l’executive order

Usa, obiettivo bloccare l’innovazione in Cina: l’impatto delle sanzioni



Indirizzo copiato

Il presidente Joe Biden ha vietato nuovi investimenti Usa in Cina in tre settori chiave: IA, semiconduttori avanzati e tecnologie dell’informazione quantistica. Ciò include eventuali nuovi investimenti indiretti, private equity, capitale di rischio, joint venture e investimenti greenfield. L’impatto dell’executive order sullo scenario globale

Pubblicato il 30 ago 2023



cina tech

Il 9 agosto scorso, il Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha emesso un ordine esecutivo (Executive Order on Addressing United States Investments in Certain National Security Technologies and Products in Countries of Concern) limitando specifici investimenti statunitensi in imprese cinesi che operano in settori tecnologici sensibili come i chip dei computer. L’Ordine Esecutivo stabilisce inoltre che è necessario avvisare il governo quando si effettuano tali investimenti.

Lo stesso giorno, il Dipartimento del Tesoro USA ha pubblicato un “ Advanced Notice of Proposed Rulemaking ” (“ANPR”), avviando il processo di emissione di regolamenti per imporre le nuove restrizioni agli investimenti.

Settori target e tipologie di investimento

L’Ordine Esecutivo si rivolge principalmente a tre settori specifici dell’economia cinese: semiconduttori avanzati, tecnologie dell’informazione quantistica e intelligenza artificiale .

La gamma di entità prese di mira comprende private equity, venture capital, joint venture e investimenti greenfield.

L’Executive Order si applicherà solo ai potenziali investimenti, lasciando inalterati quelli esistenti, mentre il Tesoro americano potrà richiedere la divulgazione di transazioni precedenti .

La strategia Usa: obiettivi e tempistiche

Secondo funzionari statunitensi, l’obiettivo generale di questo ordine è impedire il flusso di capitali e competenze americane verso lo sviluppo di tecnologie che potrebbero potenzialmente rafforzare i progressi militari della Cina, mettendo a rischio la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Hanno anche citato l’Ordine Esecutivo come parte del loro sforzo di “ridurre i rischi” nelle relazioni degli Stati Uniti con la Cina, ma non di “disaccoppiarle” da esse.

Secondo Dezan Shira & Associates, è probabile che l’ordine esecutivo e i requisiti ANPR non siano efficaci per diversi mesi e potenzialmente fino all’inizio del 2024, dato il tempo necessario per elaborare molteplici cicli di commenti pubblici, emanare progetti di regolamenti e pubblicare la norma finale. L’ANPR sollecita il commento pubblico fino al 28 settembre 2023.

L’Ordine Esecutivo viene descritto come “un’azione strettamente mirata dell’amministrazione” che integra i controlli esistenti sulle esportazioni e sottolinea “l’impegno di lunga data per l’apertura degli investimenti”.

  • Cosa ricomprende: l’Executive Order si applica specificamente al finanziamento azionario, al debito convertibile, agli investimenti greenfield e alle joint venture che potrebbero portare alla creazione di una nuova entità cinese nei settori stipulati .
  • Cosa è esente: in particolare sono esenti le licenze tecnologiche, le transazioni materiali soggette a controlli sulle esportazioni e i flussi di capitale di routine tra società madri e controllate in Cina , anche all’interno dei settori coperti.

L’ANPR delinea due tipologie di restrizioni sugli investimenti interessati:

  • Il primo, è un divieto assoluto degli investimenti statunitensi in tecnologie e prodotti di sicurezza nazionale, relativi ai settori avanzati dei semiconduttori, della microelettronica, della tecnologia quantistica e dell’intelligenza artificiale utilizzati per applicazioni militari, di intelligence, di sorveglianza, di sicurezza informatica e simili;
  • Il secondo riguarda i requisiti di notifica per le transazioni che presentano minori preoccupazioni per la sicurezza nazionale.

L’ANPR elenca anche le attività escluse dalle “transazioni coperte”, come collaborazioni di ricerca, approvvigionamento di materie prime, licenze di proprietà intellettuale, servizi bancari, rating del debito e servizi secondari relativi a una transazione.

Chi è la “persona straniera coperta”

L’ANPR del Tesoro degli Stati Uniti definisce il termine “persona straniera coperta” per includere le entità cinesi impegnate in attività identificate o le filiali che comprendono oltre il 50% delle metriche finanziarie, estendendo quindi gli obblighi di conformità previsti dall’Executive Order alle società madri statunitensi per le loro filiali estere. Per quanto riguarda le filiali di società statunitensi, l’Executive Order impone alle entità statunitensi di informare il Dipartimento del Tesoro e di garantire che le loro filiali controllate si astengano dalle transazioni coperte.
Il Dipartimento del Tesoro sta considerando le transazioni “indirette” nell’ambito delle “transazioni coperte”. Tali situazioni possono includere scenari in cui un individuo statunitense investe consapevolmente in un’entità di un Paese terzo che intende utilizzare l’investimento per condurre una transazione con un soggetto estero coperto. Questa potenziale inclusione ha lo scopo di assoggettare tali transazioni alle norme che si applicherebbero se fossero effettuate direttamente da un soggetto statunitense.

La reazione della Cina

Il Ministero del Commercio cinese ha espresso “ grave preoccupazione” per l’ordine esecutivo, evidenziando il grave impatto sulle operazioni e sulle decisioni commerciali, insieme alle interruzioni delle norme commerciali internazionali. Il MOFCOM ha chiesto il rispetto delle leggi sull’economia di mercato e dei principi di concorrenza leale e ha esortato gli Stati Uniti ad evitare di ostacolare gli scambi economici globali e la cooperazione o di impedire la ripresa economica mondiale. L’ambasciata cinese negli Stati Uniti ha anche affermato che le restrizioni danneggeranno sia le imprese cinesi che quelle americane, interferiranno con la normale cooperazione e ridurranno la fiducia degli investitori negli Stati Uniti.

Poiché l’ordine esecutivo comprende anche Hong Kong e Macao, il governo di Hong Kong ha rilasciato una dichiarazione separata in cui definisce le restrizioni statunitensi come “ misure irragionevoli ” contro la regione amministrativa speciale. Ha criticato l’ostacolo alle normali attività di investimento e commerciali e ha sottolineato che le misure interrompono l’ordine economico e commerciale globale. Il governo di Hong Kong ha aggiunto che queste azioni hanno introdotto ulteriore incertezza nella crescita economica globale.

Sulla scena globale, durante il recente vertice del G7 a Hiroshima, in Giappone, il Presidente Biden ha avviato conversazioni con altri leader nazionali sugli sforzi di collaborazione per ridurre gli investimenti hi-tech in Cina. In particolare, gli alleati degli Stati Uniti, come il Regno Unito e l’Unione Europea , hanno apertamente suggerito la possibilità di adottare misure simili.

L’impatto dell’executive order sul settore tecnologico e sull’economia cinese

Per Dezan Shira & Associates, data la sua portata specifica, l’impatto diretto dell’Executive Order sarà probabilmente limitato, ma potrebbero verificarsi potenziali effetti dissuasori. Anche l’accesso della Cina a ingenti capitali potrebbe attenuarne in parte l’impatto. Tuttavia, il divieto arriva in un momento di vulnerabilità economica per la Cina: l’Ufficio nazionale di statistica cinese ha segnalato un calo dei prezzi al consumo a luglio, segnando il primo calo del genere in oltre due anni. Inoltre, poiché molte città e imprese cinesi sperano di stimolare le economie locali dopo l’impatto del Covid-19, questo divieto statunitense potrebbe aumentare la diffidenza tra gli investitori del settore privato, nonostante gli sforzi coordinati di rilancio del governo.

Un tempo “calamita” per il capitale di rischio statunitense, il settore tecnologico di Pechino ha registrato una significativa riduzione degli investimenti statunitensi a causa delle crescenti tensioni geopolitiche. Negli ultimi due anni, gli investitori statunitensi hanno infatti notevolmente ridotto il loro coinvolgimento, determinando un impatto più ampio sul sentiment degli investimenti al di là dei settori direttamente interessati. L’anno scorso, ad esempio, gli investimenti diretti statunitensi in Cina sono scesi al minimo ventennale di 8,2 miliardi di dollari, mentre gli investimenti statunitensi in capitale di rischio hanno raggiunto il minimo decennale di 1,3 miliardi di dollari, come riportato dal Wall Street Journal, indicando il sostanziale calo degli investimenti.

Sebbene l’amministrazione Biden abbia inquadrato l’iniziativa esclusivamente nel contesto delle preoccupazioni per la sicurezza nazionale piuttosto che del vantaggio economico, l’ordine esecutivo dimostra la difficoltà di separare le due cose, precisa Dezan Shira & Associates.

Nonostante i divieti di esportazione e le preoccupazioni per gli investimenti cinesi negli Stati Uniti non siano una novità, questa restrizione al flusso di investimenti in Cina non ha precedenti. Contrariamente ai decenni passati, quando gli Stati Uniti incoraggiavano attivamente investimenti più profondi in Cina come mezzo per promuovere l’interdipendenza reciproca e l’allineamento alle norme occidentali, questa recente mossa segna un allontanamento definitivo da tale approccio.

L’impatto sulle relazioni USA-Cina

L’ordine esecutivo rappresenta l’ultimo passo di una serie di misure volte a limitare l’accesso della Cina alla tecnologia avanzata, in linea con la strategia “small yard, high fence articolata dal Consigliere per la sicurezza nazionale statunitense Jake Sullivan. Gli Stati Uniti hanno già imposto restrizioni su alcune esportazioni di tecnologia verso la Cina, ad esempio tramite il CHIPS and Science Act nell’ottobre 2022, che mira a impedire l’accesso del Paese a sofisticati strumenti per la produzione di chip.

Il settore tecnologico è un punto focale della rivalità tra Stati Uniti e Cina. Il leader cinese delle telecomunicazioni, Huawei, ha incontrato notevoli ostacoli nel mercato statunitense e in quelli dei suoi alleati, come l’Australia, con tentativi di smantellare le apparecchiature Huawei dalle loro reti.

La Federal Communications Commission degli Stati Uniti ha vietato China Telecom, citando la suscettibilità all’influenza e al controllo del governo cinese. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti, con l’assistenza di Nazioni come i Paesi Bassi, il Giappone e la Corea del Sud, hanno adottato misure sostanziali per impedire alla Cina di sviluppare in modo indipendente capacità di produzione di microelettronica di fascia alta.

Tali azioni hanno provocato ritorsioni da parte della Cina, inclusa la restrizione all’esportazione di metalli critici come il gallio, che sono vitali per la catena di approvvigionamento del Pentagono. Le nuove restrizioni previste dall’Ordine Esecutivo potrebbero contribuire all’escalation del conflitto tra le due maggiori economie del mondo.

Pechino, infatti, è già irritata dalle restrizioni sulle esportazioni di semiconduttori, attrezzature tecnologiche e competenze, che sono considerate un tentativo di frenare l’emergere della Cina come leader tecnologico, con il Presidente cinese Xi Jinping che ha chiesto a Biden di eliminare tali restrizioni.

Tuttavia, negli ultimi mesi, il Segretario di Stato Antony Blinken, il Segretario al Tesoro Janet Yellen e altri funzionari americani hanno avviato rinnovati colloqui con funzionari cinesi. Anche il Segretario americano al Commercio Gina Raimondo sta visitando la Cina. La Raimondo ha descritto il viaggio come mirante a promuovere una “sana concorrenza”, ritenendo allo stesso tempo la Cina responsabile delle questioni di sicurezza che preoccupano gli Stati Uniti. Il presidente Biden, in precedenza, ha sottolineato di voler stabilizzare le relazioni con la Cina piuttosto che cercare un conflitto o una nuova “Guerra Fredda”.

Come precisato, Raimondo è il quarto alto funzionario americano a visitare la Cina negli ultimi tre mesi. Il suo viaggio si svolge mentre l’amministrazione Biden è pronta a finalizzare le restrizioni sui semiconduttori avanzati stabilite lo scorso anno, in un momento in cui la Cina fatica a trovare la sua strada dopo i blocchi pandemici dello scorso anno e in un contesto di ampia recessione nel settore immobiliare.

Resta ancora da vedere come queste visite politiche verranno bilanciate da altre azioni normative rivolte alla Cina.

Lo scenario globale

A metà agosto scorso, gli Stati Uniti hanno stretto un accordo con il Giappone e la Corea del Sud che prevedeva impegni di cooperazione in materia di difesa e promesse di combattere la “coercizione economica” – con evidenti riferimenti alla Cina. La Cina, a sua volta, ha accusato gli Stati Uniti di tentare di dividere la regione e di danneggiare gli interessi cinesi.

Con altre parole che difficilmente saranno musica per le orecchie di Pechino, il Primo ministro giapponese Fumio Kishida ha detto che tutti e tre i Paesi saranno membri del Consiglio di sicurezza dell’ONU l’anno prossimo e che dovrebbero esercitare pressioni sull’espansione di Pechino e sul programma nucleare di Pyongyang.

Nel frattempo, le tensioni tra Stati Uniti e Cina rimangono elevate. Durante il vertice BRICS in Sud Africa, Wang Wentao, ha letto una dichiarazione del presidente Xi che criticava gli Stati Uniti per le loro “tendenze egemoniche”.

Wang, tramite Xi, ha messo in guardia contro “una nuova guerra fredda” e ha criticato una Nazione “ossessionata dal mantenimento dell’egemonia” per aver indebolito i mercati emergenti e i Paesi in via di sviluppo.

Retorica e propaganda. Tuttavia, alcuni osservatori ipotizzano che vi siano segnali secondo cui le due Nazioni potrebbero avvicinarsi cautamente a uno spazio più conciliante.

Il premier cinese Li Qiang ha recentemente affermato che i Paesi possono trarre vantaggio dalla cooperazione commerciale e dal mantenimento di catene di approvvigionamento globali stabili, mentre gli Stati Uniti – sempre ad agosto – hanno rimosso le restrizioni commerciali su 27 aziende cinesi, una mossa che ha ricevuto il consenso di Pechino.

Separatamente, il Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti ha annunciato di aver accettato di aggiungere altri sei voli operati da compagnie aeree cinesi, a partire dal 1° settembre.

Gao Lingyun, un esperto dell’Accademia cinese delle scienze sociali di Pechino, ha detto al Global Times che “Tali mosse indicano che l’amministrazione Biden si sta gradualmente rendendo conto che l’incessante repressione e il contenimento dello sviluppo della Cina avranno un impatto sugli interessi dell’America“.

Ma prima della sua missione a Pechino, la Raimondo, parlando con i giornalisti negli Stati Uniti, non ha intaccato minimamente le aspettative degli Stati Uniti riguardo al suo viaggio.

“Voglio essere chiara con voi su quale sia il mio obiettivo per la visita, ovvero promuovere una sana competizione”, ha detto Raimondo prima di partire per la Cina. “E con questo intendo una competizione ad armi pari, rispettando le regole, perché a parità di condizioni nessuno può superare le imprese americane o i lavoratori americani”.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2