mercati digitali

Lo streaming fa bene alla musica e ai consumatori: l’Antitrust UK fa luce sul mercato

Dai risultati di uno studio della Competition and Markets Authority sul mercato d’oltremanica si possono trarre conclusioni applicabili a livello globale: sebbene dominato da una manciata di player, lo streaming non sta causando danni ai consumatori, anzi. Archiviata l’ipotesi di un’indagine approfondita

31 Ago 2022
Enzo Mazza

CEO F.I.M.I. (Federazione industria musicale italiana)

musica 3

Lo streaming ha trasformato l’industria musicale e per la prima volta è stato messo sotto la lente da una delle autorità di presidio del mercato in Europa: la Competition and Markets Authority, l’ente regolatore della concorrenza nel Regno Unito, ha pubblicato l’indagine conoscitiva istruita sei mesi fa sul segmento musicale dello streaming.

Il documento finale è un approfondito studio sul mercato UK, ma le cui conclusioni sono evidentemente applicabili alla generalità dei mercati, trattandosi di un fenomeno, quello dello streaming, di portata globale.

Industria discografica, un 2021 da record: streaming, video e social trainano la crescita

L’indagine dell’Authority UK

I funzionari dell’autorità britannica, nella lunga disamina del settore hanno approfondito molti aspetti.

L’impatto della digitalizzazione e dello streaming, la supply e la value chain del mercato, i rapporti tra publisher e case discografiche, major e indie, i creatori (artisti ed autori), l’impatto dello user generated content, i contratti, ecc.

WHITEPAPER
Intelligent Business Process Automation: perché serve alle aziende
CIO
Cloud

L’analisi ha poi approfondito l’impatto delle nuove tecnologie dello streaming sui consumatori e gli effetti della concorrenza sul rapporto tra piattaforme e case discografiche e nei rapporti con artisti e autori.

Da rilevare che il mercato britannico è il terzo mercato discografico mondiale e nel 2021 è cresciuto del 13% a 1,8 miliardi di dollari. Gli artisti britannici restano tra i leader di mercato a livello globale con vendite di hit globali, come, ad esempio Adele, nel 2021.

L’analisi di CMA si è pertanto concentrata, come visto sopra, su tutte le aree del mondo dell’industria discografica al fine di valutare l’impatto sui consumatori e sulla concorrenza.

Streaming musicale. I dati più significativi dell’analisi

Soffermandoci sulle risultanze dell’indagine quali sono i punti emersi secondo CMA?

I ricavi della musica registrata hanno raggiunto 1,1 miliardi di sterline nel 2021, con l’80% della musica registrata ora ascoltata tramite servizi di streaming. L’anno scorso ci sono stati oltre 138 miliardi di stream musicali nel Regno Unito.

Gli ascoltatori hanno accesso a un’ampia scelta di musica a un canone mensile fisso. Questi costi sono diminuiti in termini reali.

L’accesso a un’ampia gamma di musica, vecchia e nuova, significa che le canzoni più vecchie possono ottenere più facilmente una nuova prospettiva di vita e trovare un nuovo pubblico. L’86% degli stream nel 2021 riguardava musica di oltre un anno.

La digitalizzazione ha reso più facile che mai per molti altri artisti registrare e condividere musica e trovare un pubblico. Il numero di artisti, grazie allo streaming è raddoppiato tra il 2014 e il 2020, da circa 200.000 a 400.000. Mentre sempre più artisti pubblicano musica e hanno più scelta che mai su come pubblicare il proprio lavoro, il mercato rimane difficile per molti creatori. Il reddito del settore è sostanzialmente stabile, ma più artisti offrono più musica.

Come è sempre stato il caso, mentre un piccolo numero di artisti di alto profilo gode di un enorme successo finanziario, la grande maggioranza non realizza guadagni sostanziali.

Su una base di 138 miliardi di stream complessivi nel 2021, l’analisi CMA ha rilevato che un milione di stream al mese potrebbe far guadagnare a un artista circa £ 12.000 all’anno.

In ogni caso, secondo l’indagine, i guadagni annuali degli artisti in streaming dalle major e i tassi di royalty medi tra il 2017 e il 2021 mostrano una tendenza all’aumento. Un artista medio del Regno Unito ha guadagnato £ 2.000 dallo streaming dalle major nel 2021 con un tasso di royalty medio di circa il 26%.

Il ruolo delle major

Le 3 major e discografiche giocano un ruolo chiave nel settore della musica registrata. Gli elementi che la CMA ha raccolto non mostrano che questo mercato concentrato stia attualmente causando danni ai consumatori o che stia seguendo quelle preoccupazioni sollevate dagli artisti. Né le etichette né i servizi di streaming sembrano realizzare profitti in eccesso, come alcuni sostengono.

Sarah Cardell, Interim Chief Executive di CMA, ha così commentato le risultanze emerse: “Lo streaming ha trasformato la musica. La tecnologia sta aprendo la porta a molti nuovi artisti per trovare un pubblico e gli amanti della musica possono accedere a una vasta gamma di musica, vecchia e nuova, a prezzi che sono diminuiti in termini reali. Per molti artisti è dura come lo è sempre stata, e molti pensano che non stiano ottenendo un accordo equo. Tuttavia, la nostra analisi iniziale mostra che i risultati per gli artisti non sono determinati da problemi legati alla concorrenza, come profitti eccessivi sostenuti”.

In definitiva l’autorità britannica ha concluso la sua analisi decidendo di non aprire una formale istruttoria sul settore ma di continuare ad osservarne l’evoluzione.

Conclusioni

Lo scenario osservato riguarderà eventuali profitti in eccesso, eventuali concentrazioni a danno della concorrenza e consumatori, le tecnologie ed eventuali barriere all’ingresso o limitazioni nella concorrenza, come ad esempio i cambiamenti nel modo in cui i consumatori accedono ai servizi di streaming che influenzano il loro comportamento di ascolto Ad esempio se vi è una crescita continua nell’uso di altoparlanti intelligenti e se ciò potrebbe esacerbare le barriere all’espansione dei servizi di streaming che non dispongono di un proprio ecosistema di altoparlanti intelligenti

Se le playlist o i consigli verranno generati sempre più spesso utilizzando algoritmi che potrebbero indirizzare i consumatori ad ascoltare un determinato tipo di contenuto, il che potrebbe destare preoccupazione per i consumatori, gli artisti e le aziende musicali, se ciò non avviene in modo equo e trasparente.

Quanto sia difficile passare da un servizio di streaming musicale a un altro e se ciò limiti la forza della concorrenza tra tali servizi quando il mercato non è più in crescita.

Se il livello di innovazione da parte dei servizi di streaming dovesse diminuire; o se le innovazioni a beneficio dei consumatori dovessero essere vietate dalle compagnie musicali; o se i consumatori dovessero essere svantaggiati in altri modi, anche attraverso prezzi più elevati.

WHITEPAPER
Sanità: quali le applicazioni di AI in radiologia, oncologia e cardiologia?
Intelligenza Artificiale
Sanità
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4