wholesale tim

Nuovi prezzi della rete, Morandini: “Ecco l’impatto della delibera Agcom sul mercato”



Indirizzo copiato

La definizione delle condizioni economiche per gli anni 2022 e 2023 dei servizi di accesso all’ingrosso alla rete fissa di TIM è un passaggio chiave per gli operatori tlc. Ecco l’impatto della delibera Agcom n.132/23/CONS

Pubblicato il 13 giu 2023



pa digitale 2026

Con la pubblicazione della Delibera Agcom n.132/23/CONS si chiude la via crucis sulla definizione delle condizioni economiche per gli anni 2022 e 2023 dei servizi di accesso all’ingrosso alla rete fissa di TIM.

Si tratta di un passaggio regolamentare chiave tra due cicli delle Analisi dei Mercati Rilevanti, nel quale vengono ridefiniti i costi che devono sostenere gli operatori alternativi per accedere alle infrastrutture e ai servizi all’ingrosso di TIM. Come in tutte le passate esperienze, il processo è stato particolarmente lungo e ha, inevitabilmente, alimentato il dibattito sulla neutralità dell’approccio regolamentare e su vincitori e vinti.

In sintesi, i prezzi dei servizi più tradizionali sono saliti in modo sensibile (es. Unbundling Local Loop e Sub Loop Unbundling, rispettivamente +11,35% e +11,13%), mentre la componente più innovativa (FTTH, Fiber to The Home) presenta una riduzione del 2,93% e l’FTTC, (Fiber To The Cabinet) un incremento del 4,56%.

Il rigore metodologico

Coerentemente con la Raccomandazione della Commissione europea sulle metodologie di costo e non discriminazione, l’Autorità adotta un approccio bottom-up di tipo BU-LRIC+ (modello a costi incrementali di lungo periodo di tipo bottom up plus), che utilizza i costi incrementali di lungo periodo, con l’aggiunta di una maggiorazione per il recupero dei costi comuni. Inoltre, la metodologia stima i costi correnti che un ipotetico operatore efficiente sosterrebbe per costruire una rete moderna ed efficiente, di tipo NGA, tenendo conto delle infrastrutture riutilizzabili e della sostituzione degli elementi ottici rispetto a quelli della rete in rame.

Fortunatamente per i regolatori, e i lobbisti, l’applicazione di tali modelli consente diversi gradi di flessibilità attuativa, attraverso l’azione su una serie di possibili leve. Tra i driver che hanno un impatto più significativo si possono citare ad esempio il costo del capitale (Weighted Average Cost of Capital – WACC), la vita media delle componenti di rete, la dinamica dei costi, nonché le previsioni sulla domanda di servizi all’ingrosso.

A titolo esemplificativo, nel processo di approvazione delle nuove condizioni economiche il WACC è passato da una proposta di 6,28% a ottobre 2022 (decisamente più basso rispetto al precedente 8,64%), ad un’ipotesi a 7,56%, per infine stabilizzarsi a 7,40%. Per capire cosa significa, basti pensare che il valore del canone di ULL era previsto a 9,70 €/mese (ottobre 2022), è stato poi ipotizzato a 10,03 €/mese per finire a 9,91 €/mese (+2,2%).

Il caso del Sub Loop Unbundling

Era già chiaro agli esperti, ma la nuova Delibera lo ricorda in modo più esplicito: esiste anche la regolamentazione “creativa”, che introduce nel processo regolatorio aspetti di politica “industriale”.

Nell’ultima Analisi dei Mercati Rilevanti si decise di differenziare la vita utile della rete primaria rispetto a quella secondaria, quanto bastava a giustificare una significativa riduzione del prezzo del Sub Loop Unbundling. L’impatto atteso era di stimolare l’ulteriore accesso alle infrastrutture di TIM risalendo la scala degli investimenti fino al cabinet stradale. In particolare, sono stati Fastweb e Vodafone a cogliere questa opportunità, realizzando i propri cabinet accanto a quelli di TIM (con una copertura oggi di circa 30.000 cabinet sui 150.000 totali).

Nella consultazione di ottobre 2022, l’Autorità considerava che “una determinazione neutrale dei costi unitari dei servizi sulla rete in rame rispetto ai servizi su rete in fibra fosse maggiormente appropriata, […] favorendo così l’adozione dei servizi su rete completamente in fibra”. Traducendo, questo significa che la precedente decisione non era “neutrale” e guidata, quindi, da una finalità “incentivante” che avrebbe, probabilmente, dovuto richiedere una specifica analisi costi-benefici…

La decisione finale presenta però un piccolo colpo di scena, visto che il ritorno al passato (l’approccio “neutrale”) avrebbe portato ad un aumento del prezzo da 5,30 €/mese fino a 6,55 €/mese (+23,5%!). A questo punto è stata innescata la retromarcia, confermando l’approccio precedente, ma con il soccorso del nuovo WACC a 7,40%. Il numero magico diventa allora 5,89 €/mese (+11,13%), sostanzialmente a metà strada…

Il differenziale FTTC e FTTH

Le valutazioni sopra riportate si ripercuotono naturalmente anche sugli altri servizi.

L’intento dell’Agcom è stato chiaramente di ridurre ulteriormente il differenziale tra FTTC e FTTH, per rendere sempre più conveniente il passaggio ai servizi FTTH. In effetti, tale differenziale si è ormai ridotto a poco più di 1 €/mese. Nell’insieme, considerando anche le condizioni economiche di attivazione, i prezzi risultano ormai sostanzialmente allineati.

Non a caso, la maggior parte degli operatori tende attualmente ad offrire il servizio più avanzato disponibile ad un unico prezzo.

I prezzi per gli anni successivi, a partire dal 2024, verranno definiti nel quadro delle nuove analisi di mercato dell’Agcom, ma potrebbe essere utile un significativo aggiornamento delle previsioni (al 2026) contenute nella Delibera in oggetto, così come un’attenta analisi di impatto. In particolare, e nell’interesse del mercato, c’è da augurarsi un maggiore ottimismo nella valutazione della capacità competitiva di TIM.

Vincitori e vinti

Per concludere, può essere interessante fare qualche considerazione sull’impatto della Delibera sui diversi stakeholders.

Per quanto riguarda TIM, è chiaro che un aumento generalizzato del prezzo dei servizi all’ingrosso (al netto della componente FTTH, peraltro ad oggi molto limitata) generi un impatto di breve periodo positivo, ma al contempo rende più attrattive le offerte FTTH dei concorrenti, oltre che stimolare la migrazione da FTTC a FTTH. In quanto operatore verticalmente integrato, l’impatto complessivo andrebbe, infine, valutato sommando gli effetti retail e wholesale.

Il principale concorrente all’ingrosso di TIM, Open Fiber, beneficia da un lato dell’aumento del prezzo dei servizi FTTC che rende ancora più attrattiva la propria offerta FTTH, ma dall’altro si troverà un’offerta FTTH all’ingrosso di TIM più competitiva (al di là di quanto avviene già nei comuni ritenuti “contendibili dall’Agcom”). Stesso discorso vale per Fastweb, che ha sviluppato nel tempo un’offerta wholesale competitiva.

Gli altri operatori retail subiranno un significativo aumento dei propri costi sui servizi rame e fibra-rame, mentre saranno più incentivati ad attivare servizi fibra, a maggior ragione viste le performance associate e l’orientamento del mercato in tale direzione.

L’ultimo quesito, probabilmente il più interessante, è però: cosa succederà ai prezzi dei servizi retail?

Conclusioni

Da un lato, gli operatori continuano a lamentare l’insufficiente redditività della loro attività, ma, dall’altro, la pressione competitiva rimane molto elevata. Di conseguenza, assisteremo con ogni probabilità a comportamenti eterogenei dettati dagli obiettivi strategici delle singole aziende, in termini di conquista di quote di mercato o di difesa dei propri margini. Alcuni aumenti erano già stati annunciati, ma con la conferma degli aumenti sui servizi rame e fibra-rame non sarà facile mantenere l’attuale livello dei prezzi.

L’insostenibile leggerezza delle condizioni regolamentari

Cristoforo Morandini, EVP TMT PTS

Con la pubblicazione della Delibera AGCom n.132/23/CONS si chiude la via crucis sulla definizione delle condizioni economiche per gli anni 2022 (anno scorso) e 2023 (anno corrente) dei servizi di accesso all’ingrosso alla rete fissa di TIM. Si tratta di un passaggio regolamentare chiave tra due cicli delle Analisi dei Mercati Rilevanti, nel quale vengono ridefiniti i costi che devono sostenere gli operatori alternativi per accedere alle infrastrutture e ai servizi all’ingrosso di TIM. Come in tutte le passate esperienze, il processo è stato particolarmente lungo e ha, inevitabilmente, alimentato il dibattito sulla neutralità dell’approccio regolamentare e su vincitori e vinti.

In sintesi, i prezzi dei servizi più tradizionali sono saliti in modo sensibile (es. Unbundling Local Loop e Sub Loop Unbundling, rispettivamente +11,35% e +11,13%), mentre la componente più innovativa (FTTH, Fiber to The Home) presenta una riduzione del 2,93% e l’FTTC, (Fiber To The Cabinet) un incremento del 4,56%.

Fig. 1 – Dinamica dei prezzi dei servizi all’ingrosso (€/mese, 2018-2023)

*Residenziale

Fonte: Analisi PTS su dati AGCom, 2023

Il rigore metodologico

Coerentemente con la Raccomandazione della Commissione europea sulle metodologie di costo e non discriminazione, l’Autorità adotta un approccio bottom-up di tipo BU-LRIC+ (modello a costi incrementali di lungo periodo di tipo bottom up plus), che utilizza i costi incrementali di lungo periodo, con l’aggiunta di una maggiorazione per il recupero dei costi comuni. Inoltre, la metodologia stima i costi correnti che un ipotetico operatore efficiente sosterrebbe per costruire una rete moderna ed efficiente, di tipo NGA, tenendo conto delle infrastrutture riutilizzabili e della sostituzione degli elementi ottici rispetto a quelli della rete in rame.

Fortunatamente per i regolatori, e i lobbisti, l’applicazione di tali modelli consente diversi gradi di flessibilità attuativa, attraverso l’azione su una serie di possibili leve. Tra i driver che hanno un impatto più significativo si possono citare ad esempio il costo del capitale (Weighted Average Cost of Capital – WACC), la vita media delle componenti di rete, la dinamica dei costi, nonché le previsioni sulla domanda di servizi all’ingrosso.

A titolo esemplificativo, nel processo di approvazione delle nuove condizioni economiche il WACC è passato da una proposta di 6,28% a ottobre 2022 (decisamente più basso rispetto al precedente 8,64%), ad un’ipotesi a 7,56%, per infine stabilizzarsi a 7,40%. Per capire cosa significa, basti pensare che il valore del canone di ULL era previsto a 9,70 €/mese (ottobre 2022), è stato poi ipotizzato a 10,03 €/mese per finire a 9,91 €/mese (+2,2%).

Il caso del Sub Loop Unbundling

Era già chiaro agli esperti, ma la nuova Delibera lo ricorda in modo più esplicito: esiste anche la regolamentazione “creativa”, che introduce nel processo regolatorio aspetti di politica “industriale”.

Nell’ultima Analisi dei Mercati Rilevanti si decise di differenziare la vita utile della rete primaria rispetto a quella secondaria, quanto bastava a giustificare una significativa riduzione del prezzo del Sub Loop Unbundling. L’impatto atteso era di stimolare l’ulteriore accesso alle infrastrutture di TIM risalendo la scala degli investimenti fino al cabinet stradale. In particolare, sono stati Fastweb e Vodafone a cogliere questa opportunità, realizzando i propri cabinet accanto a quelli di TIM (con una copertura oggi di circa 30.000 cabinet sui 150.000 totali).

Nella consultazione di ottobre 2022, l’Autorità considerava che “una determinazione neutrale dei costi unitari dei servizi sulla rete in rame rispetto ai servizi su rete in fibra fosse maggiormente appropriata, […] favorendo così l’adozione dei servizi su rete completamente in fibra”. Traducendo, questo significa che la precedente decisione non era “neutrale” e guidata, quindi, da una finalità “incentivante” che avrebbe, probabilmente, dovuto richiedere una specifica analisi costi-benefici…

La decisione finale presenta però un piccolo colpo di scena, visto che il ritorno al passato (l’approccio “neutrale”) avrebbe portato ad un aumento del prezzo da 5,30 €/mese fino a 6,55 €/mese (+23,5%!). A questo punto è stata innescata la retromarcia, confermando l’approccio precedente, ma con il soccorso del nuovo WACC a 7,40%. Il numero magico diventa allora 5,89 €/mese (+11,13%), sostanzialmente a metà strada…

Il differenziale FTTC e FTTH

Le valutazioni sopra riportate si ripercuotono naturalmente anche sugli altri servizi.

L’intento dell’AGCom è stato chiaramente di ridurre ulteriormente il differenziale tra FTTC e FTTH, per rendere sempre più conveniente il passaggio ai servizi FTTH. In effetti, tale differenziale si è ormai ridotto a poco più di 1 €/mese. Nell’insieme, considerando anche le condizioni economiche di attivazione, i prezzi risultano ormai sostanzialmente allineati.

Non a caso, la maggior parte degli operatori tende attualmente ad offrire il servizio più avanzato disponibile ad un unico prezzo.

I prezzi per gli anni successivi, a partire dal 2024, verranno definiti nel quadro delle nuove analisi di mercato dell’AGCom, ma potrebbe essere utile un significativo aggiornamento delle previsioni (al 2026) contenute nella Delibera in oggetto, così come un’attenta analisi di impatto. In particolare, e nell’interesse del mercato, c’è da augurarsi un maggiore ottimismo nella valutazione della capacità competitiva di TIM.

Fig. 2 – Definizione dei prezzi dei servizi all’ingrosso (€/mese, 2023)

Fonte: Analisi PTS su dati AGCom, 2023

Vincitori e vinti

Per concludere, può essere interessante fare qualche considerazione sull’impatto della Delibera sui diversi stakeholders.

Per quanto riguarda TIM, è chiaro che un aumento generalizzato del prezzo dei servizi all’ingrosso (al netto della componente FTTH, peraltro ad oggi molto limitata) generi un impatto di breve periodo positivo, ma al contempo rende più attrattive le offerte FTTH dei concorrenti, oltre che stimolare la migrazione da FTTC a FTTH. In quanto operatore verticalmente integrato, l’impatto complessivo andrebbe, infine, valutato sommando gli effetti retail e wholesale.

Il principale concorrente all’ingrosso di TIM, Open Fiber, beneficia da un lato dell’aumento del prezzo dei servizi FTTC che rende ancora più attrattiva la propria offerta FTTH, ma dall’altro si troverà un’offerta FTTH all’ingrosso di TIM più competitiva (al di là di quanto avviene già nei comuni ritenuti “contendibili dall’AGCom”). Stesso discorso vale per Fastweb, che ha sviluppato nel tempo un’offerta wholesale competitiva.

Gli altri operatori retail subiranno un significativo aumento dei propri costi sui servizi rame e fibra-rame, mentre saranno più incentivati ad attivare servizi fibra, a maggior ragione viste le performance associate e l’orientamento del mercato in tale direzione.

L’ultimo quesito, probabilmente il più interessante, è però: cosa succederà ai prezzi dei servizi retail?

Da un lato, gli operatori continuano a lamentare l’insufficiente redditività della loro attività, ma, dall’altro, la pressione competitiva rimane molto elevata. Di conseguenza, assisteremo con ogni probabilità a comportamenti eterogenei dettati dagli obiettivi strategici delle singole aziende, in termini di conquista di quote di mercato o di difesa dei propri margini. Alcuni aumenti erano già stati annunciati, ma con la conferma degli aumenti sui servizi rame e fibra-rame non sarà facile mantenere l’attuale livello dei prezzi.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4