Italia digitale 2026

Space Economy, tutte le urgenze sul tavolo del nuovo Governo

Nonostante il posizionamento internazionale dell’Italia e il livello della nostra industria spaziale, il momento storico e geopolitico pone grosse sfide. La strategia indicata dal documento “Italia Digitale 2026” e gli appuntamenti nevralgici per affermare il ruolo del nostro paese nel contesto internazionale e europeo

26 Ott 2022
Pietro Santoriello

Space Economy Consultant, Partners4Innovation - Gruppo Digital360

international-space-station-iss-space-station-construction

L’Italia sta vivendo una fase di transizione tra due governi, in mezzo a una crisi geopolitica-energetica e altre situazioni spinose che rischiano di coinvolgere il settore spaziale. Il documento stilato dal ministro uscente Vittorio Colao con deleghe per l’aerospazio individua ciò che è stato fatto e ciò che sarà da fare riguardo diversi temi, con focus particolare per le attività spaziali italiane e il loro risvolto internazionale.

Il nuovo governo, ad oggi ancora non insediato, si impegnerà ad affrontare le nuove sfide del settore con la Ministeriale ESA di novembre 2022, a cui sarà necessario partecipare con una strategia chiara per poter mediare favorevolmente con i partner europei. Saranno perciò cruciali i prossimi impegni internazionali, nello specifico dopo quanto riscontrato con il “Trattato tra la Repubblica Italiana e la Repubblica Francese per una cooperazione bilaterale rafforzata”, noto anche come “Trattato del Quirinale”, con cui sembra che la Francia abbia rafforzato il suo ruolo di leadership nel settore spaziale europeo.

there is a lot of space in Italy

Space Economy: la situazione globale e il posizionamento dell’Italia nella fase di transizione

Il settore Space Economy è destinato a crescere, con un CAGR del 6,84% tra il 2022 e il 2026. La prima parte del 2022, nonostante le potenziali minacce, è risultata come un periodo florido per l’economia spaziale globale: sono stati 1022 gli oggetti spaziali disposti in orbita, portati da 72 lanciatori, solamente durante i primi sei mesi del 2022 (Fonte: The Space Report 2022, Space Foundation). La maggior parte di questi sono satelliti commerciali, a conferma del dato di Space Foundation per cui la maggior parte dei soldi generati nell’industria spaziale deriva dal settore commerciale con un boost del 6,4% nei ricavi dell’ultimo anno.

WHITEPAPER
Robot intelligenti: i vantaggi nei progetti di automazione nell'Industry4.0
Industria 4.0
Realtà virtuale

L’Italia si posiziona nella top ten per investimenti nel settore spaziale in relazione al PIL, sia per la classifica dell’European Space Policy Institute sia per lo studio condotto da OCSE. A livello europeo l’Italia si attesta come terzo stato contribuente ai programmi dell’Agenzia Spaziale Europea dopo Francia e Germania. Parlando di export nel settore spaziale l’Italia risulta il quarto paese a livello globale, come sottolineato dal report (2021) a cura della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

Spazio, prossima frontiera le regole: ecco dove intervenire

Certo, le variabili analizzate sono diverse e perciò il risultato dei report varia a seconda dei dati considerati: ciò che è certo e che è importante sottolineare in questa fase di incertezza è che l’Italia ha una posizione consolidata a livello globale. Ci posizioniamo come una delle prime economie spaziali e come una delle uniche industrie spaziali ad avere a disposizione l’intera filiera, dalla produzione alla commercializzazione dei servizi. È una situazione vantaggiosa, ma per cui è necessaria una continua “alimentazione” in termini di investimenti e cooperazione: in proposito l’Italia collabora e partecipa al programma Artemis per il ritorno sulla Luna, che però ha visto un primo rinvio alla data prevista per il lancio a causa di problemi ai motori. Altre collaborazioni riguardano a livello europeo i programmi di Osservazione della Terra come la futura costellazione Iride (collaborazione del governo italiano con Agenzia Spaziale Italiana e con Agenzia Spaziale Europea) o lo spazioporto previsto a Grottaglie, in Puglia.

Italia Digitale 2026: il report del Ministro uscente

Il ministro, uscente, per l’Innovazione Tecnologica e la Transizione Digitale, Vittorio Colao, con deleghe all’aerospazio, ha pubblicato un documento strategico intitolato “Italia Digitale 2026. Risultati 2021-2022 e azioni per 2023-2026”. Il Piano previsto nel documento integra le risorse previste dal PNRR e da fondi nazionali per il consolidamento di progetti avviati e per indicare la strada verso altri. Una sezione è dedicata al settore spaziale, dove viene ribadito come lo Spazio sia un ambito di forza per l’Italia e un’opportunità di grande sviluppo. Il documento individua nel cosiddetto upstream la necessità di consolidare la presenza italiana, in particolare nell’ambito dei lanciatori, dell’Osservazione della Terra e dei moduli spaziali per lo sviluppo dell’esplorazione spaziale. A questo si unisce uno sviluppo del settore downstream, in particolare grazie ad un più diffuso utilizzo dei dati provenienti dallo Spazio e grazie all’incremento di servizi a Terra. La strategia descritta individua quattro ambiti principali di intervento: SatCom, Osservazione della Terra, Space Factory, Economia in Orbita. In tutti questi settori viene ribadita la volontà di implementare gli asset già esistenti. Nello specifico per l’Osservazione della Terra e il ramo dei lanciatori la strategia delineata vuole incentivare lo sviluppo, rispettivamente, di una nuova costellazione di satelliti EO (Earth Observation) e di una nuova generazione di lanciatori con sistemi di propulsione più efficienti e sostenibili. Nel report è stato evidenziato anche ciò che è stato fatto nel biennio 2021-2022 e le prossime azioni per il biennio successivo, per cui in particolare l’Agenzia Spaziale Italiana dovrà compiere i primi passi. Tra tutti i progetti delineati parrebbe di particolare interesse strategico lo sviluppo della nuova costellazione Iride per l’Osservazione della Terra, la creazione e assegnazione di bandi per nuove tecnologie di lancio e di telecomunicazione come anche l’accrescimento dei programmi cooperativi internazionali con l’assegnazione di eventuali ulteriori finanziamenti.

Previsioni e considerazioni geopolitiche

Nel documento viene ribadito come l’Italia possa assumere un ruolo di leadership nei settori di Osservazione della Terra, lanciatori e telecomunicazioni. È certo che le potenzialità ci sono, come evidenziato in precedenza, ma le tre aree sono molto diverse tra di loro e rappresentano tre mercati con caratteristiche molto differenti.

Nel settore dell’Osservazione della Terra a livello europeo l’Italia sta crescendo molto e può vantare una storia di successo (in particolare nei sistemi radar SAR) grazie alla costellazione europea Copernicus, per buona parte di contribuzione italiana, alla costellazione italiana Cosmo Sky-Med e alla già citata costellazione, con sistema ottico, “Iride”, per cui si prevede il lancio dei primi satelliti nel 2026. Il settore dei lanciatori vede una competizione molto maggiore. Senza dover andare fuori dal continente europeo, la Francia in questo è allo stesso tempo nostro competitor e nostro partner, ma al momento ne detiene la leadership a livello europeo. Su questo tema nello specifico il recente Trattato del Quirinale mediato proprio con la controparte francese, ha visto l’Italia distante dal perseguimento dei propri interessi in questo ambito specifico, lasciando ampio margine di manovra alla Francia. Stando a quanto dichiarato dal Ministro dell’Innovazione Tecnologica e Digitale (MITD) nel settore spaziale saranno investiti complessivamente 4,5 miliardi di euro, che però risultano, se vogliamo fare un paragone, meno della metà dei fondi stanziati da Parigi per i propri programmi spaziali: il 19 settembre 2022, infatti, la Francia ha annunciato uno stanziamento di 9 miliardi per i prossimi 3 anni.

Su questi due ambiti, cioè Osservazione della Terra e lanciatori, il Ministro Vittorio Colao ha sostenuto il supporto tecnico ed amministrativo dell’Agenzia Spaziale Europea per lo sviluppo di programmi spaziali nazionali inquadrati nel PNRR (in cui rientra anche la costellazione Iride), di fatto sorpassando le capacità dell’ente governativo predisposto, cioè l’Agenzia Spaziale Italiana. Una strategia che, sommata al Trattato del Quirinale, pare, almeno apparentemente, smorzare il potenziale degli asset nazionali. Di questo avviso è Andrea D’Ottavio che su Geopolitica.info definisce l’Italia in questa specifica contingenza non come una potenza spaziale, come i numeri e i report farebbero intendere, ma come un “prezioso serbatoio di elevate competenze al servizio di obiettivi strategici di paesi terzi, Francia in primis”.

Conclusioni

Tutto ciò evidenzia una situazione di incertezza: nonostante il posizionamento internazionale dell’Italia e il livello della nostra industria, il momento storico e geopolitico pone grosse sfide. Sarà particolarmente interessante monitorare nelle prossime settimane la transizione verso il nuovo governo e le decisioni strategiche che verranno prese in carico dal futuro esecutivo sui temi spaziali. Riguardo a ciò sicuramente il documento del ministro Vittorio Colao traccia una base strategica importante: un indirizzo che, sembra, potrà essere di grande utilità a coloro che medieranno la prossima programmazione europea (2023-2025) durante la Ministeriale ESA di fine novembre 2022, in uno degli appuntamenti nevralgici per il prossimo triennio.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4