pnrr

L’agrifood-tech decolla, ma non in Italia: cosa serve per il salto di qualità

Il Paese dovrebbe investire almeno 50 volte di più nel settore agrifood tech, ma nessuno sembra accorgersene. Ci penserà, dunque, il Piano Nazionale di Resilienza e Resistenza a rimediare? Non proprio, a meno di modifiche. Ecco allora cosa serve per rendere l’Italia un player di primo rango

22 Mar 2021
Peter Kruger

Founder and Managing Partner at AgFood Ventures

img_agricoltura_1280x720-1

L’Italia è il leader indiscusso della food experience mondiale. Il settore agroalimentare nazionale, nella sua più ampia articolazione, dalle campagne agli scaffali commerciali, genera un volume d’affari di circa mezzo trilione di euro (25% del PIL italiano. CREA, 2021).

Eppure, quando si parla di startup agrifood, il Paese rimane drammaticamente fanalino di coda. E non è cosa da poco. Il venture capital agrifood è in pieno boom mondiale (soprattutto in questo ultimo anno di pandemia). In altre parole, ci stiamo lasciando scappare un’opportunità unica di crescita per il Paese.

Ci penserà, dunque, il Piano Nazionale di Resilienza e Resistenza a metterci una toppa? Ricredetevi.

L’agrifood-tech nazionale e lo scenario globale

Ok, ma prima di guardare alle pecche del nostro piano (o, per lo meno, di quel poco che ne sappiamo), torniamo alle basi. Cominciamo a vedere come l’agrifood-tech nazionale si confronta con quello globale.

WHITEPAPER
Robot intelligenti: i vantaggi nei progetti di automazione nell'Industry4.0
Industria 4.0
Realtà virtuale

Rapidamente, per punti:

  • L’anno della pandemia è stato un anno record. Nel 2020 le startup agrifood hanno visto investimenti per un totale di circa 30 miliardi di dollari a livello globale. Ciò rappresenta una crescita di oltre 30% sull’anno precedente (AgFunder, 2021)
  • La crescita dell’agrifood va messa a confronto con una crescita media durante l’anno della pandemia di solo 4% degli investimenti globali nel venture capital (300 miliardi di dollari nel 2020) (Crunchbase, 2021).
  • Gli investimenti di VC in agrifood rappresentano il 10% del totale degli investimenti venture capital globali. Questo ne fa uno dei settori più rilevanti, ormai comparabile con settori più consolidati come il biotech, il fintech ecc..

  • Tuttavia, a fronte di questa enorme rilevanza del settore, nel 2019 l’Italia ha visto appena 21 milioni di dollari di investimenti (su un totale a livello globale pari a 20 miliardi). In pratica, le startup agrifood italiane, nel 2019, hanno raccolto appena lo 0.1% del capitale investito a livello globale nel settore (AgFunder, 2020).
  • In Europa, nel 2019, l’Italia si collocava al numero 14 per capitale raccolto dalle startup agrifood. Per un confronto, la sola Spagna ha visto 20 volte il capitale investito (AgFunder, 2020).

Le colpe e i costi del ritardo italiano

Molti si domandano se questo ritardo sia colpa della scarsa qualità delle startup agrifood italiane. Nulla di più falso. Nonostante i limiti drammatici di accesso al capitale, l’Italia è già capace di produrre leader mondiali. A titolo indicativo, si prenda ad esempio la classifica globale FoodTech 500 fatta da Forward Fooding: le startup agrifood italiane nel 2020 rappresentavano il 6.8% del totale globale (da confrontare con appena lo 0.1% del capitale raccolto, di cui sopra).

In altre parole, il potenziale di capitale che potrebbe essere raccolto dalle startup agrifood nazionali è circa 50 volte superiore a quanto attualmente allocato dal mercato.

O se volete, già oggi, l’Italia presenta il potenziale per allocare circa 1 miliardo di dollari all’anno in venture capital destinato a startup agrifood (ripeto: solo startup agrifood!).

Cosa perde l’Italia per questa mancata allocazione? Il costo è enorme. Basti pensare che per ogni dollaro investito in venture capital (sano), il ritorno di lungo temine è superiore a 6 dollari di ricavi annui (source: IHS, 2011). Detto in soldoni, stiamo già perdendo quasi mezzo punto percentuale di PIL a lungo termine (20-30 anni). E ciò solo per via dei benefici diretti. Se poi considerassimo anche i benefici al sistema produttivo agroalimentare, dove le innovazioni agrifood-tech comportano incrementi di ricavi ed efficientamento dei costi superiori alle due cifre percentuali, il prezzo che rischiamo di pagare si fa molto più alto (quanto fa, ad esempio, il 10% di mezzo trilione di euro? Almeno tre punti percentuali di PIL).

E non finisce qui. L’Italia, che rappresenta il secondo o terzo produttore agrifood EU (a secondo dei metodi di calcolo), corre seri rischi di irrilevanza a fronte dei mutamenti strutturali a livello globale nei metodi produttivi e nella domanda.

L’agri-food tech nel PNRR

Ora, scorrendo il nostro Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, il tema “agricoltura” appare con 30 parole, il tema “agroalimentare” con 11 parole e “ristorazione” con zero (nell’anno della pandemia, sic). In totale, dalle nostre stime, questi temi raccolgono stanziamenti Next Generation EU per meno di 4 miliardi di euro, cioè meno del 2% dell’intero piano nazionale. Un po’ poco per un settore che, in tutte le sue articolazioni dal campo fino alla ristorazione e al retail, cuba oltre mezzo trilione di euro l’anno.

E che dire dell’agrifood-tech? Zero carbonella, come si dice a Roma. Eppure, il Next Generation EU è un’occasione unica.

Cosa serve per il salto di qualità

Cosa serve? Occorrono azioni sistemiche capaci di consentire un jump-start dell’ecosistema nazionale, tali da proiettare immediatamente il Paese in testa ai paesi leader. In primo luogo, occorre atterrare maggiori risorse di capitale alle startup agrifood italiane (sul modello di quanto fatto attraverso i fondi di fondi CDP Venture Capital). Ma occorrono anche iniziative di ecosistema che puntino ad una immediata leadership, come la creazione di centri di eccellenza con la massa critica per competere a livello globale (sul modello, ad esempio, di Wageningen nei Paesi Bassi), o come l’introduzione su vasta scala di voucher e incentivi per l’adozione nel mercato professionale delle soluzioni esistenti di precision farming, food delivery, D2C, online grochery ecc., dove le startup italiane sono già in grado di esprimere significative posizioni di eccellenza.

Tali azioni consentirebbero non solo di rendere l’Italia un player di primo rango nello sviluppo di nuove tecnologie e modelli, ma anche di apportare benefici a due cifre percentuali in termini di produttività all’intero comparto agroalimentare, oltreché consentire al Paese di affrontare con maggiore robustezza le sfide economiche ed ecologiche che si faranno pressanti nei prossimi decenni.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3