirompenti in tutta l’economia globale.

Automazione della produzione

Gli analisti stimano che entro il 2030 queste tecnologie potrebbero aumentare la produttività del lavoro in media del 30% rispetto al 2015, con un impatto crescente nel tempo. Questo miglioramento graduale varia considerevolmente tra le industrie, da livelli relativamente modesti nei servizi sanitari e scolastici a un impatto notevole in settori come servizi di ristorazione, vendita al dettaglio, trasporto.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

Il costo in calo dei robot scatenerà il prossimo ciclo di automazione della produzione. Nel 2010, il periodo di recupero dell’investimento stimato in Cina per la sostituzione dei lavoratori era di 5,3 anni. Nel 2016, la combinazione del calo dei prezzi dei robot e l’aumento del costo del lavoro umano hanno ridotto il periodo di ammortamento a 1,5 anni. Entro la fine del decennio, potrebbe scendere a meno di un anno.

Il produttore a contratto taiwanese Foxconn, il più grande datore di lavoro della Cina con 1,3 milioni di lavoratori in impianti tentacolari, è un punto di riferimento per la prossima ondata di automazione. Come altri produttori cinesi, ha investito pesantemente in robot di nuova generazione: lo scorso anno, in un impianto produttivo ha sostituito con robot 60.000 operai, il 55% della forza lavoro totale.

I Cobots

Le economie avanzate stanno investendo nell’automazione per colmare il divario di costo del lavoro con i mercati emergenti. Nel 1997, il valore aggiunto della produzione per dollaro di manodopera era il doppio in Messico rispetto agli Stati Uniti. Nel 2013, il divario si è ridotto a meno del 15%. I cobots, che affiancano gli umani per migliorare la produttività del lavoro nel settore manifatturiero, sono un esempio di come le aziende stanno riducendo il divario di costo. Questi robot ausiliari costano meno di un quarto del prezzo dei robot tradizionali e, nel 2013, erano già più economici dei lavoratori umani in ogni economia avanzata e nella maggior parte delle economie in via di sviluppo.

I cobots e altre innovazioni dotate di alta destrezza sono particolarmente dirompenti perché possono anche essere implementate in molte parti del settore dei servizi non ancora interessate da un’elevata automazione. Sulla base della ricerca di BAIN, i robot umanoidi raggiungeranno probabilmente la commercializzazione all’inizio del prossimo decennio grazie principalmente al rapido declino dei costi della destrezza robotizzata per le applicazioni di servizio.

Allo stato attuale replicare la destrezza e la precisione delle mani umane è ancora costoso. Nel 2011, il robot Asimo di Honda ha entusiasmato il pubblico grazie alla possibilità di prendere un thermos, svitare il coperchio e versare il tè in un bicchiere di carta senza versarlo o schiacciare la tazza. Oggi, una serie di braccia robotiche può completamente servire un bar e mescolare bevande su una nave da crociera piena di ospiti. La robotica di alta destrezza viene già utilizzata sperimentalmente in contesti che vanno dalla preparazione del cibo all’assistenza negli ospedali e nelle case di cura. Anche i robot e i droni meno abili vengono usati come fattorini di hotel per accompagnare gli ospiti nelle loro stanze, come camerieri che trasportano cibo ai tavoli e persino consegnano pizze calde alla porta di un cliente.

L’automazione nei servizi

È probabile che l’automazione eliminerà anche alcuni lavori ben pagati nel settore dei servizi. Gli studi legali stanno già implementando algoritmi per la scansione di documenti legali al posto di avvocati junior altamente istruiti e retribuiti. Nei servizi finanziari, le start-up si concentrano sull’automazione di compiti ad alta intensità di manodopera, e quindi costosi, come l’elaborazione di un mutuo ipotecario. Le società di servizi finanziari stanno rapidamente automatizzando l’analisi degli investimenti, un’occupazione relativamente ben retribuita. In particolare, gli hedge fund hanno sviluppato sistemi di machine learning che eseguono il lavoro di migliaia di analisti a velocità non umane.

L’impatto sull’occupazione

L’analisi conclude che la prossima fase dell’automazione potrebbe eliminare fino al 50% di tutti i lavori attuali negli USA. Probabilmente il pieno impatto di questo processo non si avrà prima del 2030, poiché la manodopera a basso costo continuerà a essere disponibile in alcuni settori e alcune aziende saranno più lente nell’adottare l’automazione.

L’automazione creerà certamente alcune nuove categorie di lavoro – ad esempio il tecnico per la riparazione dei robot – il cui numero crescerà rapidamente. Tuttavia, le nuove occupazioni non colmeranno il grado di distruzione della forza lavoro nel 2020. Gli industriali, gli ingegneri, gli inventori e gli uomini d’affari che stanno creando tecnologie di automazione e investendo in esse saranno tra i tanti a beneficiare del cambiamento, ma il divario crescente tra la maggioranza dei lavoratori che subiscono l’impatto negativo dell’automazione e i pochi altamente qualificati che ne beneficiano probabilmente aumenterà drasticamente la disuguaglianza di reddito.

La resilienza

E questo rischia di soffocare la crescita economica. Però, in tempi più lunghi, man mano che la forza lavoro svilupperà nuove competenze, gli incrementi di produttività andranno a vantaggio di un segmento sempre più ampio della popolazione. Ci sono molti passi concreti che le imprese possono intraprendere per cambiare il proprio modello di business e modificare il posizionamento. La più importante, secondo BAIN, è la costruzione della resilienza. Le imprese più brave ad assorbire gli shock e cambiare rotta rapidamente avranno le migliori possibilità di prosperare negli anni 2020 e anche nei seguenti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati