Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Polimi

Il difficile rapporto tra banche e cloud

27 Lug 2015

Mariano Corso, Politecnico di Milano


C’è un aspetto normativo che frena l’ adozione del public cloud nelle banche. Da questo punto di vista anche Bankitalia ha giocato un ruolo di freno. Inoltre la storica mancanza di standardizzazione degli applicativi con forte presenza di legacy (anche mainframe) riduce la possibilità di andare su cloud per i sistemi core.

Per quanto riguarda invece il fatto che le banche non finanzierebbe iniziative cloud, non ho evidenze… Tuttavia:
– i clienti che passano sul cloud non hanno investimenti materiali capex, ma solo opex. Naturale che le banche facciano più fatica a dare finanziamenti.
– dal punto di vista dei fornitori, il passaggio della propria offerta al cloud richiede un rilevante cambiamento di modello di business con aumento degli investimenti iniziali in sviluppo e (spesso) infrastrutture, a fronte di ricavi molto più spostati nel tempo. Modelli che richiedono finanziamenti molto più elevati. Questo è un ostacolo soprattutto per le piccole imprese del Canale ICT che non hanno ne la cultura, ne la solidità patrimoniale e probabilmente neanche il corretto rapporto con le banche.

Articolo 1 di 2