audiovisivo

Pirateria film e serie tv, Fapav: “Queste le armi migliori per combatterla”

Educazione alla legalità, attività di contrasto, accordi di autoregolamentazione. Ecco un bilancio sulla battaglia in corso contro la pirateria audiovisiva. Ora sono necessarie sanzioni più forti e un approccio integrato che consenta di intervenire sotto vari aspetti, secondo Fapav

13 Feb 2018
Federico Bagnoli Rossi

Segretario Generale FAPAV

piracy-100022722-large

Ancora oggi la pirateria rappresenta un tema cruciale per lo sviluppo e il rafforzamento del mercato audiovisivo, come fenomeno pervasivo che colpisce al cuore l’industria e la creazione di valore. Se da un lato le modalità di consumo dei contenuti audiovisivi hanno subito dei cambiamenti, è vero, d’altra parte, che i film e le serie televisive rappresentano ancora oggi una delle modalità di intrattenimento preferita. L’offerta legale rappresenta uno degli strumenti più importanti, insieme alle azioni di enforcement, alle attività di comunicazione e alle campagne di educazione, per contrastare la visione non autorizzata di film e serie sui portali illegali.

Gli ultimi dati su pirateria audiovisiva

Non a caso, l’offerta legale dei contenuti sul web è molto cresciuta negli ultimi anni, con oltre 480 piattaforme in tutto il mondo, e sono oggi disponibili nuove formule e modalità differenti per vedere legalmente contenuti online. È pur vero che il tasso di pirateria audiovisiva (il 39% degli italiani, secondo la ricerca FAPAV/Ipsos) sottolinea come la fruizione illecita dei contenuti audiovisivi sia ancora molto diffusa. I motivi principali che spingono a vedere un contenuto tramite i canali non ufficiali sono principalmente il risparmio economico (38%) e motivazioni di ordine pratico/organizzativo (23%). Purtroppo, solo 1 pirata adulto su 4 ritiene che questa pratica possa avere delle gravi conseguenze. Eppure, con oltre 680 milioni di fatturato perso a causa della pirateria audiovisiva e un danno al PIL di più di 400 milioni l’anno, la pirateria rimane ancora un problema serio da contrastare e da risolvere sotto vari aspetti.

WEBINAR
5 best practice per un cloud journey di successo!

Questi, infatti, sono i dati emersi dall’ultima indagine sulla pirateria audiovisiva in Italia. Secondo la ricerca FAPAV/Ipsos del 2016, se la percentuale di adulti che fruisce di contenuti pirata sfiora il 40% della popolazione, il dato sulla fruizione di contenuti audiovisivi illegali risulta ancora più allarmante per la fascia “under 15”. La stima dell’impatto complessivo della pirateria di film e serie tv tra gli adolescenti sale addirittura al 51% (un ragazzo under 15 su due), con un numero di 38 milioni di atti all’anno compiuti da giovani pirati. È fondamentale, pertanto, per il rafforzamento dell’intero settore, impegnarsi per la prosecuzione di azioni congiunte, da parte delle associazioni e delle industrie, per realizzare un sistema efficace di azioni sinergiche e campagne di educazione alla legalità rivolte ai consumatori, soprattutto per le nuove generazioni.

La lotta alla pirateria

A livello enforcement, il Regolamento AGCOM si è dimostrato un case history di successo, il primo intervento amministrativo a livello europeo che è diventato un modello in tutto il mondo. Sin dalla sua implementazione, il Regolamento ci ha consentito di ottenere il blocco di oltre 90 portali pirata, inoltre è risultato un forte incentivo come elemento dissuasivo e di sensibilizzazione di operatori e utenti. Oggi, con l’apertura di nuovi scenari per la tutela del Diritto d’Autore, le nuove modifiche potrebbero rafforzare uno strumento già valido e riconosciuto a livello internazionale come una vera e propria best practice.

In secondo luogo, la rimozione selettiva dei contenuti rappresenta una ulteriore e determinante attività che consente, al titolare dei diritti, di non rendere più disponibili i contenuti pirata presenti, ad esempio, sui cyberlocker. Su questo aspetto è oramai divenuta imprescindibile una collaborazione attiva da parte degli intermediari del web, poiché vi sono alcuni aspetti determinanti che vanno superati e rafforzati. Ad esempio con l’assunzione di un obbligo di “Notice and stay down” poiché non è più tollerabile che un contenuto rimosso venga reso nuovamente disponibile in un secondo momento e sempre sulle medesime piattaforme da cui era stato precedentemente rimosso.

L’inasprimento della normativa sul camcording costituisce un altro aspetto sul quale è necessario focalizzarci poiché questa pratica illegale rappresenta ancora oggi una delle fonti primarie della pirateria. Se il 52% dei film è disponibile illegalmente online entro tre giorni dalla data di uscita ufficiale, questo rappresenta un danno enorme per l’industria audiovisiva. Senza tralasciare poi il problema delle pre-release, ossia della messa a disposizione online di un contenuto prima della sua data di uscita ufficiale. Uno studio della Carnegie Mellon University, ci rivela come, in media, la pre-release pirata di un film influisca in una riduzione del box office di almeno il 19% (rispetto ad una release pirata dopo la data di uscita ufficiale). In merito alle pre-release, è particolarmente diffusa, inoltre, la realizzazione di sottotitoli non ufficiali ad opera di alcune community. Questa pratica crea un forte danno alle imprese titolari dei diritti poiché causa la diminuzione del numero dei potenziali spettatori delle serie e dei film trasmessi attraverso i canali ufficiali.

Su questo fronte, facciamo appello al prossimo Parlamento e Governo per inasprire le sanzioni su un fenomeno illecito che sta diventando davvero grave per la nostra Industria.

Dalla comunicazione all’educazione alla legalità, passando per le attività di contrasto e gli accordi di autoregolamentazione, si rende, dunque, necessario un approccio integrato che consenta di intervenire sotto vari aspetti.

Insomma, è necessario non abbassare la guardia ed aumentare gli sforzi a tutela di un settore che, oltre a rappresentare una eccellenza del Made in Italy, genera un valore per la nostra economia di 14 miliardi di euro e oltre 180.000 posti di lavoro.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati