I numeri

Come il procurement diventa leva per l’efficienza della PA: i dati di Consip

A fine 2020 è stata pari 16,4 miliardi di euro il valore della spesa della PA passata su strumenti Consip, come il Mepa, lo Sdapa e le gare in ASP, una cifra raddoppiata rispetto a quattro anni prima: un dato importante per capire il ruolo del procurement nell’innovazione della PA

21 Mag 2021
Partenariato Pubblico Privato

Il ruolo di Consip nel sistema degli approvvigionamenti pubblici è stato molto spesso associato ai risparmi di prezzo, conseguiti attraverso le iniziative di acquisto centralizzate (Convenzioni e Accordi quadro). Si tratta di numeri significativi – circa 13 miliardi di euro di risparmi messi a disposizione della PA nell’ultimo quadriennio – legati anche al progressivo allargamento del perimetro di offerta merceologica di Consip, che ha consentito di fissare best practice di prezzo per un numero crescente di categorie di spesa.

Di pari rilevanza è stata però, nello stesso periodo, la crescita dell’utilizzo da parte della PA di tutti gli strumenti di e-procurement messi a disposizione dalla piattaforma Mef-Consip. Ed infatti, a fine 2020, è stata pari 16,4 miliardi di euro il valore della spesa della PA passata su strumenti Consip, raddoppiando il valore degli acquisti effettuati solo quattro anni prima (8,2 miliardi di euro nel 2016).

Il ruolo degli strumenti di negoziazione

Il maggiore utilizzo di questi strumenti è significativo della crescita di innovazione e di efficienza dei processi di acquisto pubblici e del contributo sostanziale che, negli ultimi quattro anni, è arrivato dagli strumenti di negoziazione disponibili sulla piattaforma degli acquisti Mef-Consip:

INFOGRAFICA
Manufacturing 5.0: ecco i vantaggi della monetizzazione dei dati!
Big Data
IoT
  • il Mepa – Mercato elettronico della PA (per gli acquisti sotto la soglia comunitaria),
  • lo Sdapa – Sistema dinamico di acquisto (dedicato agli acquisti sopra soglia),
  • Gare in ASP – Application Service Provider (per lo sviluppo e la realizzazione di specifiche procedure di gara da parte di singole amministrazioni).

Dal 2016 al 2020, infatti, il ricorso al Mepa, allo Sdapa, alle Gare in Asp è cresciuto esponenzialmente (+175%) e il loro peso complessivo rispetto al totale degli acquisti su tutti gli strumenti Consip è passato dal 46% al 63%.

PNRR, quella voglia di semplificare gli appalti pubblici: che sia la volta buona

Quanto sopra per evidenziare come “il ruolo di Consip nel corso degli anni si sia “evoluto” da esclusivo strumento di risparmio a leva di efficienza per tutto il sistema degli acquisti pubblici. Ha messo a disposizione delle PA nuovi strumenti per innovare e rendere più efficienti le procedure di gara, ha contribuito a diffondere la cultura della digitalizzazione nel settore pubblico, ha facilitato l’incontro fra la domanda e l’offerta ponendosi sempre di più come una vera e propria “cerniera” tra le amministrazioni e il mercato”, spiegano dall’azienda.  Oltre a fornire soluzioni di acquisto “a scaffale”, Consip “supporta, dunque, le PA nell’individuare le migliori soluzioni d’acquisto per le loro esigenze e fornisce assistenza tecnica e merceologica sull’utilizzo degli strumenti di negoziazione, contribuendo a diffondere sempre più la cultura dell’innovazione nella PA”, viene precisato.

Il Mepa: uno strumento al servizio dei Comuni e delle Pmi

Nel 2020, il valore acquisti effettuati dalle amministrazioni sul Mepa è stato di 5,6 miliardi di euro (frutto di oltre 620mila contratti di acquisto conclusi fra PA e fornitori), con un aumento di +15% rispetto al 2019 e del +138% rispetto al 2016, a conferma del trend di crescita costante di questo strumento, che dura ormai da anni.

A fine 2020 sul Mepa risultavano abilitate 156mila imprese (vs 136mila del 2019), di cui oltre il 98% Piccole e medie imprese, che offrono un totale di 8,7 milioni di articoli fra beni e servizi, oltre ai lavori di manutenzione. Quest’ultimo ambito di spesa – i cui bandi sono stati avviati nella seconda metà del 2016 – si colloca ormai fra i più rilevanti e ha fatto registrare, per la prima volta nel 2020, un valore degli acquisti di oltre 1 miliardo di euro, accanto al comparto beni ICT e cancelleria (oltre 1 miliardo di euro). A seguire le altre categorie più numerose sono i servizi legati al Building management (702 milioni di euro), i servizi professionali (656 milioni di euro) i beni sanitari (619 milioni di euro) e i servizi ICT (390 milioni di euro).

Sono dati che confermano la grande fiducia di amministrazioni e imprese in uno strumento che consente, al tempo stesso, di rispettare pienamente le norme sulle procedure d’acquisto in ambito pubblico, ma anche di snellire notevolmente i tempi e di coinvolgere il mercato, in particolare le PMI operanti sui territori locali, nel mercato delle forniture pubbliche. Non a caso, particolarmente significativo è il ricorso al Mepa da parte dei Comuni italiani, che nel 2020 vi hanno effettuato acquisti per 1,7 miliardi di euro (ovvero il 30% degli acquisti complessivi su questo strumento). Inoltre, più del 90% dei Comuni italiani è risultato attivo sul Mepa nel 2020 effettuando almeno una transazione.

Lo Sdapa: Sanità, ma non solo

Altrettanto significativi i dati sull’utilizzo da parte delle PA del Sistema dinamico di acquisto (Sdapa). Se in termini di valore degli acquisti il 2020 ha sostanzialmente confermato i livelli dell’anno precedente (sfiorando i 3,8 miliardi di euro ), con un dato comunque triplo rispetto al 2016 (+201%), il grande balzo in avanti si registra in termini di valore delle gare bandite dalle PA – i cosiddetti “appalti specifici” – che passano dai 2,5 miliardi di euro del 2019 ai 5,5 miliardi di euro del 2020.

Di particolare importanza, nel corso del 2020, è stato il fatto che lo Sdapa ha facilitato il regolare svolgimento degli appalti nel periodo più critico dell’emergenza Covid-19 (l’80% del valore delle gare bandite è relativo al settore sanitario). In particolare, il “bando Farmaci” ha consentito:

  • l’acquisizione di oltre 2 milioni di dosi di vaccino antinfluenzale (+25% vs 2019) per il fabbisogno di 6 Regioni (Abruzzo, Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Molise, Umbria)
  • dell’acquisto di farmaci per i reparti di terapia intensiva, per un importo complessivo di 43,4 milioni di euro, con un incremento di oltre 6 volte rispetto al 2019

Da segnalare, fra le altre categorie merceologiche, anche il settore ICT (con quasi 600 milioni di euro di gare bandite) e le derrate alimentari (oltre 200 milioni di euro).

Le gare in ASP: lo strumento per la digitalizzazione delle PA

Anche nel caso delle gare in ASP (Application Service Provider) il 2020 è stato un anno di crescita esponenziale. Sono state, infatti 1.564 – per un valore di 4,3 miliardi di euro – le gare bandite nel 2020 dalle pubbliche amministrazioni, utilizzando a titolo gratuito per i propri acquisti autonomi la piattaforma di e-procurement, con un aumento del +24% rispetto al 2019 e del +1050% rispetto al 2018, anno di avvio del sistema, a conferma dell’elevato e crescente gradimento delle amministrazioni verso uno strumento che consente grande efficienza e personalizzazione dell’acquisto: “La disponibilità della piattaforma di negoziazione per le Gare in Asp e l’assistenza fornita da Consip serve infatti a supportare le PA (inclusi i Soggetti aggregatori) nel rispettare le prescrizioni del Codice degli appalti, che dal 2018 prevede l’obbligo di eseguire comunicazioni e scambi di informazioni nelle procedure d’appalto utilizzando mezzi di comunicazione elettronici”, ha reso noto Consip.

Nel 2020, la piattaforma in ASP ha visto anche l’avvio per la prima volta di gare per lavori e concessioni, che ha registrato un buon riscontro: sono state svolte 43 gare per appalti di lavori (da 24 stazioni appaltanti, per un importo complessivo pari a 87,7 milioni di euro) e 31 gare per l’affidamento di concessioni (da 18 stazioni appaltanti per un importo complessivo di 74,8 milioni di euro).

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati