Le norme

Crisi d’impresa, cos’è la composizione negoziata e perché è un’opportunità importante

Si è appena conclusa la prima tappa della riforma della crisi di impresa, che rappresenta una grande opportunità per gli imprenditori, per gestire anche le crisi causate anche dalla pandemia. Il primo step riguarda la composizione negoziata della crisi. Ecco come funziona

15 Dic 2021
Davide Bedini

commercialista

impresa digitale

La riforma della crisi di impresa si snoderà attraverso un percorso “a tappe”, che vedrà il suo termine nel giro di due anni. Il decreto dello scorso 5 agosto ha varato il calendario per l’entrata in vigore delle singole misure.

In questi giorni si è concluso il primo importantissimo step riguardante la composizione negoziata della crisi.

Quest’ultima si annuncia come una vera svolta nei percorsi di risanamento, in quanto non prevede limiti dimensionali (potranno accedervi, infatti, anche le aziende più piccole). Si tratta di un percorso volontario, extragiudiziale, che prevede la figura dell’imprenditore che decide di adottare questa strada (e che mantiene la gestione dell’impresa), e dell’esperto indipendente che supporta l’imprenditore nella identificazione di possibili soluzioni nonché nelle trattative con i creditori.

Crisi di impresa e ruolo dei professionisti: cosa dice il nuovo Codice (CCI)

Procedura di composizione negoziata per la soluzione della crisi di impresa

La procedura, che ha carattere volontario ed extragiudiziale, si apre con l’istanza dell’imprenditore commerciale o agricolo che si trovi in uno stato di squilibrio patrimoniale, economico o finanziario tale da rendere possibile uno stato di crisi o di insolvenza.

WEBINAR
Massimizza l’investimento in cloud in 5 step

L’imprenditore, per valutare la propria situazione di squilibrio, al fine di valutare l’inizio di tale procedura, può facilmente ricorrere a un test di autovalutazione presente nella piattaforma telematica nazionale creata dalle Camere di Commercio.

Una volta effettuato il test, resosi conto della propria situazione patrimoniale, economico e finanziaria, l’imprenditore potrà discrezionalmente decidere se:

  • non utilizzare la procedura di composizione negoziata;
  • decidere di usufruire della procedura di composizione negoziata.

Nel caso in cui l’imprenditore optasse per la prima ipotesi, avrebbe naturalmente a disposizione tutti gli altri strumenti di gestione della crisi previsti dall’attuale normativa, quali per esempio: fallimento, concordato preventivo, accordo di ristrutturazione dei debiti eccetera.

Nel caso in cui, invece, l’imprenditore scegliesse la seconda ipotesi, si procederebbe con la nomina dell’esperto (scelto nell’elenco della Camera di Commercio cui possono iscriversi dottori commercialisti, avvocati, consulenti del lavoro iscritti da almeno cinque anni all’albo e che abbiano esperienza in ristrutturazioni aziendali), come disposto dall’art. 5 comma 1 del decreto 118/2021 del 5 agosto, che dispone:

“L’istanza di nomina dell’esperto indipendente è presentata tramite la piattaforma telematica di cui all’articolo 3 mediante la compilazione di un modello, ivi disponibile, contenente le informazioni utili ai fini della nomina e dello svolgimento dell’incarico da parte dell’esperto nominato.”

La nomina l’esperto

Entro due giorni lavorativi, il segretario generale della Camera di Commercio, deve trasmettere l’istanza alla commissione istituita presso la Camera di Commercio stessa. In seguito, ed entro 5 giorni, la commissione nomina l’esperto, il quale potrà accettare o meno: in quest’ultimo caso si provvederebbe ad una nuova nomina. Si specifica, inoltre, che non è possibile avere più di due incarichi contemporaneamente.

Nel caso di accettazione dell’incarico, l’esperto è chiamato a valutare le prospettive di risanamento. Può effettuare, nel caso in cui l’imprenditore non l’abbia già fatto in precedenza, il test di autoanalisi della piattaforma telematica per una verifica preliminare sulla perseguibilità del risanamento.

Nel caso in cui tale test fosse già stato fatto, l’esperto può verificarlo al fine di ottenere un quadro più completo del caso.

A questo punto, si apre una duplice opzione.

Piano di risanamento dell’imprenditore

Se le prospettive di superamento della crisi sono concrete, l’esperto provvede ad esaminare il piano di risanamento fatto dall’imprenditore. Inoltre, quest’ultimo redige una relazione finale, la inserisce nella piattaforma e la comunica all’imprenditore.

A questo punto, sarà possibile concludere una convenzione di moratoria, un contratto con uno o più creditori che assicuri la continuità aziendale per almeno 2 anni, oppure un accordo tra imprenditore creditori ed esperto che produca gli effetti di un piano di risanamento.

Senza prospettive di superamento della crisi

Se, a seguito dell’analisi dell’esperto, non si ravvisano le prospettive di risanamento (o per inadeguatezza del piano o per eccessivo squilibrio economico finanziario), l’esperto lo comunica al segretario generale della Camera di Commercio, l’istanza viene archiviata e l’imprenditore potrà presentare una nuova istanza non prima di un anno.

La piattaforma delle Camere di Commercio

L’attuazione di tale procedura, per il momento, procede con i ritmi stabiliti. Dal 15 novembre, infatti, è operativa la piattaforma telematica nazionale delle Camere di Commercio per la composizione negoziata della crisi d’impresa [2].

La piattaforma camerale è composta da due aree, una pubblica di tipo informativo e l’altra “riservata” alle istanze formali, che guidano passo dopo passo l’imprenditore al fine di raggiungere, se ne esistono le condizioni, il risanamento aziendale.

A tale procedura, vantaggiosa per tutti i motivi esposti in precedenza, si aggiungeranno altre norme nel corso del tempo.

Le altre norme in arrivo

In particolare, a partire dal 16 maggio 2022 è prevista l’entrata in vigore di tutte le norme del codice della crisi, ad eccezione di quelle relative il sistema di allerta. Quest’ultimo, in particolare, è stato molto discusso soprattutto in ragione del difficile momento economico caratterizzato dalla pandemia da Covid-19. L’introduzione di tale sistema nell’attuale contesto economico avrebbe causato problemi di non facile risoluzione.

Per tali motivi, il meccanismo di allerta automatico (basato sul superamento di determinati indicatori previsti dal codice della crisi) è stato previsto a partire dal 31 dicembre 2023.

L’introduzione delle norme del codice della crisi avrà un impatto notevole sul sistema produttivo e su tutti i professionisti impegnati giornalmente su tali tematiche. Ciò che per ora sembra certo è che la composizione negoziata della crisi sia una grande opportunità per moltissimi imprenditori in difficoltà, anche a causa della pandemia da Covid -19.

Note

  1. Il Rapporto PMI 2021 di Cerved e Confindustria stima che quando i sostegni verranno meno, la quota di PMI con alta probabilità di default a dodici mesi salirà dal 9,2% al 14,7%.
  2. Unioncamere – Comunicato 12 novembre 2021.
WHITEPAPER
Scopri come ottenere un’architettura dati innovativa per tutta l’enterprise
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2