Didacta

Le scuole si aprano agli eSport: ecco i valori che i ragazzi apprendono giocando

Gli eSport come ogni sport che si rispetti allenano lo stare insieme agli altri, il rispetto, la disciplina: valori di grande importanza per i ragazzi e per le relazioni sociali più ampi. Ecco perché, dopo aver fatto ingresso alle Olimpiadi, ora tocca alle scuole aprirsi al loro utilizzo

Pubblicato il 31 Mar 2023

Lorenza Saettone

Filosofa specializzata in Epistemologia e Cognitivismo, PhD Student in Robotics and Intelligent Machines for Healthcare and Wellness of Persons

egaming

Tanto metaverso e realtà virtuale e finalmente proposte interessanti legate agli eSport e al gaming alla fiera Didacta 2023. Quattro giorni intensissimi in cui lavorando in prima persona tra gli stand ho avuto modo di ascoltare prof e dirigenti e di conoscere le molteplici proposte per l’innovazione scolastica – quest’anno ancora più rilevante alla luce dei fondi del PNRR. Scopriamo più nel dettaglio di cosa si tratta.

I videogame fanno bene all’economia e alla salute: la strategia Ue per sostenere il mercato

Il faticoso ingresso dei videogame alle olimpiadi

Nel 2021 è stato finalmente approvato l’ingresso dei videogame nelle Olimpiadi, non quelle del 2024 in Francia, ma una categoria a sé stante, a cui il Comitato ha comunque acconsentito fosse utilizzato il termine “Olimpiadi” per riferirsi a questa sfida internazionale di sport virtuali che proprio a giugno vedremo per la prima volta a Singapore. Si tratta della prima Olympic Esport Week della storia e vedrà scontrarsi professionisti e amatoriali in una serie di Esport scelti perché fosse evidente la continuità con i valori olimpionici e con l’idea comune di sport, anche da parte del pubblico non abituato al gaming. I virtual sport presenti, tra mobile game, console game, physical game e giochi al pc, saranno nove e replicheranno baseball, motorsport, canottaggio, ciclismo, danza, scacchi, taekwondo, tennis e tiro con l’arco. Il pubblico potrà assistere ai giochi sulla piattaforma ufficiale olimpica e sul profilo Instagram @Olympics.

È stato un processo di accettazione faticoso, ma c’è ancora strada da percorrere perché videogame ed eSport vengano considerati dalla società civile con la serietà dovuta: sono lavori a prescindere dall’hobby. Parallelamente a questo percorso di accettazione internazionale anche l’Italia ha cominciato a muoversi verso la stessa direzione. Nel 2022 è nato il primo campionato eSport per gli Istituti superiori. L’iniziativa è portata avanti da Maker Camp e CampuStore, con l’obiettivo di contrastare l’abbandono scolastico e di avvicinare i ragazzi, grazie alla passione per i videogame, alle materie STEM.

La necessaria apertura delle scuole al gaming

Il founder di Maker Camp, Marco Vigelini, è noto per aver contribuito a diffondere la didattica applicata ai videogiochi. Ideatore della Lega Scolastica Esports, ha l’obiettivo da molti anni di avvicinare il mondo del gaming al mondo della scuola e della cultura, creando esperienze didattiche, educative e museali all’interno di piattaforme come Minecraft, Roblox, The Sandbox e Fortnite, le quali sarebbe riduttivo e fuorviante definirle semplicemente “giochi”. Vigelini fu il primo a portare Minecraft nelle nostre aule scolastiche e infatti è stato nominato tra i 10 migliori educatori Minecraft al mondo e unico formatore certificato Minecraft qui in Italia.

Ho avuto modo di chiacchierare con lui all’interno della fiera, trovandoci a condividere lo stesso obiettivo di aprire la Video Game Culture al pubblico, mostrando gli utilizzi didattici, psicologici, sociali del medium. In particolare, assieme a CampuStore, Vigelini sta portando avanti l’iniziativa di aprire gli istituti al pomeriggio e incentivare la diffusione degli eSport tra i ragazzi, insegnando loro, parallelamente, nozioni di Unity e Unreal Engine per programmare i propri videogiochi e guidarli verso una carriera nel gaming o nel mondo dell’informatica in senso lato. (Ammetto che vorrei tornare a scuola io stessa alla luce di queste opportunità per gli istituti superiori!) Insomma, un bel modo per ingaggiare i ragazzi, i gamer amatoriali, dando modo concreto, anche a chi non ha possibilità economiche di possedere un pc da gaming, di conoscere le carriere in questo settore, che, come più volte ho specificato, apre a tantissime professionalità, non solo ingegneristiche. Ormai la tendenza del gaming è molto legata alla trama; quindi, gli umanisti non si sentano esclusi!

I videogiochi come veicolo di valori culturali

Pensiamo anche all’uso, in crescita, dei videogiochi come veicolo di valori culturali. L’Unione europea e i Ministeri italiani non si stanno facendo scappare l’occasione, finanziando e incentivando le iniziative di videogiochi per il territorio e per la scuola. In effetti i musei sempre più spesso avvicinano i pubblici con strategie di gamification, dotandosi inoltre di propri gemelli virtuali a cui gli utenti possono accedere tramite visore. Il Piano nazionale di educazione all’immagine per le scuole promosso dal Ministero della Cultura e dal Ministero dell’Istruzione e del Merito vuole favorire l’educazione scolastica all’audiovisivo, facendo rientrare nel settore anche il gaming con il progetto Press Start to Learn.

Insomma, non ci sono più scuse per istituti scolastici e prof: i videogame non sono più il Caino della semiotica e della narrazione! Al contrario promettono lo sviluppo di competenze STEM e ingegneristiche, abilità sociali ed emotive, linguistiche, culturali, anche legate alle lingue straniere, visto che spesso i videogame non sono doppiati e visto che i multiplayer online fanno in modo che i ragazzi si incontrino con team e avversari da tutto il mondo, spingendoli a chiacchierare in inglese e a confrontarsi con culture diverse dalla propria.

I videogame come laboratori di etica

Mi spingo oltre. I videogame sono laboratori di etica nicomachea.

Durante il gameplay siamo protagonisti della storia in prima persona. L’immedesimazione non richiede eccessivo sforzo intellettuale e un’empatia già formata per entrare in certi temi, grazie alla quale riusciamo a porci nei panni di ciò che il film, il libro, la canzone raccontano. Infatti, se ci pensiamo, è più facile trovarsi ad ascoltare e ad apprezzare storie che parlano di noi o comunque non troppo distanti dal nostro vissuto: questo perché il carico cognitivo con cui ci immaginiamo nella storia è minore, avendo una base già molto simile e automatica, garantita da attivazioni di neuroni specchio e da rappresentazioni mentali già pronte all’uso. Poco sforzo e poca teoria della mente con cui immaginare intenzioni e obiettivi altrui significano il più delle volte piacevolezza.

Con il videogame non è così, anche situazioni molto diverse dalla nostra aprono varchi empatici immediati, permettendoci di attivare meno risorse mentali con le quali comprendere le prospettive degli attori coinvolti nella trama. Mentre muoviamo l’avatar dentro le regole dell’algoritmo, mentre agiamo nella trama, notiamo immediatamente che le nostre decisioni hanno un peso nella vicenda, sia nell’azione (l’avatar si muove quando lo vogliamo noi) sia nella storia (le trame non lineari cambiano l’esperienza dei gamer a seconda di quello che viene scelto durante il gameplay).

Questo collegamento immediato nel ciclo cognitivo tra percezione-azione tra noi e il videogame ci obbliga a sentire di essere personaggi con cui difficilmente avremmo empatizzato e a vivere l’ecologia (vedi Gibson) delle situazioni simulate con autentica partecipazione. È come se il videogame, per come è strutturato, ci guidasse, tramite l’agire, in uno stato mentale empatico immediato, condizione che altrimenti avrebbe richiesto al soggetto una sorta di esercizio spirituale e filosofico più macchinoso perché astratto e che pertanto in pochi avrebbero deciso di affrontare, specialmente dopo una giornata di lavoro carica di deadline.

Oltre alla facilità ad empatizzare garantita dall’azione sincrona tra noi e l’avatar e scene fluide prive di montaggi c’è un altro aspetto a fare sì che i videogame siano laboratori etici. Anzi, a mio avviso, la vera differenza è l’attività dentro alla storia: siamo co-autori nel videogioco e quindi ci dispiace scegliere senza criterio estetico (e quindi etico). Se leggiamo un libro o vediamo un film non ci sentiremmo mai responsabili e in colpa per una vicenda o una scelta. Certo, si può fare un lavoro di meta-analisi, discutendo a posteriori di un personaggio e della sua condotta. Ma non sarà mai come una vicenda vissuta in prima persona: il film e la meta-analisi non ci toccano nella vergogna e nell’onore. Il videogioco ha la particolarità di fare sì che il gamer si senta di dover garantire performace belle e quindi si sente responsabile per un game over e per la trama. È come un artista che non proporrebbe mai un proprio prodotto artistico raffazzonato.

Credo che il tipo di azione e di pragmatica che risulta dal gameplay sia efficace per far sentire ai ragazzi una reale responsabilità del proprio agire. Non bisogna pensare che un gioco debba avere un chiaro e palese intento pedagogico, perché il risultato, in questo caso, creerebbe solo allontanamento e una rappresentazione palesemente finta e stereotipata, inutile al’agire. È sufficiente rappresentare, con la responsabilità di chi crea, situazioni varie ed eterogenee, senza avere paura che un videogame non debba parlare di Amore, Morte, Diversità, Odio, Politica, Debolezza.

Il ragazzo, nel videogioco, è spinto a immedesimarsi nei temi e nei personaggi attraverso la sua stessa azione e a esperire in prima persona aut aut carichi di importanza sociale. Ciò significa educarsi a condotte etiche senza che alcun tipo di sermone, come accade nell’esperienza quotidiana.

eSports: identikit e numeri degli appassionati italiani

Aristotele sosteneva che nell’azione sociale ogni individuo fosse portato a costruire abiti di azione, una sorta di riflesso, di automatizzazione all’agire. Se morali, questi abiti avrebbero rispecchiato i valori comunitari, basati sul giusto mezzo, i quali, in ogni caso, sarebbero stati acquisibili solo con l’esperienza ad agire eticamente. Più ci alleniamo a essere morali più lo siamo senza sforzo. L’etica della virtù è un’etica concreta, non intellettualistica, non parla per generalizzazioni e non è a priori, ma si basa sul singolo individuo calato nella propria situazione che sceglie di volta in volta e si allena grazie al partecipare alla vita e alla comunità.

È chiaro allora perché sostengo che i videogame potrebbero essere laboratori di etica nicomachea! Sono strumenti in grado di avvicinare i ragazzi a personaggi e trame, facendo loro sperimentare punti di vista e dilemmi fondamentali, grazie al fatto di farli vivere decisioni in prima persona e in multi-persona. Anche durante le sfide multiplayer è inevitabile coordinarsi e cercare compromessi per trovare un comune obiettivo. Aspetto, questo, di grande importanza, soprattutto per etiche post-strutturaliste, post-moderne.

Conclusioni

Gli eSport come ogni sport che si rispetti allenano lo stare insieme agli altri, il rispetto, la disciplina: valori di grande importanza per i ragazzi e per le relazioni sociali più ampie. È importante che siano stati inseriti tra le Olimpiadi, competizioni in grado di fermare le guerre, così come mi pare degno di nota che gli istituti scolastici possano coinvolgere i ragazzi in attività veramente inclusive e genderless; potenti su così tante sfere della società e quindi della mente.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3