il rapporto

Il mercato del FinTech in Italia: evoluzione e spunti per la crescita

Nonostante un gap ancora evidente con i principali competitor europei, il mercato Fintech italiano presenta buone prospettive di crescita. I dati principali sullo stato dell’arte e le direttrici di crescita future nel rapporto “FinTech waves – The Italian FinTech ecosystem”, realizzato da EY e Fintech District

Pubblicato il 11 Nov 2020

Luca Cosentino

Partner EY, Strategy and Transactions

Alessandro Longoni

Head Fintech District

Federico Thiella

Innovation & FinTech Senior Consultant EY

Financial technology concept. Technological abstract background.

L’ecosistema FinTech italiano sta mostrando segnali di crescita, sia dal punto di vista del numero di operatori sia sul fronte investimenti. Lo evidenzia il report “FinTech waves – The Italian FinTech ecosystem”, realizzato da EY e Fintech District, che mostra come il numero di startup sia cresciuto passando dalle 16 del 2011 alle quasi 350 del 2020 ed evidenzia come vi siano molti fattori che consentono di guardare con ottimismo alle prospettive di crescita del FinTech in Italia

I volumi di investimento nel segmento Fintech

I volumi di investimento nel segmento FinTech in Italia risultano in netta crescita, sebbene il gap con Paesi europei quali Francia, UK e Germania – seppur ridotto rispetto al passato – rimanga evidente. Il contesto italiano è caratterizzato da diverse e interessanti condizioni economiche e demografiche che rappresentano un’opportunità per lo sviluppo e la diffusione di servizi FinTech, soprattutto a Milano, dove hanno sede circa metà delle startup italiane e che conferma il proprio ruolo di aggregatore e promotore della crescita del mercato.

INFOGRAFICA
Come sfruttare al meglio i fondi del PNRR per rinnovare gli impianti idrici
IoT
Manifatturiero/Produzione

Tra questi, vi è il crescente grado di collaborazione tra gli “incumbent” (ovvero gli operatori finanziari tradizionali) e le startup digitali. I primi infatti, che fino a qualche anno fa sembravano percepire le FinTech quasi come una minaccia al mantenimento delle loro quote di mercato, di recente mostrano sempre più segnali di apertura verso nuove forme di partnership strategiche o investimenti diretti in startup digitali, che possono rivelarsi un metodo efficace per aumentare la redditività e l’efficienza dei propri business model.

Relativamente alla raccolta di nuovi capitali sul mercato, dall’analisi congiunta EY-Fintech District è emerso come il tema dimensionale rappresenti uno dei principali limiti allo sviluppo dell’ecosistema FinTech italiano. La maggior parte delle FinTech italiane è ancora in una fase di crescita intermedia (80% in fase Seed, Early Stage ed Early Growth) e sono rari i casi di startup che sono riuscite a concludere diversi funding round.

L’aspetto dimensionale è evidente anche se si guarda alla magnitudo delle operazioni di fundraising: il 56% delle FinTech intervistate ha raccolto meno di 1 milione di euro di finanziamenti e solamente il 20% riporta operazioni di fundraising superiori ai 5 milioni. Questo dato, se comparato a quello di altri mercati come quello anglosassone ed americano, evidenzia la ridotta dimensione del mercato italiano.

Supply e demand trainano il mercato

Due sono le ragioni per cui il mercato italiano del FinTech risulta essere in crescita, anche se ancora contenuto dal punto di vista dimensionale: supply e demand.

Dal punto di vista dell’offerta, in Italia il mondo degli investitori finanziari come Venture Capital e Corporate Venture Capital si è fino ad ora limitato alla presenza di pochi player. Solo ultimamente stiamo assistendo a un trend positivo, che vede un maggior numero di operatori entrare nel mercato, pronti a finanziare e investire nell’ecosistema italiano.

Lato domanda, uno dei principali limiti allo sviluppo del FinTech italiano è riconducibile, in alcuni casi, a una mancata scalabilità del business a livello internazionale, un elemento chiave che gli investitori istituzionali ricercano in una startup per poter raggiungere in breve tempo il “break-even point” e la massa critica di utenti necessaria a ottenere il cosiddetto “effetto network”.

Il mancato ricorso al mercato dei capitali per il fundraising è evidenziato dal fatto che le fonti principali di finanziamento utilizzate dalle Fintech italiane sono spesso le risorse personali dei founders, dei cosiddetti family & friends, o dei business angels.

Per le ambizioni future delle startup, tuttavia, si registra un desiderio di raccolta fondi da Venture Capital nazionali e internazionali.

Al crowdfunding, strumento di fundraising utilizzato recentemente con successo da alcune FinTech italiane, ricorrono circa il 10% delle startup. Nonostante sia uno strumento utile, soprattutto per lo sviluppo delle startup nelle loro fasi iniziali, il crowdfunding non ha ancora raggiunto lo stesso tasso di impiego dei business angels e delle risorse personali dei founders.

Nonostante un valore assoluto degli investimenti ancora limitato a livello italiano, nel 2018 e nel 2019 si è assistito a una crescita importante dei volumi: nel 2018 i fondi raccolti sono quadruplicati rispetto all’anno precedente, passando da 54 a 200 milioni di euro, per toccare quota 261 milioni nel 2019, registrando un CAGR (ovvero il tasso annuo di crescita composto) pari al +62%. Nell’ultimo biennio infatti, nei segmenti dei pagamenti, delle insurtech e dei servizi alle PMI, si sono registrati casi di aumento di capitale importanti, fino a qualche anno fa impensabili.

L’attività di fundraising delle startup FinTech italiane nel 2020

Nel 2020, nonostante l’avvento del Covid-19, l’attività di fundraising delle startup FinTech italiane ha mostrato segnali di resilienza. Secondo i dati della ricerca EY-Fintech District, nei primi nove mesi dell’anno in corso sono state effettuate operazioni per circa 90 milioni di euro. Un dato lontano dai numeri del 2019, ma comunque importante.

Sebbene infatti alcune operazioni di aumento di capitale siano state posticipate e altre siano state concluse ad importi inferiori rispetto ai target prefissati, non sono mancate alcune importanti storie di successo, con fundraising che, in alcuni casi, hanno raggiunto decine di milioni di euro.

Molti fondi di Venture Capital, che durante i mesi centrali della pandemia si sono spesso concentrati sul migliorare le performance delle aziende in portafoglio, oggi si stanno aprendo a nuove opportunità di investimento. Il mercato degli investitori mostra dunque segnali di ripresa e, complice la crescente domanda di digitalizzazione delle imprese, il mondo FinTech può godere di un traino positivo per la propria crescita.

Sul fronte investitori finanziari, la sfida per le startup italiane sarà quella di dimostrarsi pronte al dialogo, valorizzando gli elementi di maggior interesse per questi soggetti. Come primo aspetto, le FinTech dovranno mettere in luce una chiara visione degli obiettivi e del percorso di raggiungimento del break-even, tramite un business model scalabile non solo a livello nazionale, ma anche internazionale, e che permetta una chiara definizione di exit strategy per l’investitore. In aggiunta, data la caratteristica tecnologica intrinseca delle FinTech, sarà importante valorizzare le proprie competenze in campo tecnologico, avendo ben chiari i pro e i contro di una strategia di sviluppo software interna rispetto ad una esterna all’azienda, anche questo un fattore importante dal punto di vista della replicabilità e della scalabilità. La tecnologia, infatti, è l’elemento fondamentale che porta le FinTech ad avere un vantaggio competitivo rispetto ai propri competitor e agli incumbent. Infine, un aspetto spesso analizzato con attenzione dai fondi d’investimento riguarda la cosiddetta “revenue traction”, ovvero quel segnale del fatto che la società stia ottenendo riscontri effettivi sul mercato e che il business plan venga effettivamente validato dagli stakeholder ai vari checkpoint temporali, tramite risultati concreti.

Uno sguardo al futuro

Per il futuro dell’ecosistema FinTech italiano, come evidenziato nel report “Fintech waves – The Italian FinTech ecosystem”, è sempre più importante lavorare a livello sistemico sulla cooperazione tra operatori tradizionali e nuovi player. La coopetizione tra FinTech e incumbent sarà il primo driver di disruption nel settore finanziario e gli istituti finanziari che meglio sapranno collaborare e far leva sulle soluzioni FinTech trionferanno sul mercato. Gli ostacoli rappresentati dalla presenza dei sistemi legacy e dalle lente procedure burocratiche dovranno essere superati e la collaborazione sarà un elemento fondamentale per la mutua sopravvivenza e successo dei player tradizionali e delle FinTech italiane.

In conclusione, come è emerso dalla survey curata da EY e dal Fintech District, vi sono diversi elementi che permettono di maturare aspettative ottimistiche relativamente alla crescita del FinTech in Italia. Tuttavia, serviranno sempre più casi di successo, sia in termini di importi dei funding round, sia in termini di exit, e l’elaborazione di agevolazioni fiscali in tema di investimenti potrà ulteriormente favorire lo sviluppo di questo mercato, facendo da volano per l’intero ecosistema FinTech italiano.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati