la guida

Software BPM: ecco le principali soluzioni per le aziende



Indirizzo copiato

La pianificazione, il monitoraggio e la gestione dei flussi aziendali è una disciplina vasta che può essere affrontata in diversi modi e mediante diversi software o piattaforme. Ecco 17 soluzioni per ogni tipo di business e organizzazione

Pubblicato il 10 mar 2023

Giuditta Mosca

Giornalista, esperta di tecnologia



software
(Immagine: https://pixabay.com/pixelcreatures)

Nell’affrontare il tema del Business process management (Bpm) ci siamo soffermati sullo stretto rapporto tra flussi, carichi di lavoro, collaboratori e digitalizzazione. Un quadrilatero i cui confini, se tracciati in modo opportuno, rendono le aziende più agili e consentono ai collaboratori di dare il meglio di loro stessi, con ricadute positive sia sul business propriamente detto sia sull’esperienza dei clienti. Tutti elementi necessari per imporsi sul mercato e coronare il successo di un progetto imprenditoriale.

Tra le tante soluzioni disponibili, ne abbiamo selezionate alcune in base a questi principi:

  • Installazione on-premise o soluzione cloud
  • Facilità d’uso
  • Possibilità di implementazione
  • Possibilità di integrazione con il software già presente nelle aziende

Non sono gli unici parametri importanti ma sono quelli che per primi vanno presi in considerazione da chi intende dotarsi di un software Bpm.

Va sottolineato che i software Business process management vivono dei dati attinti dalle anagrafiche, uno dei tesori che ogni azienda dovrebbe curare con devozione. La qualità dei risultati forniti da una piattaforma Bpm è (e sarà sempre) proporzionale alla qualità dei dati con cui è alimentata.

IBM Blueworks Live

Piattaforma in Cloud che, come tale, non necessita l’istallazione di software su dispositivi fissi o mobili. Permette agli utenti coinvolti di lavorare contemporaneamente e in collaborazione e non richiede nozioni di programmazione, consente infatti di mappare i processi già in uso e di crearne nuovi con pochi click. La comunicazione tra collaboratori avviene mediante messaggi istantanei e live feed, inseriti in un’interfaccia grafica chiara e di facile utilizzo e consultazione.

I modelli predefiniti sono un ottimo spunto da cui partire per progettare e dispiegare processi aziendali.

Esistono diverse licenze a seconda della soluzione scelta, che può essere provata gratuitamente per 30 giorni. Il prezzo minimo parte da 53 dollari per utente al mese (50,20 euro al cambio attuale).

Appian BPM Solution

È una soluzione SaaS e completamente fruibile via web che si smarca dalla concorrenza principalmente grazie a due aspetti: il primo è la facilità di integrazione coi sistemi esistenti, dai quali attinge le informazioni necessarie all’allestimento e al monitoraggio dei flussi. Il secondo è la reportistica in tempo reale che viene gestita e assemblata mediante un cruscotto di facile uso.

Non necessita di nozioni di programmazione e il funzionamento della piattaforma può essere personalizzato tramite il classico drag and drop, ossia trascinando gli elementi utili.

La versione Free, anche se limitata, permette di prendere dimestichezza con la piattaforma. I prezzi, rilasciati a chi ne fa richiesta, variano a seconda del numero di utenti e delle funzionalità.

Oracle Fusion Middleware

Per definizione, un middleware è un software che ne collega diversi. Tecnicamente, così come suggerisce il nome, si situa tra un sistema operativo e le applicazioni aziendali distribuite.

Nello specifico, Oracle Fusion Middleware non è propriamente un software Bpm ma una suite di prodotti e strumenti che consente di creare soluzioni ad-hoc. Una sorta di lavagna bianca sulla quale disegnare ciò che più serve al cliente finale. Gestisce lo sviluppo, la diffusione e il controllo di applicazioni che tengono conto degli accessi, della Business intelligence, della messaggistica e della collaborazione. Si tratta di quella che, in gergo, viene definita Service-Oriented Architecture (SoA) ed è improntata alla diffusione di servizi di diversa natura.

Oracle Fusion Middleware include soluzioni su web server o serve applicativi, può quindi fare al caso di quelle organizzazioni che vogliono trattenere dati e informazioni al loro interno. Tuttavia, per costruire un Bpm occorre una capacità di programmazione che è più confacente alle aziende grandi e strutturate.

Oracle BPM

È un’applicazione web-based che consente la creazione di processi aziendali e si inserisce nella suite Oracle Fusion Middleware citata sopra. Votata all’intuitività e alla modellazione dei flussi, consente la collaborazione tra tutti gli attori coinvolti, siano questi collaboratori, dipendenti, analisi o sviluppatori di processo.

Particolarmente indicata quando ci sono processi ancora non strutturati giacché consente di analizzare e monitorare ogni situazione in tempo reale, aiutando così a dare forma anche ai processi che esigono maggiore elasticità e non possono essere circoscritti in modo chiaro, poiché variabili a seconda del contesto in cui sono inseriti e delle condizioni che si vengono a creare.

Anche in questo caso, le politiche di prezzo sottostanno alle logiche di Oracle, non sempre economiche e per lo più appannaggio di realtà aziendali almeno medio-grandi.

KiSSFLOW BPM Solution

Soluzione SaaS che copre ogni comparto aziendale e che prevede, oltre alla creazione di schemi e flussi ex-novo, anche la possibilità di partire da template personalizzabili e che guidano attraverso qualsivoglia procedura aziendale guardando tanto ai flussi interni quanto a quelli esterni.

Rientra nelle soluzioni no-code e, come tale, non richiede nozioni di programmazione. Lavora con form visuali e considera l’assegnazione algoritmica di task, individuando le risorse più adatte a ogni singolo scenario.

Favorisce la collaborazione, il reporting e l’integrazione con software di terze parti. È usata da oltre 10mila aziende, alcune della quali di caratura internazionale, proprio per via della sua duttilità.

È possibile organizzare una demo gratuita. La politica di prezzo varia a seconda del pacchetto scelto. Si parte dai 3.600 dollari per la versione Small business (minimo 20 utenti) ai 24mila dollari annui (minimo 100 utenti) per la versione Corporate. La versione Enterprise, destinata ad aziende di grandi dimensioni, ha un prezzo che varia a seconda delle funzionalità e del numero di utenti.

BP3 Brazos Platform

Si tratta di una soluzione web che è orientata all’automazione dei processi (Robotic process automation, Rpa) e che ben si presta a essere declinata all’uso dell’ingegnerizzazione dei processi intesi come singole entità che conducono alla presa di decisione. Considerarla soltanto una piattaforma Bpm è restrittivo, perché guarda oltre e punta all’automazione propriamente detta. L’Rpa è comunque molto affine alla pianificazione e al monitoraggio dei flussi aziendali, perché funziona al meglio nei contesti digitalizzati e nei quali ci sono dati esaustivi per qualità e quantità.

I prezzi sono divulgati a chi ne fa richiesta.

Bonitasoft Bonita

Altra soluzione che si presta all’ingegnerizzazione dei flussi e anche alla loro automazione. Esiste in due versioni, ovvero Community ed Enterprise.

La prima, prelevabile gratuitamente, può essere installata su sistemi Unix, macOs e Windows. È Open source e quindi gestita da una comunità fatta di utenti e appassionati.

La versione Enterprise, a pagamento, offre un servizio professionale di assistenza e scenari, cruscotti e template pronti all’uso.

Abbiamo selezionato Bonitasoft proprio perché, nella versione gratuita, è completamente personalizzabile e può adattarsi a tutte le esigenze di qualsivoglia impresa. Una piattaforma gratuita che però necessita del lavoro di un gruppo di programmatori per essere messa in produzione, cosa facilitata da un ambiente runtime proprietario e che può essere installata on-premise e aperta al web, grazie a Tomcat, webserver Open source di Apache.

Pega Systems Software Solution

Azienda con sede principale a Cambridge (Massachusetts) e uffici anche a Milano, offre soluzioni che vanno dall’ingegnerizzazione dei processi aziendali fino alla loro automazione. Permette lo sviluppo di applicazioni low-code e si presta molto bene all’integrazione con i software già in uso, oltre a essere utilizzabile in Cloud.

Permette anche l’installazione on-premise e, in questo caso, lascia ampio margine di scelta per quanto riguarda il database relazionale da associare alla piattaforma, contemplando anche il mondo z/OS grazie a IBM DB2. Altrettanto vale per il webserver che può essere scelto tra diversi a pagamento od Open source.

Altri prodotti Pega Systems riguardano la gestione e l’assistenza dei clienti, andando così a formare una suite di software capaci di coprire tutte le esigenze aziendali. La sua modularità è un fattore che abbiamo interpretato come positivo.

Può essere provata gratuitamente, così come è possibile organizzare un demo online. Le politiche di prezzo vengono comunicate a chi ne fa richiesta.

ProcessMaker

Usufruibile via web, ha dalla sua una predilezione per la scalabilità. Aggiungere utenti o processi è estremamente facile, così come lo è assegnare diritti di accesso a ogni singolo utilizzatore. Pensata per le collaborazioni su flussi complessi, mantiene lo status di low-code grazie alla quantità di Api disponibili che mette in condizione chi ne fa uso di integrare ProcessMaker con qualsivoglia software già in dotazione all’azienda.

Offre un periodo di prova gratuito e i prezzi vengono forniti su richiesta.

Emakin

È tra le soluzioni più complete che si possano trovare. Copre ogni ambito vitale, dalla pianificazione dei processi al loro monitoraggio, garantendo analisi e statistiche che si spingono fino all’interazione tra gli utenti coinvolti in ogni singolo flusso.

Concepita in Cloud e per non richiedere l’intervento di programmatori, offre una nutrita quantità di Api ed è elastica al punto da potere essere integrata in qualsiasi realtà aziendale.

C’è la possibilità di assistere a una demo online. I prezzi sono riservati a chi ne fa richiesta.

K2 (Legacy)

Piattaforma prodotta da Nintex e orientata alla legacy, ossia alla digitalizzazione dei processi già esistenti e per lo più intesi ancora come analogici.

Oltre a mappare i processi e a essere dotata di connettori per la Rpa, ha una vocazione più analitica che orientata alla programmazione. Permette infatti di disegnare e ridisegnare flussi ed è valido strumento per il dispiego di flussi automatizzati in tutta l’azienda.

Composta da diversi moduli suddivisi nei pacchetti Pro (da 25mila dollari l’anno) e Premium (da 50mila dollari l’anno), esiste anche nella versione Custom che, a differenza delle altre due, può essere installata on-premise.

Promapp

Altra soluzione fornita da Nintex orientata alla governance dei processi e all’automazione definita Rpa attended e unattended, ossia che non necessita dell’intervento dell’uomo per procedere. Per chiarezza, specifichiamo che la RPA attended, al contrario, lavora in collaborazione con l’uomo e un caso di applicazione classico è legato ai virtual assistant i quali rispondono o reagiscono a fronte di domande o richieste specifiche.

Zvolv

Zvolv è una soluzione no-code per quanto riguarda la creazione e la gestione dei flussi e, in modalità low-code, è anche capace di creare bot per l’automazione dei compiti. La comunicazione tra tutte le parti coinvolte in un processo è affidata a tool visuali che mostrano lo stato di avanzamento di ogni singolo compito.

Mette a disposizione tre piani, il primo dei quali gratuito ma limitato a 10 utenti e a processi fino a 25 blocchi (Zblocks, nickname assegnato alle fasi di un flusso). Il piano Business parte da 2.000 dollari al mese e per il piano Enterprise, destinato alle aziende i cui flussi possono essere di elevata complessità, i prezzi vengono rivelati su richiesta. È possibile organizzare una demo online per comprendere le potenzialità della piattaforma.

Bizagi BPM Suite

Quella creata da Bizagi è una piattaforma che si distingue per la capacità di analizzare in profondità i processi fino a scovarne potenzialità inespresse. Orientata anche all’automazione che permette di realizzare in modalità low-code, punta molto sulla velocità di sviluppo e di adozione di procedure e applicazioni. La piattaforma è in Cloud e scalabile, oltre a permettere di connettere database e applicazioni di terze parti.

Generali, che usa la piattaforma, ha rilasciato una propria considerazione sull’uso, dichiarando di essere stata in grado di automatizzare 38 processi in sei mesi, risparmiando il 90% dei costi grazie alla possibilità di riutilizzare i medesimi processi con obiettivi e finalità diverse.

Alfresco Process Services (powered by Activiti)

Soluzione basata sul motore Open source Activiti, si dimostra molto flessibile proprio in virtù della sua natura Open. Alfresco offre un’ampia gamma di soluzioni per il business e Process Services può integrarsi con ognuna di esse, motivo che può indurre quelle aziende che già ne fanno uso a optare per questa soluzione di analisi, gestione e automazione dei flussi.

Esistono diversi pacchetti i cui prezzi fanno leva su una logica di licenza per utente.

Blueprint Business Transformation Platform

Soluzione modulare che suddivide la migrazione dei processi da analogici a digitali, la loro analisi e, infine, la loro ottimizzazione.

Si pone come middleware al di sopra di sistemi e soluzioni Microsoft ed è pensata soprattutto per le imprese che necessitano una rivisitazione radicale dei propri flussi, alle quali mette a disposizione tecnologie no-code per ottenere anche l’automazione e la digitalizzazione di processi.

C’è la possibilità di organizzare una demo, mentre sui prezzi vige un elevato riserbo.

PMG Digital Business Platform

Un’altra soluzione a tutto tondo che usa l’analisi dei processi nella prospettiva della loro automazione. Oltre a facilitare lo sviluppo dei flussi aziendali si fa carico di gestire le attività che non possono essere definite di routine, quindi non sempre ricorrenti e non sempre da svolgere nel medesimo modo. Per esempio, permette la prototipazione, a seconda dei casi, di processi manuali, semi-automatici o automatici. Inoltre, laddove la soluzione viene usata anche al di fuori dall’azienda – se, per esempio, la si estende a fornitori e altri stakeholder, tiene conto dei service level agreement (Sla) per controllare che le metriche di servizio siano rispettate.

Gli strumenti di analisi e di reporting sono visuali, si tratta di una piattaforma low-code, e favoriscono la collaborazione tra tutte le parti coinvolte.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3