La guida

Voucher digitali 4.0 per le PMI, come funzionano e come richiederli

Attraverso i Punti impresa digitali, le Camere di commercio italiane hanno messo a disposizione delle micro, piccole e medie imprese i voucher digitali: un supporto per l’acquisto di servizi di consulenza, tecnologie e percorsi di formazione in ambito 4.0

20 Mag 2022
Paola Conio

Osservatorio Agenda Digitale Politecnico di Milano

voucher digitalizzazione

Nei prossimi mesi le micro, piccole e medie imprese italiane potranno usufruire di un nuovo sostegno economico per l’acquisto di servizi di consulenza, formazione e tecnologie in ambito 4.0. Si tratta dei Voucher Digitali messi a disposizione da parte delle Camere di Commercio italiane attraverso i PID. PID è l’acronimo di “Punto Impresa Digitale”, ovvero strutture di servizio del sistema camerale specificamente destinate a diffondere presso le MPMI la teoria e la pratica della digitalizzazione. Sono stati istituiti nell’ambito del Piano Nazionale Impresa 4.0 e vengono finanziati grazie all’incremento del diritto camerale a partire dal 2017.

Inoltre, le Camere di Commercio Lombarde e la Regione Lombardia hanno promosso il Bando Voucher Digitale I4.0 Base e Avanzato, rispettivamente in scadenza il 24 giugno per i progetti caratterizzati da un livello di complessità contenuto e importi di spesa medio-bassi (Base) e il 4 luglio per i progetti caratterizzati da un livello di complessità elevato e importi di spesa medio-alti (Avanzato).

Non bisogna però dormire sugli allori e attendere gli ultimi giorni per presentare le domande di attribuzione dei voucher perché se le ricorse dovessero finire anticipatamente, lo sportello verrà chiuso.

Codice proprietà industriale, quanti dubbi: perché è urgente migliorare il testo

Voucher digitali, le scadenze

Da maggio a dicembre di quest’anno le MPMI interessate a fruire dei Voucher Digitali dovranno tenere sott’occhio le seguenti scadenze.

INFOGRAFICA
ERP su misura per le PMI: dai problemi alle soluzioni per la via più breve [infografica]
Digital Transformation
ERP
PIDIMPORTOSCADENZAFINALITA’
FIRENZE633.000 €31/05/22Acquisizione di servizi di consulenza e formazione e all’acquisto di beni e servizi strumentali
REGGIO CALABRIA240.000 €17/06/22
  1. Servizi di consulenza e formazione relativi ad una o più tecnologie specificate nel bando
  2. Acquisto di beni e servizi strumentali, funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti specificate nel bando
PARMA300.000 €17/06/22
  1. Sviluppo della capacità di collaborazione tra MPMI e soggetti altamente qualificati nel campo dell’utilizzo delle tecnologie I4.0
  2. Utilizzo, da parte delle MPMI della circoscrizione territoriale camerale, di servizi o soluzioni focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali
MANTOVA100.000 €24/06/22Adozione/introduzione in azienda di tecnologie digitali 4.0 con progetti caratterizzati da un livello di complessità contenuto e importi di spesa medio-bassi
PAVIA2.757.000 €24/06/22Sostenere su larga scala le MPMI lombarde nell’adozione/introduzione in azienda di tecnologie digitali 4.0 tramite progetti con un livello di complessità contenuto e con importi di spesa medio-bassi
CUNEO280.000 €30/06/2022Misura A – Progetti Aggregati(condivisi sa più imprese)
  • Sviluppare la capacità di collaborazione tra imprese e soggetti altamente qualificati nel campo dell’utilizzo delle tecnologie I4.0, attraverso la realizzazione di progetti mirati all’introduzione di nuovi modelli di business 4.0 e modelli green oriented;
  • Promuovere l’utilizzo, da parte delle imprese della circoscrizione territoriale camerale, di servizi o soluzioni focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali in attuazione della strategia definita nel Piano Transizione 4.0;
  • Favorire interventi di digitalizzazione ed automazione funzionali alla continuità operativa delle imprese durante l’emergenza sanitaria da Covid-19 e alla ripartenza nella fase post-emergenziale
CUNEO520.000 €30/06/2022Misura B – Progetti individuali
  • Sviluppare la capacità di collaborazione tra imprese e soggetti altamente qualificati nel campo dell’utilizzo delle tecnologie I4.0, attraverso la realizzazione di progetti mirati all’introduzione di nuovi modelli di business 4.0 e modelli green oriented;
  • Promuovere l’utilizzo, da parte delle imprese della circoscrizione territoriale camerale, di servizi o soluzioni focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali in attuazione della strategia definita nel Piano Transizione 4.0;
  • Favorire interventi di digitalizzazione ed automazione funzionali alla continuità operativa delle imprese durante l’emergenza sanitaria da Covid-19 e alla ripartenza nella fase post-emergenziale
COSENZA25.000.000 €31/10/2022
  1. Servizi di consulenza e formazione relativi ad una o più tecnologie specificate nel bando
  2. Acquisto di beni e servizi strumentali, funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti specificate nel bando
ALESSANDRIA-ASTI500.000 €31/12/22Interventi di innovazione tecnologica realizzati da singole imprese

I dettagli delle singole iniziative – compresa la modulistica per la richiesta – possono essere consultati navigando da questo link e scegliendo l’iniziativa di interesse.

Chi può richiedere i voucher

I voucher per la digitalizzazione possono essere richiesti dalle micro, piccole e medie imprese in qualsiasi forma costituite che hanno sede legale nelle circoscrizioni delle Camere di Commercio promotrici dei singoli bandi.

Categoria di impresaEffettivi: unità lavorative anno (ULA)eFatturato annuo (in milioni di euro)oppureTotale di bilancio (annuo)
Microimpresameno di 10e≤ 2oppure≤ 2
Piccola impresameno di 50e≤ 10oppure≤ 10
Media impresameno di 250e≤ 50oppure≤ 43

Le MPMI non devono aver già ottenuto voucher digitali nelle annualità pregresse o altri tipi di agevolazioni pubbliche per le medesime spese ammissibili

Attenzione anche alla regolarità dei contributi alle Camere di Commercio: le imprese non in regola sono escluse dalla partecipazione.

Per quali interventi possono essere richiesti i voucher digitali

Bisogna verificare le previsioni dei singoli bandi, ma in generale le iniziative devono concernere una o più delle seguenti tecnologie di innovazione digitale:

  1. robotica avanzata e collaborativa;
  2. manifattura additiva e stampa 3D;
  3. prototipazione rapida;
  4. soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D);
  5. interfaccia uomo-macchina;
  6. simulazione e sistemi cyber-fisici;
  7. integrazione verticale e orizzontale;
  8. Internet delle cose (IoT) e delle macchine;
  9. Cloud, High Performance Computing – HPC, fog e quantum computing;
  10. Soluzioni di cyber security e business continuity (es. CEI – cyber exposure index, vulnerability assessment, penetration testing etc);
  11. big data e analisi dei dati;
  12. soluzioni di filiera per l’ottimizzazione della supply chain e della value chain;
  13. soluzioni per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività aziendali e progettazione ed utilizzo di tecnologie di tracciamento (RFID, barcode, CRM, ERP, ecc);
  14. intelligenza artificiale;
  15. blockchain.

Si possono eventualmente affiancare una o più delle seguenti tecnologie, purché propedeutiche o complementari a quelle di cui sopra:

  • sistemi di pagamento mobile e/o via Internet;
  • sistemi fintech;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
  • geolocalizzazione;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • system integration applicata all’automazione dei processi;
  • tecnologie della Next Production Revolution (NPR);
  • programmi di digital marketing;
  • soluzioni tecnologiche per la transizione ecologica;
  • connettività a Banda Ultralarga;
  • sistemi per lo smart working e il telelavoro;
  • sistemi di e-commerce;
  • soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3