Indagine fapav

La pirateria audiovisiva cambia pelle: cosa fare per difendere un settore strategico

Cresce l’incidenza complessiva della pirateria tra la popolazione adulta e gli adolescenti, sebbene si registri un calo nella frequenza degli atti. In aumento i danni economici. Fondamentale proseguire il lavoro di questi anni per tutelare la filiera economica

29 Giu 2022
Federico Bagnoli Rossi

Segretario Generale FAPAV

piracy-100022722-large

La pirateria audiovisiva è un fenomeno in continua trasformazione e che è necessario approfondire nelle sue evoluzioni al fine di elaborare le migliori strategie di contrasto sia dal punto di vista dell’enforcement che della comunicazione, fondamentali soprattutto in questa fase di ripartenza del settore dopo l’emergenza pandemica.

Diritto d’autore, servono nuove norme contro la pirateria: le proposte

L’indagine Fapav

L’indagine periodica realizzata da Ipsos per FAPAV e presentata quest’anno in occasione degli “Stati generali della lotta alla pirateria tra legalità e sicurezza”, rivela un aumento dell’incidenza complessiva della pirateria tra la popolazione adulta, che ora si attesta al 43% rispetto al 37% della precedente rilevazione.

Contestualmente viene però registrato un importante calo nel numero di contenuti audiovisivi piratati, ossia 315 milioni nel 2021, ben il 24% in meno rispetto al 2019. Sostanzialmente la pirateria avanza in termini di audience ma decresce sotto il profilo della frequenza.

Anche tra gli adolescenti si conferma la medesima tendenza, con l’incidenza, tra i 10-14enni, che sale al 51% mentre risulta in calo la frequenza degli atti di pirateria (-20%).

Una connotazione giovanile continua a caratterizzare il profilo sociodemografico dei pirati in Italia: il 37% dei pirati ha fino a 35 anni, a fronte del 27% sul totale popolazione 15+.

La tipologia dei contenuti piratati e i danni economici

A livello di tipologia di contenuti, i film restano il contenuto più visto illecitamente, seguiti dalle serie. Desta forte preoccupazione la crescita della fruizione del contenuto sportivo live, che sale al 15% rispetto al 10% del 2019.

Tra le modalità di fruizione illecita, risulta ancora in crescita il numero di chi ha fruito almeno una volta delle IPTV illecite, più che raddoppiato in due anni (23% del 2021 vs 10% del 2019). Come rivelato anche dalle più recenti operazioni condotte dalle Forze dell’Ordine si tratta di una tipologia di pirateria dietro la quale si nascondono vere e proprie realtà criminali e un giro d’affari imponente. Seppur generalmente consapevole dei danni che il ricorso alle IPTV illegali può generare su economia e società (76%), una metà di coloro che piratano tramite IPTV non appare cosciente dell’illiceità di tale pratica (48%).

Allarmanti i dati sul fronte economico: il danno potenziale della pirateria è pari a 673 milioni di euro per l’industria audiovisiva mentre a livello di Sistema Paese la cifra sale a 1.7 miliardi di euro. I posti di lavoro a rischio sono 9400.

Per la prima volta, l’indagine FAPAV/Ipsos ha stimato anche i danni causati dalla pirateria degli eventi sportivi live che ammontano a 267 milioni di euro.

La consapevolezza dell’illegalità del fenomeno

A livello di percezione, si conferma la diffusa consapevolezza dell’illegalità del fenomeno tra i pirati: più del 75% dichiara di esserlo e oltre la metà ritiene probabile essere scoperto e punito (52% tra gli adulti e 57% tra gli adolescenti). Un dato in crescita anche tra gli adolescenti, dopo che nel 2019 si era evidenziata una crescita sul segmento adulto.

Oltre alle necessarie azioni di enforcement, è pertanto fondamentale che vengano attuate iniziative sinergiche di comunicazione come, ad esempio, la recente campagna “We Are Stories”, promossa da FAPAV a tutela e sostegno dell’intera industria audiovisiva, insieme a ANEC, ANICA, APA, MPA e UNIVIDEO.

Rispetto alle forme di deterrenza si registra che il 36% dei pirati si è trovato nell’ultimo anno davanti a siti web illegali oscurati e di questi il 43% ha scelto di ricorrere ad un’alternativa lecita (pay-tv e streaming legale in primis).

Aumenta anche la consapevolezza dei rischi derivanti dalla pirateria: il 70% dei pirati (sia adulti che adolescenti) è a conoscenza che attraverso il download e lo streaming vi è la possibilità di infettare il proprio computer e di compromettere la propria sicurezza informatica. Le conseguenze allarmanti della pirateria non riguardano infatti solo il fronte economico e industriale ma anche la sicurezza stessa degli utenti.

Le priorità istituzionali

Sul fronte delle priorità istituzionali c’è grande interesse e attenzione nei confronti del testo unificato sui Disegni di Legge in tema di contrasto alla pirateria e l’auspicio è che l’iter possa proseguire speditamente portando ad un necessario adeguamento degli strumenti a disposizione.

Massima è l’attenzione anche sul fronte istituzionale europeo per quanto riguarda nello specifico il Digital Services Act e le novità che dovrebbero esserci nei prossimi mesi.

Il nostro Paese è quello in Europa con il maggior numero di strumenti d’azione ma è necessario non restare indietro e aggiornare continuamente le metodologie e il know how tecnologico per garantire una solida base di regole certe a sostegno dell’intera filiera.

Conclusioni

La filiera industriale audiovisiva, che va dal settore cinematografico a quello televisivo, passando per l’esercizio, l’home entertainment e le piattaforme digitali rappresenta un tassello importante dell’economia del nostro Paese, proprio perché dietro un contenuto audiovisivo esiste un apparato industriale che investe, innova, include e occupa migliaia di professionisti e, come tale, deve essere tutelato nel modo migliore.

È fondamentale, pertanto, proseguire il lavoro di questi anni e introdurre tutte quelle azioni necessarie per consentire alle industrie audiovisive di continuare a crescere contribuendo così ad innalzare il valore e il prestigio creativo ed economico della cultura italiana nel mondo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4