Iban Italia

Startup come innesco dell’Industry 4.0: tre modifiche normative necessarie

Il Legislatore dovrebbe dare un riconoscimento giuridico alla professione di Business Angel in modo da avvicinare imprenditori, ex imprenditori e manager al mondo del Business Angel. Mettere in connessione il mondo delle PMI e delle grandi imprese con il sistema delle startup e dell’innovazione. Incentivare gli investimenti creando un mercato secondario che coinvolga società e fondi di investimento più grandi

14 Mar 2016
startup-121015123742

In queste settimane la X Commissione Attività Produttive della Camera sta svolgendo una serie di audizioni in merito al Decreto Industria 4.0, di cui al momento conosciamo solo le linee guida contenute nelle dieci “raccomandazioni” volte a consentire all’Italia di mettere in atto la rivoluzione industriale digitale facendo leva sull’Internet of Things e sul Manifacturing 4.0.

L’associazione IBAN lavora da molti anni come stakeholder del sistema, per dare il suo contributo al legislatore nell’ottica di favorire gli investimenti in capitale di rischio e di agevolare la nascita e lo sviluppo delle startup. A novembre 2014 abbiamo redatto insieme allo Studio Legale e Tributario CBA il Libro Bianco Start Up, un testo contenente tutta una serie di suggerimenti nell’ambito del diritto tributario, del diritto societario e del diritto del lavoro, che abbiamo inviato a Ministeri e Commissioni Parlamentari impegnate su queste tematiche.

Alcune di queste proposte sono anche state recepite nel nostro ordinamento (si pensi ad esempio a quanto contenuto nell’Investment Compact). Le restanti riteniamo possano essere utili anche nell’ambito di Industria 4.0. Obiettivo di fondo, e oserei anche dire necessità, in questo Paese, è quello di provare, tutti quanti, a fornire un contributo, ciascuno sulla base delle proprie competenze e professionalità, facendo sistema e svolgendo la propria parte non solamente come privati cittadini ma anche nell’interesse della res pubblica.

Vi sono tre aspetti principali che, a parere di IBAN, il Legislatore dovrebbe approfondire per aumentare il volume degli investimenti e incentivare e valorizzare l’innovazione portata dalle startup in Italia:

  1. Dare un riconoscimento giuridico alla professione di Business Angel in modo da avvicinare imprenditori, ex imprenditori e manager al mondo del Business Angel;
  2. Mettere in connessione il mondo delle PMI e delle grandi Imprese con il sistema delle startup e dell’innovazione;
  3. Incentivare gli investimenti creando un mercato secondario che coinvolga società e fondi di investimento più grandi.

Secondo le nostre stime, a livello italiano, vi sono circa un migliaio di Business Angel, fenomeno abbastanza in linea col resto dell’Europa. Dalla nostra Survey annuale emerge che i Business Angel italiani sono prettamente imprenditori, liberi professionisti e manager che investono parte del proprio patrimonio personale, del loro tempo, delle loro competenze strategiche e gestionali e delle loro reti di relazionali a supporto della fase di avviamento e di primo sviluppo di una startup. L’obiettivo del Business Angel è ovviamente quello di raggiungere un ritorno economico sotto forma di profitto sull’investimento effettuato nell’arco di 4-5 anni, tramite quella fase comunemente denominata Exit. Complice la crisi economica degli ultimi anni, molte persone si sono trovate fuori dal circuito del lavoro; tra queste vi sono molte figure professionali altamente qualificate che in precedenza ricoprivano posizioni apicali. La nostra proposta è quella di dare la possibilità a queste persone di intraprendere il ruolo di Business Angel per rispondere alla domanda di investimenti in capitale di rischio attraverso un affiancamento formativo professionale e attitudinale adeguato. Ciò potrebbe rivelarsi un’opportunità qualificata e qualificante di ricollocamento per coloro i quali vogliono reinserirsi nel mondo attivo del lavoro. E un ruolo fondamentale in tal senso potrebbero svolgerlo gli Enti Previdenziali (es. INPS) di concerto con il Governo e le Regioni, attingendo alle risorse economiche del Fondo Sociale Europeo.

Il secondo aspetto, non meno importante, è quello del rapporto tra PMI e innovazione (proposta dalle startup). Le imprese tradizionali italiane, in particolare le PMI, guardano ancora troppo poco alle startup e quando sono interessate ad acquisirle, spesso non lo fanno nella giusta ottica di una strategia di Open Innovation, ma ricercando solamente l’affare. Questo non consente di considerare le prospettive che potrebbero generarsi nel futuro. Il modello di riferimento resta sempre quello degli Stati Uniti, ma forse è giunta l’ora di ambire a creare quella che noi amiamo definire una via italiana delle startup. Questa via italiana potrebbe, per esempio, consistere nella creazione e nell’incentivazione di un mercato delle startup a cui le PMI possano rivolgersi, a condizioni favorevoli (ad esempio un super ammortamento ad hoc), per esternalizzare servizi e Ricerca & Sviluppo. Questo genererebbe sicuramente sinergie virtuose per l’economia del paese tutto. Le startup devono poter diventare lo strumento per favorire la digitalizzazione delle filiere industriali tradizionali, attraverso l’integrazione delle tecnologie digitali nei processi manifatturieri in modo da modificare le metodologie produttive. A ciò va unito un sistema di informazione costante e dei meccanismi incentivanti che consentano alle PMI di poter investire nelle startup, in modo da stimolare l’altra fase fondamentale di questo meccanismo, ovvero una open innovation a matrice privata. Inoltre, bisognerà stabilire che lo Stato e le sue Partecipate siano i primi soggetti a farsi carico di questa rivoluzione, diventando essi stessi i primi committenti delle startup, in modo da avviare quella che potremmo definire una grande fase di open innovation a matrice pubblica. È molto importante il ruolo che possono svolgere i Business Angel, cerniera di competenze e garanzia di managerialità a supporto della connessione tra startup e imprese.

Altro punto dolente, sono gli investimenti. Per avere un’idea del settore di cui stiamo parlando, ad oggi il volume degli investimenti in startup da parte di Business Angel e Venture Capital, come emerge dall’indagine congiunta tra l’Associazione IBAN e il Venture Capital Monitor dell’Università Liuc di Castellanza, è pari a 90 milioni di Euro nel 2014. Ancora troppo lontani, rimanendo in Europa, da paesi come Francia e Inghilterra, senza volerci poi confrontare con Stati Uniti e Israele. Da un lato, va crescendo un’attenzione sempre maggiore per la cosi detta fase di Seed, ma poi le imprese non vengono adeguatamente sostenute nella loro naturale crescita in quanto è ancora oggettivamente troppo lunga la filiera degli investimenti. Al momento vi sono delle regole, a nostro avviso, troppo rigide per gli investimenti in Equity per dei soggetti strutturati che, con il loro intervento possono ampliare l’offerta al pubblico. Andrebbe a nostro avviso costruita e di conseguenza sostenuta una vera e propria Finanza di Filiera che colleghi il Business Angel col Venture Capital e il Capitale di Debito. Bisogna cercare di incentivare gli investimenti, soprattutto quelli in Equity, per arrivare ad avere un volume d’affari che possa davvero generare un circolo virtuoso nel paese.

Per raggiungere questo obiettivo le Istituzioni Italiane devono da un lato aumentare i co-investimenti con i fondi privati (per esempio i fondi pensione, le casse di previdenza, le assicurazioni e i Private Banker), dall’altro agevolare il più possibile i privati a destinare risorse alle startup. In questo senso la nostra proposta è di reintrodurre l’esenzione da tassazione delle plusvalenze realizzate mediante disinvestimento qualora le somme incassate siano reinvestite in una startup innovativa (o nel diverso soggetto che si vorrà tutelare nel progetto Industria 4.0) entro un ridotto arco temporale. In aggiunta, suggeriamo di consentire a chi investe in startup innovative di dedurre, in caso di messa in liquidazione di una startup, il differenziale tra beni percepiti al riparto e “costo fiscalmente riconosciuto” della partecipazione, ovvero investimento originario al netto delle detrazioni di cui l’investitore ha beneficiato alla data dell’investimento. Riteniamo infine che si debbano innalzare gli sgravi fiscali per chi investe in startup (attualmente al 19%) in modo da avvicinarsi agli standard degli altri Stati europei che presentano mercati più maturi (Inghilterra 30%, Francia 29%) e magari superarli.

Senza un dialogo di filiera più proficuo rimarremo indietro rispetto al resto del mondo e non riusciremo a cogliere l’opportunità di cambiamento e crescita che la cosiddetta Quarta rivoluzione industriale può portare. Tutto ciò rischia di relegarci ad essere dei gregari sul palcoscenico internazionale.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3