Linux & Co.

L’ascesa dell’open source: perché il 2024 sarà un anno di svolta



Indirizzo copiato

Nel 2024, il software open source continua a crescere, con Linux che ha superato il 3% di quota di mercato sul desktop e domina infrastrutture e server. Organizzazioni come il Ministero della Difesa dell’India lo adottano e il valore del settore FOSS è previsto raggiungere 50 miliardi di dollari entro il 2026, stimolato anche dal Cyber Resilience Act

Pubblicato il 22 feb 2024

Italo Vignoli

Hi-Tech Marketing & Media Relations



Business,Network,Concept.,Group,Of,Businessperson.,Teamwork.,Human,Resources.

Il 2024 potrebbe rappresentare una svolta per Linux, un sistema operativo da sempre apprezzato per la sua flessibilità e affidabilità, ma che finora ha trovato il suo spazio prevalente sulle infrastrutture server più che sui desktop. Tuttavia, i recenti sviluppi legati alla crescente diffusione del software FOSS (Free and Open Source Software) all’interno delle aziende e l’espansione degli OSPO (Open Source Program Office) sembrano preludere a nuovi scenari.

Il 2023 di Linux

Come ogni anno, c’è ancora chi si chiede se quello in corso sarà l’anno di Linux sul desktop, scatenando le solite polemiche tra gli integralisti sul fatto che Linux è solo il kernel mentre il sistema operativo si chiama GNU/Linux (e fino a quando ci saranno queste polemiche non sarà mai l’anno di Linux sul desktop, e lo dico da utente desktop Linux convinto nonostante il mio background da umanista, con una laurea in lettere moderne conseguita nel 1979 grazie a una tesi di geografia umana dattiloscritta su una Olivetti Lettera 32, la stessa macchina da scrivere portatile immortalata da un fotografo sulle ginocchia di Indro Montanelli).

È vero, nel corso del 2023 la quota di mercato di Linux sul desktop ha superato stabilmente il 3%, il che equivale a dire che nel mondo un centinaio di milioni di persone utilizza Linux sul proprio PC, interagendo in modo trasparente sia con gli utenti Windows che con gli utenti macOS, ma utilizzando solo software libero e open source (in soldoni, senza spendere un centesimo, a parte l’acquisto del PC, in quanto il sistema operativo e le applicazioni sono gratuite). Purtroppo, siamo ancora molto lontani dai miliardi di utenti Windows e dalle centinaia di milioni di utenti macOS, ma stiamo crescendo in silenzio, e stiamo dimostrando che molta della propaganda ostile a Linux sul desktop è priva di fondamento.

Peraltro, nel corso del 2023 ci sono state organizzazioni che hanno annunciato la decisione di sostituire i desktop Windows con i desktop Linux, come il Ministero della Difesa dell’India, che – date le dimensioni demografiche del Paese, il più popoloso del mondo con 1,4 miliardi di abitanti – ha qualche milione di utenti in decine di migliaia di sedi.

Linux: l’ascesa nelle infrastrutture e sui server

Ma anche se il 2024 non sarà l’anno di Linux sul desktop, sarà sicuramente un altro anno in cui si consoliderà il dominio assoluto di Linux sulle infrastrutture e sui server (se usate un PC Windows o un Mac, è quasi certo che il vostro cloud sia su un server Linux e che il sistema operativo degli apparati di rete sia Linux, e che proprio per questo motivo entrambi siano molto più affidabili rispetto al desktop).

Alcune cifre, a conferma del valore e dell’importanza di Linux. Secondo ZDNet, l’84% delle aziende utilizza Linux per la propria infrastruttura aziendale, e su Linux gira il 96,3% del primo milione di siti web in termini di traffico. La stessa Microsoft, che in passato ha fatto di tutto per contrastare Linux, arrivando a definirlo un “cancro” per la tecnologia digitale, oggi utilizza Linux sul 60% dei server del cloud Azure (piuttosto che un server Windows). E i server Ubuntu hanno superato il 70% dei server presenti su Amazon Web Services.

Inoltre, secondo Eclipse, il 58% degli apparati IoT (Internet of Things) gira in ambiente Linux, a conferma della versatilità del sistema operativo e della capacità di funzionare anche con configurazioni hardware ridotte al minimo e in condizioni particolari come quelle dei dispositivi non presidiati.

Crescita degli OSPO e diffusione del software FOSS nelle aziende

Sulla base di questa crescita generale della presenza di Linux all’interno delle aziende, nel 2023 è cresciuto anche il numero degli OSPO (Open Source Program Officer), ovvero di quelle figure che hanno il compito di coordinare la crescita del software libero e open source nelle organizzazioni, facendo in modo che insieme al software crescano anche la cultura di riferimento e le competenze a livello sia individuale che strutturale.

Hanno iniziato Google e Amazon, ma il fenomeno si è allargato rapidamente anche al di fuori del mondo delle tecnologie digitali e ha raggiunto aziende come Mercedes Benz, che ha creato al proprio interno un Centro di Competenza FOSS, visto che la maggior parte dei modelli utilizza il sistema operativo Linux per il pannello di controllo, il sistema di intrattenimento e la maggior parte dei servizi di bordo, e strutture sovranazionali come l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

A questo punto, per il 2024 è facile prevedere un’ulteriore crescita del segmento di mercato legato al software open source. Secondo una ricerca Markets and Markets il settore dei servizi basati sul software FOSS raggiungerà un valore di 50 miliardi di dollari nel 2026, con una crescita del 130% rispetto ai 21,7 miliardi di dollari del 2021.

Una crescita che viene confermata dall’aumento delle attività delle organizzazioni legate al software open source, stimolata anche da situazioni contingenti come la discussione di leggi problematiche per il FOSS come il Cyber Resilience Act.

L’impatto del Cyber Resilience Act sul software FOSS

Solo per fare un esempio, tra il 2023 e il 2024 c’è stato un raddoppio degli appuntamenti istituzionali organizzati in occasione del FOSDEM – la più grande manifestazione legata al FOSS a livello mondiale, che si tiene ogni anno alla ULB (Università Libera di Bruxelles) tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio – con la partecipazione di politici e funzionari del Parlamento e della Commissione Europea, e di esponenti delle principali associazioni e dei principali progetti FOSS (tra cui il sottoscritto, in rappresentanza del progetto LibreOffice).

Una delle principali conseguenze del Cyber Resilience Act, che è stato approvato alla fine del 2023 ed entrerà in vigore progressivamente nei prossimi anni, sarà la maggiore attenzione dedicata al tema della sicurezza, a tutti i livelli.

L’importanza della sicurezza nel software FOSS

Fino a oggi i progetti FOSS hanno evitato di comunicare i dettagli delle attività legate alla sicurezza, che rappresenta un terreno minato a causa della scarsissima competenza degli utenti in materia, che può provocare fraintendimenti, ma questo deve necessariamente cambiare perché la mancanza di comunicazione ha creato più danni che vantaggi, soprattutto all’interno delle strutture che hanno il compito di redigere il testo base delle proposte di legge.

Naturalmente, una comunicazione migliore – anche se focalizzata sui temi della sicurezza – contribuirà ad aumentare anche la visibilità del software open source, e questo si tradurrà probabilmente in un ulteriore aumento della sua diffusione in ambito aziendale, e in misura minore in ambito desktop. La conoscenza infatti è un elemento indispensabile per la diffusione di un prodotto, e il software FOSS ha sofferto per anni le conseguenze di strategie di comunicazione lasciate nelle mani di tecnici e non dei professionisti del marketing.

Forse, le condizioni imposte dalla necessità di rispettare gli adempimenti di una legge nel complesso problematica per il software open source riusciranno a far conoscere lo stesso software FOSS a un maggior numero di utenti.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4