riciclaggio

Sequestro di criptovalute illecite: le strategie dei governi e le difficoltà da superare

I rischi legati alla criminalità finanziaria e al riciclaggio di denaro sono da sempre fonte di preoccupazione per le autorità di regolamentazione, che si trovano oggi ad affrontare una maggiore pressione per l’approvazione di leggi sui criptoasset man mano che le valute digitali sono più diffuse. Gli strumenti e i problemi

23 Set 2022
Davide Agnello

Analyst, Hermes Bay

bitcoin2

Il furto di criptovalute rappresenta una modalità strategica di reperire risorse economiche per le organizzazioni criminali grazie alla possibilità di svolgere tali operazioni nell’anonimato. Inoltre, le monete virtuali vengono anche utilizzate per operazioni di riciclaggio per camuffare i capitali ricavati da attività illecite, in quanto tali monete possono essere utilizzate liberamente senza intermediari finanziari.

L’utilizzo di criptovalute rubate è anche divenuto un mezzo di finanziamento per attività governative: la Corea del Nord è attualmente l’unico Paese che si sovvenziona in tal modo, aggirando le restrizioni finanziarie che le sono imposte.

Le tattiche di furto di criptovalute

Attualmente le tattiche di furto di criptovalute si distinguono in:

  • peel chain“, ossia uno spostamento attraverso migliaia di transazioni per offuscare la loro origine e destinazione;
  • chain hopping“, in base alla quale il denaro viene spostato da una criptovaluta all’altra creando una scia di denaro che è quasi impossibile da tracciare;
  • mixer“, nel quale si accettano transazioni da qualunque utente; il pagamento avviene da diversi portafogli o anche valute diverse nel tentativo di differenziare depositi e prelievi.

Già nel 2021, l’Internal Revenue Service (IRS) americana aveva sequestrato 3,5 miliardi di dollari in criptovaluta, mentre 8,6 miliardi ne sono stati riciclati.

17 novembre, milano
Spalanca le porte all’innovazione digitale! Partecipa a MADE IN DIGItaly

Strumenti di sorveglianza e analisi blockchain per individuare gli spostamenti di criptovalute

Di fatto, a seguito di furti multimilionari è diventato necessario per i Governi attuare strategie che garantissero un maggior controllo sulle piattaforme di criptovalute colpite e il sequestro del denaro rubato. Al fine di individuare gli spostamenti delle monete digitali, gli Stati Uniti hanno investito in modo significativo in strumenti di sorveglianza e analisi blockchain, finanziando aziende come Chainalysis, TRM Labs ed Elliptic, le quali vendono software per tracciare e analizzare l’ecosistema delle criptovalute.

Un esempio è il TRM Forensics, un prodotto progettato per tracciare gli spostamenti su 26 blockchain differenti, rappresentando graficamente il flusso dei fondi monitorati e identificando i portafogli in cui tali flussi avvengono. Un altro è il Chainalysis Reactor, il quale fornisce una sorveglianza continua di diverse risorse in modo che un cliente possa sapere se un portafoglio appartiene a un mercato darknet, ovvero ad una piattaforma dove avvengono scambi di criptovalute ad alto rischio.

Furti di criptovalute, frodi: che cosa rischiano i possessori e le soluzioni

Modalità di sequestro dei fondi cripto usati dagli Usa

Oltre al tracciamento, Washington utilizza tre principali modalità di sequestro dei fondi cripto.

Un metodo è stato fornito dal più grande sequestro di moneta digitale avvenuto nel 2022 a seguito dell’hacking di Bitfinex, un sito di cambiavalute virtuale. Nel 2016 Heather Morgan e suo marito Ilya Lichtenstein hanno rubato 3,6 miliardi di dollari in criptovalute; il denaro è quindi stato spostato su diversi portafogli e per diverso tempo è stato tentato un riciclo di tale denaro. Una volta ottenuto il mandato di perquisizione degli account sospetti, la polizia è riuscita ad entrare in possesso di un file crittografato che conteneva 2.000 indirizzi di criptovalute e chiavi private, di cui tutti i portafogli erano collegati all’attacco cyber a Bitfinex. Le forze dell’ordine hanno potuto quindi ottenere mandati di sequestro per tutti quei fondi illeciti che sono finiti su borse finanziare conformi.

Un altro strumento impiegato dal governo statunitense è quello di indurre i criminali a cooperare e a fornire le chiavi private al Governo nell’ambito di una negoziazione o patteggiamento.

Infine, la terza strategia adottata da Washington è quella di compromettere la sicurezza del bersaglio attraverso il lavoro delle agenzie di intelligence e dei collaboratori. Tuttavia, questa operazione può essere complicata da condurre in Paesi ostili.

Il National Cryptocurrency Enforcement Team (NCET)

In ambito interno, il Department of Justice (DoJ) ha istituito una nuova divisione sulle valute virtuali, il National Cryptocurrency Enforcement Team (NCET). Il gruppo è composto da avvocati e pubblici ministeri che hanno lavorato nel settore delle criptovalute, della criminalità informatica e del riciclaggio di denaro. Il NCET persegue tutti i casi del Dipartimento che coinvolgono l’uso criminale di risorse digitali, con particolare attenzione agli scambi di valuta virtuale, ai fornitori di infrastrutture digitali in ambito blockchain, ai mixer di criptovalute, ovvero programmi che uniscono una certa quantità di criptovaluta in pool privati ​​prima di trasferirla ai destinatari designati, e monete digitali e altre entità che consentono l’impiego improprio di criptovaluta e delle relative tecnologie.

L’NCET lavora in stretta collaborazione con i componenti del Dipartimento, tra cui la Sezione Criminalità Informatica e Proprietà Intellettuale della Divisione Criminale (CCIPS), la Sezione Riciclaggio di Denaro e Recupero dei Beni (MLARS), gli Uffici dei Procuratori, la Divisione di Sicurezza Nazionale e l’FBI. Quest’ultimo ha recentemente creato la Virtual Asset Exploitation, una sezione di esperti di monete elettroniche dedicata a fornire analisi, supporto e formazione per il Bureau, oltre a innovare gli strumenti per il contrasto alle nuove minacce.

Sequestri di criptovalute in UK

Anche la polizia britannica ha sequestrato milioni di criptovalute adottando strategie simili a quelle statunitensi. La polizia di Greater Manchester ha restituito oltre 5 milioni di dollari alle vittime di una truffa internazionale, dopo aver recuperato una chiavetta USB che conteneva quasi 10 milioni di dollari in Ethereum; altri 12,7 milioni di dollari sono stati trovati in quella che è stata poi descritta come una “cassetta di sicurezza crittografica”. In totale, a gennaio 2022, le autorità di Londra hanno sequestrato un totale di 435 milioni di dollari in Bitcoin illeciti.

Il Regno Unito e gli Stati Uniti hanno regole diverse in materia di sequestri di criptovalute. Secondo il Proceeds of Crime Act del Regno Unito, la criptovaluta è classificata come proprietà (e non come contanti), il che significa che le forze dell’ordine devono attendere che un sospettato venga condannato prima di recuperarla.

In altre occasioni, se i Governi non possono accedere alle criptovalute che stanno monitorando, come nei casi in cui i fondi si trovano in portafogli non custoditi per cui non è possibile perseguire terzi, le autorità procedono a congelare i fondi.

Gli ostacoli nel monitoraggio dei movimenti di criptovalute

Sebbene le agenzie governative abbiano attuato varie misure per contrastare l’uso illegale delle monete virtuali e sequestrare quelle detenute dai criminali, permangono tuttora alcuni ostacoli nel monitoraggio dei loro movimenti.

Uno degli strumenti maggiormente impiegati per eludere i tracciamenti sono i già citati mixer, i quali secondo un rapporto di Chainalysis, hanno movimentato in media oltre 50 milioni di dollari al mese nel primo semestre del 2022, il doppio rispetto al 2021. Tramite questi servizi, è possibile disconnettere i fondi di criptovaluta che gli utenti depositano e le somme che prelevano. Questa operazione viene effettuata unendo insieme i fondi di vari utenti in modo casuale. Gli utilizzatori possono quindi ricevere somme da conti equivalenti a quelli che hanno versato, una volta sottratta una commissione di servizio. Alcuni mixer rendono i fondi ancora più difficili da rintracciare, consentendo ai clienti di ricevere quote di dimensioni differenti da indirizzi diversi e a orari scaglionati. Altri, invece, cercano di nascondersi cambiando la commissione su ogni transazione o variando l’indirizzo del deposito utilizzato.

Un altro problema in cui è possibile incorrere nel tracciamento delle criptovalute è la difficoltà nell’individuare il denaro dopo che è stato depositato presso un servizio bancario. Infatti, quando qualcuno effettua un versamento al proprio indirizzo, la criptovaluta è spostata e raggruppata con i fondi di altri utenti. Analizzando le blockchain, risulta quindi impossibile mappare i movimenti all’interno di una borsa di scambi.

Un’ulteriore criticità riguarda i servizi di nested exchange crypto, servizi che permettono all’utente di operare utilizzando indirizzi ufficiali di altri servizi di exchange o banche. Il nesting è comunemente usato nei sistemi bancari tradizionali per fornire servizi che una banca non può offrire, come i trasferimenti internazionali. In ambito crypto, i nested exchange spesso hanno procedure KYC (Know Your Customer) e AML (Anti Money Laundering) meno rigide o addirittura inesistenti. Questa violazione delle norme è spesso sfruttata dai criminali informatici. Qualora venissero rintracciati dei fondi da un indirizzo non etichettato come appartenente a un servizio nidificato o a un fornitore di servizi commerciali, il tracciamento risulterebbe quasi impossibile.

Un esempio in tal senso si è verificato nel giugno 2021, quando è stato osservato che gli indirizzi associati al ransomware Ever101 inviavano denaro a un indirizzo appartenente a RubRatings, un sito che accetta pagamenti in criptovaluta. In realtà, Ever101 aveva versato denaro presso un indirizzo ospitato da un fornitore di servizi commerciali di cui pure RubRatings era cliente. Gli inquirenti sono stati tratti in inganno perché hanno utilizzato uno strumento di analisi della blockchain che ha erroneamente etichettato tutti gli indirizzi come appartenenti a RubRatings.

Conclusioni

In conclusione, i rischi legati alla criminalità finanziaria e al riciclaggio di denaro sono stati fonte di preoccupazione per le autorità di regolamentazione di tutto il mondo, che si trovano ad affrontare una maggiore pressione per l’approvazione di leggi sui criptoasset man mano che le valute digitali diventano più diffuse.

Dal punto di vista legale, confiscare le criptovalute può essere complicato, poiché la maggior parte delle monete virtuali sono refrattarie al sequestro. Di fatto, il governo dovrà avere accesso all’identità dell’individuo, ai suoi indirizzi bitcoin e alle sue chiavi private prima di poter accedere ai fondi illeciti.

WHITEPAPER
Le fasi del mining: stabilire un obiettivo e la criptovaluta. Scopri di più
Blockchain
Criptovalute
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4