l'analisi

Rimozione contenuti illeciti e limiti territoriali: gli effetti del caso Telegram-Agcom

La rimozione da Telegram di sette canali che offrivano articoli di giornale oggetto di segnalazione da parte di FIEG, ha portato all’attenzione il tema dei limiti territoriali entro i quali i provvedimenti Agcom possono imporre la disabilitazione dell’accesso e la rimozione selettiva dei contenuti. Ecco i dettagli

27 Apr 2020
Luciano Daffarra

C-Lex Studio Legale

telegram - guerra in Ucraina

Il sintetico comunicato stampa del 23 aprile 2020 con cui il Consiglio dell’Autorità delle Comunicazioni, relatore il commissario Francesco Posteraro, dopo avere dato atto della rimozione – per adeguamento spontaneo da parte di Telegram – di sette degli otto canali che mettevano a disposizione del pubblico articoli di giornale oggetto di segnalazione da parte della FIEG, ha anche portato all’attenzione dei titolari dei diritti un tema che ha assunto crescente importanza negli anni recenti.

La questione dei limiti territoriali

Si tratta della vexata quaestio dei limiti territoriali entro i quali i provvedimenti dell’Agcom, emessi sulla base dei Regolamenti 680/13/CONS e 490/18/CONS, possono imporre la disabilitazione dell’accesso e la rimozione selettiva dei contenuti illecitamente posti sulle reti di comunicazione elettroniche che non siano stati eliminati dai singoli operatori a seguito delle diffide inviate loro dai titolari dei diritti.

WEBINAR
12 Dicembre 2022 - 12:00
Nuovi modelli e strumenti di lavoro per accelerare vendite e marketing
Manifatturiero/Produzione
Marketing

Nel caso di cui ci occupiamo tali limitazioni hanno imposto l’archiviazione del procedimento instaurato da FIEG nei confronti di Telegram LLC ai sensi dell’art. 8, comma 1, del più volte ricordato Regolamento, in quanto la collocazione in paesi terzi dei server di Telegram rende impossibile imporre coattivamente, attraverso le determine dell’Authority italiana, l’obbligo di rimozione dei contenuti abusivi messi a disposizione del pubblico dai content provider.

Va detto, per la precisione, che la decisione dell’Agcom di archiviare il procedimento avviato nei confronti di Telegram non rappresenta un fatto nuovo per l’Authority italiana del settore delle comunicazioni in quanto una analoga scelta era già stata adottata in passato[1], in un caso che coinvolgeva lo stesso provider russo.

Inoltre, da quanto si legge nel documento postato da Agcom, la eventuale decisione di operare un oscuramento totale del sito web ordinata ai fornitori di connettività che lo diffondono nel nostro stato non potrebbe essere considerato un rimedio “proporzionato” sulla base dei criteri elaborati dalla giurisprudenza comunitaria e adottati dalla medesima Autorità sulla scorta delle norme regolamentari vigenti.

Avuto riguardo all’ambito territoriale esclusivamente interno dell’efficacia degli ordini impartiti dall’Agcom in materia di pirateria audiovisiva, la stessa ha osservato che tali limiti potrebbero essere superati solo attraverso un opportuno intervento del legislatore sulle norme del D. Lgsl. 70/2003 di implementazione della Direttiva 2000/31/EC sul commercio elettronico e, segnatamente, sull’art. 4 comma1, lett. a) del decreto.

In concreto, per potere emettere provvedimenti vincolanti anche nel paese di collocazione dei server dei provider coinvolti nelle violazioni, sarebbe necessario elidere dalla normativa vigente l’esclusione dei diritti d’autore dall’ambito della definizione di “mercato interno”, offerta dall’art. 3 del medesimo provvedimento di legge, così da consentire l’adozione di ordini di rimozione selettiva validi anche verso gli intermediari collocati nei paesi terzi.

L’Agcom, nel medesimo comunicato stampa che qui brevemente si illustra, ha precisato peraltro che l’archiviazione del procedimento avviato dalla FIEG nei confronti di Telegram non pregiudica le azioni penali che possono essere intraprese dalla magistratura nei confronti dei gestori del sito, alla quale la stessa Agcom ha provveduto a inviare la documentazione istruttoria raccolta internamente.

Cos’è Telegram

Prima di affrontare le diverse questioni sollevate dalla vicenda FIEG/Telegram di cui ci stiamo occupando, è utile comprendere le origini del “servizio di messaggistica istantanea” e di broadcasting denominato “Telegram” e le ragioni per cui esso sia da tempo noto per l’attività illecita che vi si svolge.

In primo luogo, l’impresa Telegram LLC, nata nella Federazione Russa nel 2013, appartiene ai fratelli Nikolaj e Pavel Durov: essa dopo avere avuto per alcuni anni sede a Londra, è stata trasferita a Dubai. I due fratelli Durov sono conosciuti agli utenti della rete per essere i fondatori e i proprietari anche della piattaforma VK.com (vKontakte) uno dei siti web che forniscono i propri servizi con provenienza dalla Russia attraverso l’ISP Globalnet sito a San Pietroburgo.

Nell’anno 2018, la piattaforma VK.com è stata inserita nella “Watch List” della cosiddetta “Special 301” del Governo USA, lista nera che include i maggiori contraffattori, a causa della significativa attività di caricamento di opere tutelate che il sito web in questione poneva abusivamente a disposizione del pubblico.

Di Telegram e del suo operato si è occupato anche il Governo italiano, a cominciare dall’anno 2019, quando l’allora Sottosegretario di Stato alla P.d.C., Vito Crimi, ha preso netta posizione contro gli illeciti compiuti su quel servizio attraverso la denuncia di alcuni soggetti che avevano promosso materiali illegali per la visione dei canali IPTV (il cosiddetto “pezzotto”) rivolgendosi direttamente alla sua utenza telefonica. Egli sottolineò in quell’occasione di avere segnalato i fatti alla FAPAV “che ha provveduto a denunciare i soggetti coinvolti agli organi competenti” (cfr. pagina Facebook di Vito Crimi del 19 gennaio 2019[2]).

Da quel momento le offerte e gli atti di messa a disposizione del pubblico di contenuti protetti postati su Telegram non hanno visto un rallentamento, anzi, sono cresciuti in maniera significativa; allo stesso modo gli ostacoli che si frappongono fra i titolari dei diritti e i gestori delle piattaforme che favoriscono smaccatamente la pirateria non sono stati ridotti o eliminati.

In questo ambito sono sempre più frequenti i casi in cui la sede operativa degli ISP che offrono i loro servizi di hosting ai siti web contraffattori viene trasferita dai paesi di origine in altre località ove, non solo le norme locali a tutela dei diritti d’autore sono inesistenti o inefficaci, ma vi anche è l’oggettiva difficoltà di fare valere nei confronti dei contraffattori sia le delibere dell’Agcom sia gli stessi ordini della magistratura, in quanto risulta lungo e complicato eseguire in detti luoghi gli atti di rogatoria internazionale volti a porre fine agli illeciti giudizialmente accertati.

L’efficacia ultra territoriale dei provvedimenti della magistratura

Gli strumenti legali, diversi dagli ordini emessi sulla base della procedura amministrativa instaurata di fronte ai propri uffici, cui ha fatto opportunamente riferimento l’Agcom nel comunicato stampa sopra ricordato riguardano, in particolare, l’applicazione delle sanzioni penali previste dagli Artt. 171 e ss. della L. 633/1941 e le misure di sequestro penale preventivo dei siti web contemplate dal codice di procedura penale. Invero, l’art. 321 del codice prevede la facoltà per il pubblico ministero e per il G.I.P. di disporre il sequestro, con decreto motivato, di “una cosa pertinente al reato” quando essa possa “aggravare o protrarre le conseguenze di esso ovvero agevolare la commissione di altri reati”. A tale stregua in numerosi casi la nostra magistratura penale ha considerato possibile l’applicazione della suddetta disposizione alle piattaforme digitali e ha ordinato il blocco giudiziario del DNS e dello stesso IP address dei siti web coinvolti nella contraffazione, attraverso l’applicazione dell’art. 321 c.p.p.[3].

In base a questi strumenti si rende quindi possibile per la magistratura italiana l’emissione di provvedimenti che, ai sensi dell’art. 6 del Codice penale, sono dotati di efficacia ultra-territoriale, potendo essere fatti valere anche nei confronti degli ISP situati all’estero[4].

________________________________________________________________

  1. Cfr. Decreto Presidenziale N. 7/18/PRES del 5 marzo 2018 nel Proc. 721/DDA/FP
  2. https://www.facebook.com/vitoclaudiocrimi/posts/2045905858823077/
  3. Fra i casi di applicazione del sequestro penale dei siti web, ricordiamo – oltre al noto caso the Pirate Bay deciso dalla Corte di Cassazione con sent. 49437/2009 il decreto di sequestro preventivo emesso dal G.I.P. di Brescia il 29 maggio 2012 nel caso www.dduniverse.net, e quello, con contestuale inibitoria ex artt. 14-17 del D. Lsgl. 2003, del PM di Cagliari in data 19 aprile 2011, nel corso dell’azione penale avviata nei confronti degli amministratori del sito www.btjunkie.org e www.btjunjkie.com.
  4. Una tendenza all’enforcement globale, senza limiti territoriali, delle decisioni giudiziarie concernenti l’inibitoria delle violazioni commesse via internet è stata emessa dalla Corte Suprema del Canada in data 28 giugno 2017 in una causa di contraffazione e di violazione del segreto industriale fra imprese, che ha coinvolto le società del gruppo Google e la canadese Equustek.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati