il commento

Appalti pubblici, i rischi del Semplificazioni: prezzi maggiori, qualità minore

Il DL Semplificazioni ha sancito l’affidamento diretto per contratti pubblici di importo inferiore ai 150mila euro: un processo più rapido, a discapito però della concorrenza e con il rischio di prezzi più alti e minore qualità. In tutto ciò, grande assente è l’e-procurement

29 Lug 2020
Francesco Porzio

Porzio & Partners

baukran-8457_1920

Con il DL Semplificazioni, è ufficiale: per dodici mesi i contratti di importo inferiore a 150.000 euro saranno assegnati senza gara pubblica ma con affidamento diretto, e i restanti contratti di valore inferiore alla soglia comunitaria (5 milioni di Euro per lavori, 209mila euro per beni e servizi da parte di enti locali) sono affidati tramite procedura negoziata senza bando.

Si potranno dunque affidare tali contratti senza confrontare più operatori economici, operazione che fino a ieri si poteva fare, con molta cautela, solo per appalti di valore inferiore a 40mila euro. Una procedura più snella, ma non esente da fronti critici, come la riduzione della concorrenza. Rilevante inoltre il mancato riferimento ai sistemi di E-procurement e alla digitalizzazione del settore appalti.

Il prezzo della maggiore velocità

Dunque dove sta la semplificazione? Certamente per chi non avesse mai letto e applicato il Codice dei Contratti la semplificazione c’è ed è enorme. Ma chi applica le norme in Italia di esperienza ne ha da vendere. Siamo purtroppo ricaduti nel caso in cui si scrive una norma semplice per tentare semplificarne l’applicazione. Ma non è così che funzionano gli appalti pubblici. E anche se si semplificasse qualcosa, perché se non si fa una gara sicuramente la procedura è più semplice e forse si risparmia una settimana o due, il conto che si rischia di pagare è salato: meno concorrenza, rischio di prezzi più alti e qualità più bassa. Vogliamo dunque sperare che agli enti sia lasciata facoltà di continuare a fare gare laddove lo ritengano opportuno. Ma la norma ancora una volta è stata scritta in modo ambiguo e ci si divide tra chi ritiene che, vista la deroga all’art. 36 comma 2 del Codice un ente non possa neanche continuare ad eseguire gare aperte e chi ritiene, come il sottoscritto, che in assenza di abrogazione dell’art. 36 comma 2 del Codice la deroga alle gare resti una facoltà di cui l’ente può avvalersi.

17 novembre, milano
Spalanca le porte all’innovazione digitale! Partecipa a MADE IN DIGItaly

Il Decreto ha limitato il tempo a disposizione a due mesi nel caso di affidamento diretto e quattro mesi nel caso di procedura negoziata senza bando. La conclusione della procedura di affidamento oltre tale termine può provocare la responsabilità del danno erariale per il Responsabile Unico del Procedimento o l’esclusione del fornitore senza indugio e di diritto. Si giunge al paradosso di ricercare il nesso tra ritardo nella stipula di un contratto e danno erariale dopo aver imposto una procedura che non prevede confronto di offerte o gara aperta e che quasi sempre porta un aumento della spesa. Anche la sanzione dell’esclusione del Fornitore evidentemente provoca maggiore danno temporale ed economico rispetto al ritardo stesso: l’obiettivo è spaventare minacciando di sparare con un cannone ma si è consapevoli che dedicando altro tempo e burocrazia a giustificare il ritardo le sanzioni non saranno applicate.

Il Decreto, nel caso delle procedure di importo maggiore di 150.000 euro che prevedono la valutazione di più offerte consente la possibilità di aggiudicare sia al prezzo più basso sia valutando anche la qualità delle offerte. Il tutto, recita il Decreto, nel rispetto dei principi di trasparenza, di non discriminazione e di parità di trattamento. Non c’era bisogno dell’inciso sui sani principi, ma fa sentire più buono chi scrive il Decreto e, seppure ingenuamente, tenta di prevenire le inevitabili critiche sulla poca trasparenza, sulla discriminazione e sulla disparità di trattamento conseguenti agli affidamenti senza gara.

La libertà di aggiudicare sia al prezzo più basso sia valutando anche la qualità delle Offerte è sicuramente buona, ma nel caso di gare aggiudicate al prezzo vi è l’improvvido obbligo di escludere automaticamente le offerte che presentano una percentuale di ribasso pari o superiore a una certa soglia nonostante queste possano essere competitive e congrue. Escludendo tutte le offerte competitive si risparmia il tempo di verificarne la congruità ma senza dubbio si incentiva un aumento dei prezzi in gara e l’aggiudicazione diventa una lotteria in favore di chi ha effettuato il prezzo mediocre, ossia buono ma non troppo poiché si verrà esclusi superando una soglia di ribasso non nota a priori.

Gli inviti alle imprese

Circa gli inviti delle Imprese alle procedure negoziate senza bando, lascia perplessi il “criterio di rotazione degli inviti, che tenga conto anche di una diversa dislocazione territoriale delle imprese invitate”. Potrebbe essere apprezzata la necessità di invitare anche le Imprese più lontane, ma dietro una apparente maggiore attenzione alla distribuzione delle opportunità potrebbe celarsi una riduzione di trasparenza laddove si invitino imprese meno vicine che non risponderanno alla gara lasciando campo libero alle poche restanti. Non è affatto chiaro come questa previsione possa essere conciliata con il criterio più sano e competitivo per effettuare gli inviti che resta sempre l’indagine di mercato o l’elenco di operatori economici (albo fornitori) peraltro giustamente citati nello stesso Decreto subito dopo l’indicazione sulla “dislocazione territoriale”.

Il Decreto ha inoltre stabilito che non sia richiesta la cauzione provvisoria a garanzia dell’offerta, salvo in particolari casi giustificabili in cui l’ammontare è comunque dimezzato. Non è chiaro il nesso con la semplificazione per gli enti, poiché la mancata cauzione consente a un Operatore economico di non stipulare il contratto dopo aver partecipato a una procedura di affidamento, lasciando il campo ad azzardi e provocando ritardi e danni economici per l’Ente.

E-procurement e innovazione trascurati

Se il Decreto individua contromisure ragionevoli per un ipotetico scenario di ricostruzione post terremoto o post bellico, risulta del tutto fuori contesto nel ricercare la semplificazione, l’innovazione digitale e l’incentivazione degli investimenti pubblici, indispensabili oggi non solo perché la Pubblica Amministrazione è il sistema nervoso dell’Italia ma i soldi in appalti pubblici sono il più giusto ed equo incentivo alle Imprese per ripartire. In particolare il DL Semplificazioni sembra scritto negli anni Ottanta, poiché ignora completamente il ruolo abilitante che ha l’E-procurement nella semplificazione e nell’innovazione digitale che per anni abbiamo vissuto in Direttive, Leggi e Regolamenti. Una innovazione nella disciplina nell’E-procurement o quanto meno il semplice ricorso agli attuali strumenti quali il Catalogo dei mercati Elettronici così come oggi disciplinati dal Codice avrebbe apportato grandissimi benefici in termini di pubblicità, apertura al mercato, velocità di aggiudicazione e concorrenzialità.

Si parla tanto di E-procurement e di innovazione e oggi non ci si è accorti che ci avrebbero potuto salvare dalla crisi. Questa è la vera crisi, non accorgersi della possibilità di migliorare e cadere nella spirale negativa. Un’altra occasione persa. Prima di spegnersi, l’eProcurement “fece in tempo a pensare: Poveretti! Io avevo dato il segnale ‘via libera’ per il cielo. Se mi avessero capito, ora tutti saprebbero volare. Ma forse gli è mancato il coraggio”, per citare Gianni Rodari ne “Il Semaforo Blu”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati