SPONSORED ARTICLE

La sostenibilità dei data center come leva per la transizione digitale: le tecnologie che fanno la differenza



Indirizzo copiato

I fornitori di soluzioni per le infrastrutture digitali critiche sono chiamati a una duplice sfida: da un lato garantire prestazioni elevate e, dall’altro, offrire nuove strategie e sistemi innovativi che riducano il consumo di risorse. Come conciliare, dunque, le due transizioni, green e digitale?           

Pubblicato il 10 mag 2023

Andrea Faeti

Sales Enterprise Accounts Director per l'Italia di Vertiv



sostenibilità dei data center

Il cloud è una delle leve principali della transizione digitale di PA e imprese. In coerenza con gli obiettivi del PNRR circa il 75% delle PA italiane dovrebbe completare la migrazione dei dati e degli applicativi informatici verso il cloud entro il 2026.

Una transizione che va di pari passo con la necessità di promuovere la sostenibilità ambientale delle tecnologie.

Quello che viene spesso sottostimato, infatti, è l’impatto ambientale dei data center, spina dorsale dei sistemi cloud, che secondo l’Agenzia Internazionale per l’Energia, contribuiscono, già oggi, allo 0,3% delle emissioni globali di CO2.

Gli operatori del settore, in particolare chi come Vertiv fornisce soluzioni per le infrastrutture digitali critiche, sono dunque chiamati a una duplice sfida: da un lato garantire prestazioni elevate e la massima sicurezza ed efficienza operativa e, dall’altro, offrire nuove strategie e sistemi innovativi che riducano il consumo di risorse.

Come conciliare, dunque, le due transizioni, green e digitale?

L’importanza dell’adozione di tecnologie sostenibili nei data center pubblici e privati

Il passaggio al cloud risponde sicuramente a logiche di razionalizzazione delle risorse pubbliche da un lato e di stimolo alla digitalizzazione delle imprese dall’altro, ma ci si attende anche un importante impatto dal punto di vista ambientale. Soprattutto nel contesto dell’attuale congiuntura internazionale, con l’incremento dei costi energetici a livelli critici, occorre pensare a data center sostenibili “by design”, quindi sul lungo periodo.

La rapida crescita del settore, trainata non solo dalle nostre attività quotidiane online, ma anche dal numero sempre maggiore di applicazioni che necessitano di elevate capacità di calcolo e di storage – pensiamo ad esempio a comparti quali la Ricerca e la Sanità – porta necessariamente all’aumento dell’utilizzo di energia e risorse idriche dei data center. L’ottimizzazione di questi consumi è pertanto uno dei principali obiettivi di chi realizza le infrastrutture pensando alla loro sostenibilità futura.

Garantire data center efficienti dal punto di vista energetico e in grado di non depauperare una risorsa importante come l’acqua è, inoltre, una priorità assoluta non solo per chi opera nel settore, ma anche dei governi di tutto il mondo. Non a caso, stanno emergendo a livello mondiale ed europeo nuove regolamentazioni sempre più stringenti sul risparmio idrico e sull’utilizzo di gas refrigeranti a basso impatto ambientale nei data center.

L’impatto del PNRR sui progetti in sviluppo

In questo contesto si inserisce il PNRR, che sta spingendo lo sviluppo del settore da due punti di vista: il primo è attraverso la messa a disposizione di un elevato volume di fondi per rispondere alle esigenze del variegato universo delle pubbliche amministrazioni – che vanno dall’ente che necessita solo del pacchetto Office agli istituti della ricerca e della sanità che richiedono grandi capacità di calcolo – e spingere la digitalizzazione delle imprese.

L’altro aspetto su cui il PNRR va ad incidere è il legame tra l’erogazione dei fondi, i tempi stringenti di realizzazione dei progetti e l’implementazione di tecnologie ad alta efficienza e a basso impatto ambientale.

Se, quindi, da un lato grazie al PNRR assistiamo al concretizzarsi di opportunità molto importanti di utilizzo e razionalizzazione che vengono soddisfatte da progetti di cloud di Stato come il Polo Strategico Nazionale, ci sono anche delle necessità che non possono essere risolte in modo efficace perseguendo questa via. Pensiamo al settore della ricerca e alla telemedicina o alla telechirurgia, dove i tempi di latenza sono fondamentali o a contesti in cui non è possibile attendere l’elaborazione esterna delle grandi quantità di dati generati.

Le tendenze del mercato e le sfide da affrontare sul piano della sostenibilità dei data center

Tra le soluzioni offerte sul mercato, volte a rispondere a queste esigenze ci sono le infrastrutture ibride in cui si utilizzano siti di edge computing più vicini alla sorgente di generazione e utilizzo dei dati che offrono prestazioni – tempi di risposta e capacità di calcolo locale – in grado di soddisfare le necessità dell’applicazione. Si ottiene così un duplice vantaggio: maggiore tempestività di fruizione dei risultati e migliore sostenibilità ambientale dal momento che non è più necessario il trasporto di enormi moli di informazioni a migliaia di chilometri di distanza da dove le stesse sono prodotte e utilizzate.

Questo consente di gestire la necessità, da una parte di concludere i progetti nei tempi previsti dal PNRR e dall’altra di fornire le migliori tecnologie disponibili sul mercato anche dal punto di vista della sostenibilità.

Non dimentichiamo, però, che se da un lato c’è la forte spinta del PNRR ad accelerare, dall’altro i recenti problemi alla supply chain hanno avuto un forte impatto negli ultimi due anni anche sul comparto del cloud. La supply chain crunch non è ancora finita e ci sono ancora tensioni internazionali che mandano in sofferenza diversi settori.

Occorre perciò anche cambiare i paradigmi tradizionali del data center, facendo ricorso, ad esempio, a data center modulari: si tratta di strutture pre-cablate e assemblate che permettono di soddisfare rapidamente la domanda e di aggiungere capacità, se necessario, riducendo i tempi di realizzazione.

Le tecnologie che aiutano la transizione green

La continua ricerca da parte delle aziende del settore, di soluzioni efficienti, sicure e sostenibili sta dando vita a importanti sperimentazioni: sono in corso oggi, ad esempio, progetti di sviluppo di innovative tecnologie di raffreddamento basate sui nuovi gas a basso impatto ambientale.

Un altro elemento fondamentale su cui si sta lavorando è il consumo dell’acqua: la tendenza è quella di usare sì sistemi di raffreddamento che impiegano l’acqua, ma a circuito chiuso e in un’ottica che guarda all’economia circolare. Pensiamo alla soluzione offerta da Vertiv per applicazioni di Liquid Cooling che usa l’acqua per raffreddare direttamente i chip all’interno dei server. Tramite questa tecnologia è possibile realizzare un salto quantico dal punto di vista dell’efficienza e rendere disponibile acqua calda derivata dal raffreddamento dei chip che potrà essere scambiata o usata per il teleriscaldamento o fornita a strutture utilizzatrici quali gli ospedali. Il calore si trasforma così da scarto da smaltire a prodotto di valore.

Importanti innovazioni riguardano anche le tecnologie di alimentazione dei data center: la priorità, data l’importanza di queste infrastrutture su molteplici aspetti delle nostre vite, è fare in modo che questa non si interrompa mai, sia sicura e pulita. Da una parte, dunque, c’è un grande lavoro di sviluppo per garantire un’alimentazione sicura ma anche efficiente: l’efficienza di queste tecnologie è aumentata negli ultimi 10 anni di un ordine di grandezza; dall’altra parte occorre prestare sempre più attenzione alla sostenibilità e all’economia circolare.

Rispetto alle tradizionali batterie al piombo, ad esempio, oggi si adottano nuove tecnologie che non sono green in sé stesse – come le batterie al litio – ma consentono di avere un’estensione del tempo di vita, si ricaricano più rapidamente e possono operare a temperature più elevate.

Un altro elemento su cui si sta lavorando sul fronte della gestione dell’energia è sul fare in modo che i sistemi di accumulo, che fungono da backup e nella migliore delle ipotesi non vengono usati, ma fungono da garanzia, svolgano azioni di ottimizzazione all’interno della rete elettrica, dando un contributo alla transizione green legato all’uso delle sorgenti rinnovabili all’interno della rete elettrica.

L’utilizzo di queste e altre tecnologie hanno portato a una importante riduzione del PUE (Power Usage Effectiveness), che è la metrica di riferimento nel settore dato dal rapporto tra l’assorbimento di potenza da parte dell’intero data center e la potenza impiegata in esso dai soli apparati IT.

Come Vertiv è in grado di rispondere alle esigenze di sostenibilità dei data center

Il contributo di Vertiv alla sostenibilità nel settore dei data center è quindi duplice: cerchiamo di sviluppare e fornire prodotti aderenti ai nuovi standard di sostenibilità, ma, allo stesso tempo siamo sempre più spesso anche promotori di queste tendenze.

Siamo parte fondante di questo ecosistema che gira intorno al mondo dei data center e quello che ci caratterizza è, sia il focus sui data center – dalla distribuzione elettrica al Thermal Management – sia l’aver inserito la sostenibilità come elemento portante non solo nelle nostre attività ma anche nella catena delle forniture.

Sentiamo la responsabilità di avere un forte coinvolgimento nello sviluppo continuo delle funzionalità connesse, da cui sempre più la nostra società e la nostra economia dipendono, ma intendiamo farlo tenendo conto delle sfide ambientali che il nostro settore deve affrontare e saper gestire al meglio.

Il nostro impegno volto a mitigare gli impatti ambientali si muove dunque su due fronti: da un lato si traduce in azioni concrete per ridurre il consumo energetico e le emissioni GHG, gestire materiali e rifiuti delle nostre operazioni e, dall’altro nel fornire ai clienti prodotti e soluzioni che li aiutino a ridurre il proprio consumo energetico e idrico.

Abbiamo perciò prodotto il nostro primo report ESG che delinea l’approccio di Vertiv all’efficienza energetica e idrica, alle pari opportunità e al tema dell’inclusione (DE&I), alla salute e alla sicurezza dei dipendenti, e anche una Guida alla Sostenibilità dei Data Center per supportare il settore nella riduzione delle emissioni di anidride carbonica e nell’utilizzo delle risorse idriche.

Articolo realizzato in partnership con Vertiv

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3